HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Ibra: il tuo e il nostro futuro. Inter: il lodo Thohir. Higuain: Parigi osserva. Napoli: isola fagocitata

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
25.07.2015 09.16 di Mauro Suma   articolo letto 114118 volte

Li vedessi, Zlatan. Si avvicinano rispettosi, quasi circospetti e poi con un soffio dell'anima: ma Ibra arriva? Li leggessi, Zlatan. Dopo aver scritto alle tv o sui social, come giusto, non ci vuole una cima per capirlo, che per il Milan le priorità sono in difesa e a centrocampo, ecco che vince l'adrenalina da tastiera: si però Ibra, ma Ibra, certo che se arriva lui...Li sentissi, Zlatan. Gli avversari. Quelli trasparenti e quelli subdoli, tutti. In radio o in tv appena si parla di te la loro salivazione rallenta, regredisce. Poi, subito dopo, il solito campionario di luoghi comuni: no ma non arriva, poi è vecchio, e poi, chiudono con sguardi finto - velenosi anzi imploranti, il Milan in attacco è già a posto, pensasse ad altro. Si, ti piacerebbe. Zlatan, è così. Ti aspettiamo e ti temono. France Football non abita qui. Anzi ben venga il benservito della Francia. Il calcio non è fatto solo di caselle e di piani. È una scintilla. Una scossa. Ed è troppo tempo che il tuo carattere, brutto, pessimo come tutti quelli che ne hanno uno, non fa sentire forti i tifosi del Milan. Dopo due anni di soggezione, il milanista ha bisogno di una cosa e solo di una cosa: gonfiare il petto. Sei stato strappato alla gente rossonera in una estate pagata cara nel tempo. Sei l'unico che può trasformare i cori in ruggiti. In fondo al tuo caratteraccio ci hai voluto bene. E il rossonero percepisce e ricambia. Stiamo sperando che tu torni. Ma proprio perché sei una cosa seria, molto seria, preferiamo non illuderci. Meglio un sano e prudente pessimismo di un grande sogno infranto. Da tempo forse in cuor tuo hai già deciso, ma ci sono ancora tanti problemi importanti che ti separano dal ruggito di San Siro. Tocca a te Zlatan. Battiti come sai anche nella partita dell'estate, nella partita del futuro. Noi, sia che vada bene sia che no, facciamo come nei primi minuti del derby del 14 Novembre 2010: siamo lì con te.

Dopo aver perso Imbula andato al Porto, dopo aver mezzo perso Salah, dopo aver perso sia il neo viola Suarez che il neo blucerchiato Zukanovic, l'Inter si avvia da netta favorita, attacco già completo e rodato, al derby di oggi. Basterà per contravvenire al lodo Thohir e trovare lo slancio per fare arrivare sia Perisic che Jovetic senza fare cessioni importanti? Al post derby l'ardua sentenza. Intanto dopo che Milan e Inter sono partite forte sul mercato, le altre le hanno raggiunte: la Roma con Salah e Dzeko quasi fatti, il Napoli con Bartra e Vrsalijko ben avviati, la Viola con Astori e Destro nel mirino dopo gli ok di Suarez e Gilberto. Milan e Inter devono tornare forti sul mercato di Agosto.

Higuain ha perso il sorriso a Bilbao un anno fa e non l'ha più ritrovato. Sarri è un maestro di vita ma non l'allegria fatta persona. Napoli ha perdonato il Pipita per il rigore contro la Lazio ma è pronta a rimetterglielo in conto. Se Higuain ritrova entusiasmo e voglia, tutto dimenticato. Ma se il campione argentino non esce dal loop psicologico negativo, la città è pronta a perdere la pazienza. Il presidente De Laurentiis non sembra essere fine psicologo sul tema e la matassa va sbrogliata. A Parigi, potrebbero iniziare a prendere informazioni.

Napoli è diventata la nuova città dell'Ischia Isolaverde (Lega Pro) e l'isola stessa è divisa in due. I tifosi duri e puri hanno deciso che finché la squadra allenata da Bitetto si allena sulla terraferma ci sarà lo sciopero degli abbonamenti e hanno chiesto un incontro alla società che ci sarà dopo il rientro dalle vacanze in Grecia del presidente Rapullino. Altri tifosi sussurrano che ad esempio Carpi e Sassuolo non giocano nella loro città e che quindi non bisogna fare casino a prescindere. Il malessere è più profondo: i tifosi dell'Ischia non si raccapezzano fra i vari Di Bello, Rapullino e Iodice. Vogliono sapere solo una cosa: che intenzioni ha Carlino? Per loro è quella l'unica cosa che conta. E a tenerli calmi non sono certo le voci sulla rescissione del contratto (1300 euro mensili!) dell'ischitanissimo portiere Mennella.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.