HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Ibra, no del Milan senza soci. Idea Napoli se parte Higuain. Pogba, una strategia nuova. Mancini tentato dall'Arsenal. I piani della Fiorentina non portano a Corvino. Nazionale, Guidolin no

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
01.04.2016 08.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 45280 volte
© foto di Federico De Luca

L'irruzione in Italia di Mino Raiola ha dato una bella accelerata alle idee di mercato e alle possibili soluzioni operative per l'estate prossima. E' ovvio che molto girerà attorno agli unici due campioni rimasti nella nostra serie A, vale a dire Pogba e Higuain, valutati più o meno cento milioni l'uno. Nessuna decisione è ancora stata presa, naturalmente molto dipenderà da come finirà la stagione, ma intanto si comincia a ragionare.

Guarda caso il procuratore di Pogba è proprio Mino Raiola che ha inoltre il non piccolo problema di trovare una sistemazione importante per Ibrahimovic che dopo quattro anni lascerà il Psg.

Raiola l'altro giorno è stato a Vinovo, poi anche a Milanello dove ha parcheggiato (in tutti i sensi) Balotelli che il Milan non confermerà. Di Balotelli, però, si è parlato poco.

Il nome più caldo è invece quello di Ibrahimovic che al Milan tornerebbe volentieri, soprattutto la moglie è pazza di Milano. Raiola deve aver capito che l'operazione con i rossoneri è praticamente impossibile. Oggi Ibra guadagna 12 milioni più bonus che lo portano attorno ai quindici e anche se dovesse accontentarsi (!) di qualcosa meno, facciamo dieci?, con un contratto come minimo biennale, questa è un'operazione che vale quasi cinquanta milioni. E' vero che il cartellino non incide, ma è chiaro che in questo momento il Milan non può permettersi un giocatore del genere che, fra l'altro, viaggia sui 35 anni . Senza un socio (dove è finito mister Bee?) capace di immettere liquidità e senza la Champions con i suoi cinquanta milioni, il Milan è destinato a campionati di assoluta autarchia.

Quando parla Berlusconi va sempre ascoltato e interpretato. Ieri è stato chiarissimo, senza soci, ha parlato di squadra italiana e giovane. Come dire, facciamo con quel che passa il nostro calcio, soprattutto puntiamo su ingaggi moderati. In questa ottica si inserisce anche una ritrovata disponibilità verso Mihajlovic. Mandarlo via vuol dire pagargli un bel po' di soldi e un nuovo tecnico richiederebbe altri investimenti. Niente sogni, dunque. Non è il momento e vien da sorridere quando, oltre a Ibra, vedo grandi nomi accostati ai rossoneri. Chi li suggerisce mister Bee in persona?

Logico quindi che Raiola pensi anche ad altre soluzioni. Il nome del Napoli non è venuto a caso e parlare di cinema non è solo una battuta caustica. Portare Ibra a Napoli saprebbe tanto di cinepanettone o telenovela. Lo svedese potrebbe essere l'unico giocatore in grado di far digerire ai tifosi un ipotetico addio di Higuain.

Ma l'argentino se ne andrà? Non chiedetelo al Napoli, si innervosisce. C'è una clausola da 94 milioni e chi lo vuole si deve organizzare, il resto in questo momento nessuno lo sa. Se gli azzurri dovessero vincere lo scudetto per Higuain sarebbe più facile salutare in gloria. Invece con il secondo posto l'argentino sarebbe disponibile a restare? De Laurentiis sta provando a prolungare il contratto alzando ingaggio e clausola, ma la trattativa è difficile. In entrambi i casi una carta pronta come Ibra potrebbe servire.

Scendendo più in basso, sempre il Napoli sta provando con l'Udinese a chiudere con Zielinski che gioca a Empoli e Sarri utilizzava come trequartista. Visti i buoni rapporti si può fare.

Tornando a Raiola, con la Juventus sta cercando di mettere a segno una nuova strategia. I bianconeri pensano sempre alla cessione con il reinvestimento dei cento milioni su 3-4 giocatori di alto livello. Operazione possibile e logica che però alzerebbe il monte ingaggi a dismisura. Quindi se Pogba non dovesse chiedere aumenti eccessivi ed è davvero felice di stare a Torino, le risorse finanziarie per un trequartista, un difensore e un esterno di difesa potrebbero arrivare al bonus Champions e da altre operazioni in uscita. Oppure da pagamenti dilazionati. Una mano potrebbe darla proprio Raiola portando a Torino giocatori della sua scuderia come Mikitharyan e convincendo Pogba ad aspettare un altro anno per decollare. Perché questo? La Juve l'anno prossimo vuole puntare sulla Champions, non sarebbe logico smontare ancora la squadra, ma anzi, andrebbe solo rinforzata come detto in alcuni ruoli, per essere ancora più competitiva. Lo scenario è aperto, anche gli Europei potrebbero suggerire nuove indicazioni.

Aperta anche la situazione all'Inter. I nerazzurri stanno lavorando di pari passo con l'Uefa per evitare sanzioni e restare nei limiti finanziari prescritti. Il futuro non prevede grandi investimenti se non ci saranno cessioni importanti (Icardi ?) e Mancini aspetta di conoscere la situazione nei dettagli. C'è ancora una speranza di centrare quel terzo posto che potrebbe cambiare gli scenari, ma nessuno si illude. Difficile in questa situazione, ad esempio, convincere Tourè a venire all'Inter. Che farà Mancini con programmi moderati? Dall'Inghilterra rimbalzano voci, ci sarebbe pronta per lui la panchina dell'Arsenal. Mancini sarebbe il dopo Wenger secondo alcuni tabloid, ma siamo a livello di idea.

Per ora non è venuta invece alla Fiorentina l'idea di riprendere Corvino. La stima è alta, i rapporti cordiali, i contatti ci sono sempre stati, ma l'organizzazione societaria viola che non prevede un unico responsabile dell'area tecnica non sarà cambiata. Non crediamo che Corvino sarebbe disposto a lavorare senza pieni poteri. Comunque gira sempre l'ipotesi di un cambio dopo quattro anni belli con Pradè. Ma, come sopra, anche per la Fiorentina molto dipenderà dal campionato. Se i viola arrivassero terzi (un trionfo, praticamente) un cambio sarebbe ingiustificato.

Il cambio di Conte, invece è stato obbligato. Tavecchio ha tante idee e tutte confuse. Due anni fa ha sfruttato il nome di Conte per metterselo all'occhiello come un fiore, oggi è impossibile. Non ci sono i soldi e i grandi allenatori non si impegnano con questa federazione minore. Ieri girava il nome di Guidolin, ormai Tavecchio li sente tutti. Guidolin è un allenatore bravissimo, ma allenatore. Avrà il tempo per lavorare e gli stage si faranno? Per noi no. Quel genere di tecnico in nazionale fa fatica, ma vallo a spiegare a Tavecchio e al suo fido consigliori Lotito. L'Italia del pallone è nelle loro mani e poi qualcuno si chiede ancora perchè Conte è andato al Chelsea....

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.