VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Ibra: quella "parola" data a Doha. Balo: definitivamente Milan. Inter-Juve: sul mercato stravincono i nerazzurri

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
05.09.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 78657 volte

Adesso sappiamo, adesso abbiamo capito. Ci sentiamo, con tutti i rischi del caso, di ricostruire l'estate di Zlatan Ibrahimovic. Una estate che ha tenuto con il fiato sospeso milioni di tifosi, i rossoneri che ci speravano e i non rossoneri che gufavano, attorno alle quattro lettere che ormai da 15 anni fanno tendenza nel calcio italiano: Ibra. Lo Zlatan di metà Giugno era pronto a prendere in considerazione la tradizionale strategia del mal di pancia per andarsene non tanto dal PSG ma dal campionato francese che non lo stimola e dal calcio francese che non lo stima. A fine Giugno, però, cambia qualcosa. Il famoso incontro di Doha. Quasi a sorpresa, Zlatan trova un emiro soddisfatto delle sue prodezze, sereno, accondiscendente, ancora desideroso di investire su di lui. Ed è quella sera che, abbiamo appreso, Ibra rimane toccato e da la sua parola all'emiro: se le cose stanno così avete la mia solenne promesse, io rimango. E' in quel momento che la palla passa tutta e per intero al PSG. Poteva essere solo la proprietà o la guida tecnica del Paris a cambiare le cose. Se avesse fatto acquisti alternativi a Ibra, come fece con David Villa il Barcellona nell'estate 2010, se avesse mosso dei passi o con Ibra o con altri attaccanti sul mercato per cambiare le cose, allora di default, senza mal di pancia, Zlatan avrebbe lasciato la Francia e si sarebbe accasato al Milan con cui aveva affrontato, da Aprile in poi, tutti gli argomenti che andavano affrontati. Era questo di cui parlavano Ibra e Raiola sul volo di ritorno da Doha: per adesso va bene così, se invece dovessero cambiare le cose rimaniamo in contatto con il Milan. Ma dal momento che, settimana dopo settimana, il PSG non ha poi aperto alcun scenario alternativo e su questo Raiola ha tenuto quotidianamente informato Adriano Galliani, Ibra è rimasto a Parigi, con una proprietà ricchissima che aveva ormai preso la sua decisione. Ecco perché Zlatan non ha preso posizione, non ha innestato la marcia alta per andare via. Dopotutto il PSG lo ha voluto, tutelato e pagato molto per tre anni, contrariamente invece a quanto fece il Milan nell'estate 2012. E Ibra, che pure ha perdonato il Milan tanto è vero che se le cose fossero precipitate a Parigi è a Milanello che sarebbe tornato, ha apprezzato molto la fedeltà e la serenità di quello che è il suo Club da ormai tre anni a questa parte.

Sinisa Mihajlovic sta cambiando la retorica comunicativa del Milan. Che è sempre stata protettiva e rassicurante, priva di strappi e di toni duri. Al cuore del Milan c'è un pensiero: anche se l'ultima partita o l'ultima stagione è andata male, c'è una Storia inimitabile che deve far stare tutti sereni. Sinisa invece è sul pezzo, è al chiodo minuto per minuto. Giocato male? Giocato male. Senza sconti e senza paracadute. Non si corre? Non si corre. Anche su Mario Balotelli si nota la differenza fra la tradizione dialettica rossonera e i pensieri fast and furious dell'allenatore. Balotelli non è in condizione e comunque non conta quello che fa i primi giorni ma deve continuare a dimostrare nei mesi, negli anni e nella continuità, sostiene Sinisa. Speriamo sia davvero cambiato, il suo gol è una delizia, fa invece notare Adriano Galliani con una apertura cauta ma pur sempre apertura. Nel Milan 2015-2016 c'è spazio per tutto e per tutti. Energie diverse con un solo obiettivo: il Milan. Su Balo abbiamo due certezze. 1) Ha ragione Sinisa a inistere sulla prudenza. 2) C'è un solo posto al mondo in cui Mario Balotelli può essere restituito al calcio: il Milan. In questo senso riteniamo Balotelli rossonero a titolo definitivo. Se il Milan non lo recupera, è finita. Se il Milan lo recupera, non potrà più giocare in nessun altro Club, pena tornare irrimediabilmente indietro.

Quattro squadre, un cerino in mano. Alla Juventus. Gli ultimi giorni di mercato hanno spostato gli equilibri fra nerazzurri e bianconeri. Riassumendo: l'Inter ha avuto Perisic dal Wolfsburg, il Wolfsburg ha preso Draxler dallo Schalke, la Juventus è rimasta spiazzata perdendo Draxler e consentendo all'Inter di pagare Perisic con i soldi da lei medesima sborsati per Hernanes. Quindi, nomi giovani e robusti per Inter e Wolfsburg, un giocatore di qualità ma abbastanza crepuscolare, in fase sostanzialmente discendente, per la rosa bianconera. E tutto questo è accaduto nonostante fosse la Juventus, a inizio mercato, ad avere molto più vento in poppa rispetto all'Inter. L'Inter ha iniziato il mercato pieno di debiti, la Juventus piena di risorse economiche. Hanno avuto entrambe tanto e ben pagato mercato in uscita, ma l'Inter lo ha reinvestito in giocatori, la Juventus lo ha declinato in attendismo. Tutto questo è sorprendente. Ecco perché Allegri non ha iniziato la stagione con il piede sull'acceleratore, facendo dichiarazioni tutt'altro che bellicose e facendo scelte di formazione a Roma ad esempio, tutt'altro che offensive. Ha poi un bell'intervenire l'ad Marotta sul rimando al mittente di quello spirito da anno di transizione che probabilmente ha colto nell'atteggiamento del suo allenatore: in realtà a mandare certi messaggi al gruppo bianconero e alla muta delle avversarie sono state certe occasioni sbagliate proprio del mercato juventino. In ogni caso, in questo duello con l'Inter, la Juventus ha una importante quanto insperata possibilità di rivincita: Felipe Melo. Proprio lui, Felipao. La Juventus di Ferrara pose le premesse per il suo settimo posto proprio a partire dalla scarsa resa di quell'acquisto da bagno di sangue, 25 milioni di euro, fatto da Blanc e Secco nell'estate del 2009. Nei due anni di Felipe Melo, la Juventus è arrivata settima e settima. E sul metronomo brasiliano sono volate le reciriminazioni più alte di quel periodo. Oggi, sei anni dopo, l'Inter diventa mediaticamente "da Scudetto" proprio dopo l'arrivo del "regista" brasiliano. E' con tanti acquisti, ma soprattutto con il perno su cui Roberto Mancini vuol costruire il centrocampo nerazzurro, che l'Inter lancia la sfida alla Juventus per la "scucitura" dello Scudetto. Qui si gioca tutto, con la Juventus che sogna di poter dire: avete sbagliato anche voi, sei anni dopo di noi. Chi vivrà vedrà.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.