HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Ibra, no del Milan senza soci. Idea Napoli se parte Higuain. Pogba, una strategia nuova. Mancini tentato dall'Arsenal. I piani della Fiorentina non portano a Corvino. Nazionale, Guidolin no

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
01.04.2016 08.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 45288 volte
© foto di Federico De Luca

L'irruzione in Italia di Mino Raiola ha dato una bella accelerata alle idee di mercato e alle possibili soluzioni operative per l'estate prossima. E' ovvio che molto girerà attorno agli unici due campioni rimasti nella nostra serie A, vale a dire Pogba e Higuain, valutati più o meno cento milioni l'uno. Nessuna decisione è ancora stata presa, naturalmente molto dipenderà da come finirà la stagione, ma intanto si comincia a ragionare.

Guarda caso il procuratore di Pogba è proprio Mino Raiola che ha inoltre il non piccolo problema di trovare una sistemazione importante per Ibrahimovic che dopo quattro anni lascerà il Psg.

Raiola l'altro giorno è stato a Vinovo, poi anche a Milanello dove ha parcheggiato (in tutti i sensi) Balotelli che il Milan non confermerà. Di Balotelli, però, si è parlato poco.

Il nome più caldo è invece quello di Ibrahimovic che al Milan tornerebbe volentieri, soprattutto la moglie è pazza di Milano. Raiola deve aver capito che l'operazione con i rossoneri è praticamente impossibile. Oggi Ibra guadagna 12 milioni più bonus che lo portano attorno ai quindici e anche se dovesse accontentarsi (!) di qualcosa meno, facciamo dieci?, con un contratto come minimo biennale, questa è un'operazione che vale quasi cinquanta milioni. E' vero che il cartellino non incide, ma è chiaro che in questo momento il Milan non può permettersi un giocatore del genere che, fra l'altro, viaggia sui 35 anni . Senza un socio (dove è finito mister Bee?) capace di immettere liquidità e senza la Champions con i suoi cinquanta milioni, il Milan è destinato a campionati di assoluta autarchia.

Quando parla Berlusconi va sempre ascoltato e interpretato. Ieri è stato chiarissimo, senza soci, ha parlato di squadra italiana e giovane. Come dire, facciamo con quel che passa il nostro calcio, soprattutto puntiamo su ingaggi moderati. In questa ottica si inserisce anche una ritrovata disponibilità verso Mihajlovic. Mandarlo via vuol dire pagargli un bel po' di soldi e un nuovo tecnico richiederebbe altri investimenti. Niente sogni, dunque. Non è il momento e vien da sorridere quando, oltre a Ibra, vedo grandi nomi accostati ai rossoneri. Chi li suggerisce mister Bee in persona?

Logico quindi che Raiola pensi anche ad altre soluzioni. Il nome del Napoli non è venuto a caso e parlare di cinema non è solo una battuta caustica. Portare Ibra a Napoli saprebbe tanto di cinepanettone o telenovela. Lo svedese potrebbe essere l'unico giocatore in grado di far digerire ai tifosi un ipotetico addio di Higuain.

Ma l'argentino se ne andrà? Non chiedetelo al Napoli, si innervosisce. C'è una clausola da 94 milioni e chi lo vuole si deve organizzare, il resto in questo momento nessuno lo sa. Se gli azzurri dovessero vincere lo scudetto per Higuain sarebbe più facile salutare in gloria. Invece con il secondo posto l'argentino sarebbe disponibile a restare? De Laurentiis sta provando a prolungare il contratto alzando ingaggio e clausola, ma la trattativa è difficile. In entrambi i casi una carta pronta come Ibra potrebbe servire.

Scendendo più in basso, sempre il Napoli sta provando con l'Udinese a chiudere con Zielinski che gioca a Empoli e Sarri utilizzava come trequartista. Visti i buoni rapporti si può fare.

Tornando a Raiola, con la Juventus sta cercando di mettere a segno una nuova strategia. I bianconeri pensano sempre alla cessione con il reinvestimento dei cento milioni su 3-4 giocatori di alto livello. Operazione possibile e logica che però alzerebbe il monte ingaggi a dismisura. Quindi se Pogba non dovesse chiedere aumenti eccessivi ed è davvero felice di stare a Torino, le risorse finanziarie per un trequartista, un difensore e un esterno di difesa potrebbero arrivare al bonus Champions e da altre operazioni in uscita. Oppure da pagamenti dilazionati. Una mano potrebbe darla proprio Raiola portando a Torino giocatori della sua scuderia come Mikitharyan e convincendo Pogba ad aspettare un altro anno per decollare. Perché questo? La Juve l'anno prossimo vuole puntare sulla Champions, non sarebbe logico smontare ancora la squadra, ma anzi, andrebbe solo rinforzata come detto in alcuni ruoli, per essere ancora più competitiva. Lo scenario è aperto, anche gli Europei potrebbero suggerire nuove indicazioni.

Aperta anche la situazione all'Inter. I nerazzurri stanno lavorando di pari passo con l'Uefa per evitare sanzioni e restare nei limiti finanziari prescritti. Il futuro non prevede grandi investimenti se non ci saranno cessioni importanti (Icardi ?) e Mancini aspetta di conoscere la situazione nei dettagli. C'è ancora una speranza di centrare quel terzo posto che potrebbe cambiare gli scenari, ma nessuno si illude. Difficile in questa situazione, ad esempio, convincere Tourè a venire all'Inter. Che farà Mancini con programmi moderati? Dall'Inghilterra rimbalzano voci, ci sarebbe pronta per lui la panchina dell'Arsenal. Mancini sarebbe il dopo Wenger secondo alcuni tabloid, ma siamo a livello di idea.

Per ora non è venuta invece alla Fiorentina l'idea di riprendere Corvino. La stima è alta, i rapporti cordiali, i contatti ci sono sempre stati, ma l'organizzazione societaria viola che non prevede un unico responsabile dell'area tecnica non sarà cambiata. Non crediamo che Corvino sarebbe disposto a lavorare senza pieni poteri. Comunque gira sempre l'ipotesi di un cambio dopo quattro anni belli con Pradè. Ma, come sopra, anche per la Fiorentina molto dipenderà dal campionato. Se i viola arrivassero terzi (un trionfo, praticamente) un cambio sarebbe ingiustificato.

Il cambio di Conte, invece è stato obbligato. Tavecchio ha tante idee e tutte confuse. Due anni fa ha sfruttato il nome di Conte per metterselo all'occhiello come un fiore, oggi è impossibile. Non ci sono i soldi e i grandi allenatori non si impegnano con questa federazione minore. Ieri girava il nome di Guidolin, ormai Tavecchio li sente tutti. Guidolin è un allenatore bravissimo, ma allenatore. Avrà il tempo per lavorare e gli stage si faranno? Per noi no. Quel genere di tecnico in nazionale fa fatica, ma vallo a spiegare a Tavecchio e al suo fido consigliori Lotito. L'Italia del pallone è nelle loro mani e poi qualcuno si chiede ancora perchè Conte è andato al Chelsea....

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.