HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Ibra: non, non e ancora non. Zlatan: onore a Liedholm. Juve: Pirlo, torna! Inter, Mancini: troppo mercato

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
22.08.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 87606 volte

La settimana che precede la Settimana è stata atipica per Zlatan Ibrahimovic. Lui, abituato alle maiuscole e ai punti esclamativi come abito mentale e come griffe della sua carriera, si è dovuto limitare ad una sfilza di non, una serie dura e lapidaria di negazioni. Ibra non ha ancora prolungato il contratto con il PSG, non è stato convocato per la gara dei parigini contro il Montpellier, non si è ancora ripreso del tutto dal suo infortunio, non ha letto concetti positivi nei suoi confronti su France Football che dopo l'intemerata di Giugno è tornato a ricordargli che ormai lui non è più il numero uno, non ha letto nell'atteggiamento del Paris Saint Germain il benchè minimo spiraglio nei confronti di una anche remota intenzione di lasciarlo partire un anno prima rispetto alla scadenza del suo contratto. Una settimana ZlataNON che tiene vive le illusioni, non le nostre a proposito di non, sul suo futuro ma che al di là di quella che sarà la sua prevedibilissima permanenza nel PSG scolpisce una fase della carriera di Ibra completamente diversa da quelle che è abituato a vivere.

A proposito, l'attesa fra i tifosi del Milan, cui senza crudeltà vogliamo ricordare una formuletta glamour ("Non conta quello che hai provato alla fine della corsa, ma quello che hai provato mentre correvi"), nei confronti del presunto rebus Ibra è assolutamente spasmodica. Su facebook esistono gruppi pronti a darsi appuntamento in Piazza Duomo a Milano per una ubriacatura collettiva in caso di. Brividi oltre ogni misura. E siamo nel 2015. Sono passati tanti anni, 14 per la precisione, dalla grande visione di un altro Svedese. Il primo infatti in assoluto, per rispetto della Storia quella vera e non quella riscritta in maniera pretenziosa e pasticciata, ad accorgersi di Zlatan Ibrahimovic era stato proprio lui, il Barone, Nils Liedholm, uno dei più grandi personaggi del calcio mondiale. Lo voleva portare alla Roma nell'Aprile del 2001, quando il gigante era ancora al Malmoe, ma l'Ajax fu più veloce. Avrebbe tentato anche, in seguito, Liddas, ma la notizia è che 14 anni dopo la sua grande intuizione, nonostante non sia stata coronata da successo, la carriera di Zlatan è ancora nel vivo e le sue possibili evoluzioni generano grandi attese fra migliaia e migliata dei tifosi.

Fossimo nella Juventus ci faremmo un pensiero. Se New York City non si qualifica per i playoff, perché non immaginare una stagione alla Beckham all'incontrario per Andrea Pirlo. Il regista dei 4 Scudetti bianconeri è settimo in classifica con New York City, gli dedicano addirittura striscioni irriverenti in un Paese in cui non eravamo a conoscenza dell'esistenza del tifo contro, mentre da questa parte dell'Oceano ci sarebbe un grande bisogno di lui con Khedira e Marchisio out per infortunio e le prospettive di mercato per l'acquisto di un regista non propriamente in discesa. Nell'anno e mezzo di contratto newyorchese del Maestro (nei 10 anni di Milan, a Milan Channel, lo definivamo "Giocatore meraviglioso", ma i tifosi rossoneri ci criticavano e tra i media si parlava di giocatore logoro e chilometrato...), può starci un rientro autunnale-invernale per tenere tonica la gamba e per sostenere alto, in assenza di Vidal e Tevez, le physique du role juventino nella fase a Gironi di Champions League. Non succederà, ma un pensiero vale assolutamente la pena farlo al netto del cabotaggio di Pirlo negli USA e della situazione obiettiva del centrocampo bianconero oggi.

Senza la pretesa di voler dare lezioni a nessuno, perché mai poi, in attesa delle vittorie dell'Inter su Atalanta e Carpi, il campo comunicherà quanto saranno indicative, vale la pena a prescindere riflettere su quello che potrà accadere sul lungo periodo della stagione nerazzurra. Roberto Mancini sparge tranquillità all'esterno sulla crescita della squadra all'esterno e insiste all'interno per l'arrivo di nuovi giocatori. Anche Jovetic, appena arrivato, ha respirato questo clima e lui, rinforzo, ha chiesto subito rinforzi. Amato dai tifosi perché fa arrivare i giocatori, Roberto Mancini dovrà poi inserire gli altri nuovi giocatori che chiede, dopo i molti che già sono arrivati, in un sistema, in una identità di gioco. Che ancora, l'idea del 4-3-3 è spuntata più di un mese dopo il raduno, non sembra esserci. Il mercato non è un modulo, i singoli non sono un sistema di gioco. Ci vuole altro, anche perché Ranocchia e Juan Jesus non saranno più i capri espiatori della scorsa stagione.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.