VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como

26.11.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 16918 volte

All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari? Cambieranno dirigenti e prospettive, oppure no? Tra chi si dice certo che non cambierà nulla e chi pensa che ormai il Milan sia già di Sino Europe, il divario è enorme. Tra un colore e l'altro poi, una serie infinita di tonalità di grigio, di congetture, di ipotesi per le quali vale tutto e il contrario di tutto. I fatti: il 5 Luglio, Silvio Berlusconi annuncia all'uscita dall'ospedale San Raffaele di aver ceduto il Milan. Dopo quelle dichiarazioni, cambia la cordata e nasce il contratto preliminare del 5 Agosto. Arrivano 15 milioni. Poi 85 milioni. In totale fanno 100. Il closing doveva essere fra il 4 Novembre e il 4 Dicembre. Siamo al 25 Novembre e l'Assemblea dei Soci è stata fissata per il 13 Dicembre. Tra un passaggio della trattativa e l'altro, fra una data e l'altra, Fininvest e Sino Europe tirano dritto. Piccolo particolare: ha ricominciato a parlare Silvio Berlusconi e il fatto non è mai trascurabile. Dopo le sue parole del 5 Luglio, è cambiata la prima cordata e sono spariti Galatioto e Gancikoff. Nel frattempo, oggi, prova a riapparire all'orizzonte un Mr Bee Taechaubol più sfocato mediamente, non sostenuto dalle solite ammiraglie. Cosa dice l'esperienza? Che Silvio Berlusconi è sorprendente e decisivo per sua natura. Ogni volta che parla, agisce. E ogni volta che agisce, determina. Fossimo nei pasionari dell'uno e dell'altro schieramento, fossimo fra i fans della Cina è già qui oppure della Cina non esiste, faremmo un passo indietro in entrambi i casi. Non è il caso di esibire la verità. L'unico che la disegna è lui, Silvio Berlusconi. E a giudicare il suo attivismo mediatico, il presidente del Milan sembra tutt'altro che un numero uno vicino ai titoli di coda. Tutt'altro.

Quest'estate Eusebio Di Francesco ha risposto in maniera un po' ruvida e sbrigativa ad una domanda sul Milan: "Non vado dove c'è confusione". Per carità, non è che il Milan degli ultimi anni abbia brillato per univocità, ma al buon Di Francesco è andata male. Si è ritrovato tanta confusione attorno, anche senza andare al Milan. La confusione fra la posta elettronica del Sassuolo e della Lega di Serie A. La confusione sui mesi dell'infortunio di Berardi, passati in un battibaleno da uno a tre. La confusione sul passo da tenere fra Campionato ed Europa League, smarrito su entrambi i fronti. Ma il tecnico del Sassuolo sa già come risolvere tutti i problemi, approfondire l'arbitraggio di Guida. A San Siro. Contro il Milan. Naturalmente.

Il terzo a volte è incomodo. In questi caso Stefano Pioli non lo è, è stato invocato, selezionato, ben accolto. Non è incomodo, ma certamente scomodo. Ha fatto un buon primo tempo contro il Milan, finendo per segnare dopo una rimessa laterale mezza e mezza e dopo un calcio d'angolo. Ha esultato ed è andato in Israele dove, forse, ha capito tutto. Non ci sono soluzioni rapide per l'Inter. Con quella difesa e con quella fragilità nella psiche e negli equilibri, l'Inter anti-Juve dichiarata da Massimo Moratti nella seconda quindicina d'Agosto non c'è, non esiste. Tanti soldi spesi, tanti allenatori rescissi, tante proprietà che intervengono e dichiarano. Grande abbondanza all'Inter, ma non di difensori.

Domenica 20 Novembre. Una squadra di Eccellenza piemontese, siamo fra i Dilettanti, lo Stresa sta raggiungendo Biella in pullman per giocare contro La Biellese. Si sente male il Team manager, Fabio Marchionini. Emorragia cerebrale: pericolo di vita. Nonostante l'intervento, prima timido e poi più energico del presidente della Lega Nazionale dilettanti piemontese Mossino, La Biellese vuole giocare. E si gioca. La Biellese vince pure. Con quello splendido ragazzo in ospedale a lottare contro il malore e i suoi ragazzi in campo con la pena nel cuore. Per fortuna, oggi Fabio sta meglio. Ma che calcio è questo? E' ancora sport? E che gente è quella che costringe un giornalista a recarsi presso la Questura di Como per difendersi dalla sputata di gruppo che uno stalkerino su Facebook stava "organizzando", davanti alla sua tv, per manifestare disaccordo rispetto alle sue tesi sul Milan? Nel calcio di oggi, il campo è marginale. Non vince questa o quella squadra, vince sempre il peggio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.