HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Il 2-2 del Milan a Barcellona e l'ipocrisia tutta italiana. Juventus: troppo Pirlo, troppo...Palermo-trebisonda: contenti gli interisti, contenti tutti

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
17.09.2011 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 29843 volte

Un calcio come quello italiano che passa l'estate a subire eliminazioni in serie, dal Thun, dallo Slovan Bratislava, e anche dall'Arsenal che dopo aver sballottato l'Udinese subisce 8 gol dal Manchester United, un calcio che pareggia con il Vaslui, non dovrebbe fare le pulci ad un 2-2 che fa notizia in tutti i continenti. Soprattutto se ottenuto da una squadra in emergenza infortuni, il Milan, contro una squadra di un'altro pianeta, il Barcellona, che per affrontare i rossoneri aveva fatto riposare i suoi campioni più importanti nella precedente partita di Campionato contro la Real Sociedad. Ma questo, purtroppo, è un calcio che non sa apprezzare e che non sa valorizzare. La cultura è quella di denigrare l'avversario che gioca, e il più delle volte perde, in Europa, senza capire che quella sconfitta è anche di chi sfotte, di chi giudica, di chi sbeffeggia. Ma quel che è peggio è che se una squadra, in sofferenza ma sempre organizzata e lucida, ottiene un risultato grande così al Camp Nou senza prendere sette gol (la Roma a Manchester), oppure senza prenderne cinque (l'Inter in casa con lo Schalke), quattro (il Milan a Manchester) o tre (la Roma in casa dallo Shakhtar o la Juventus in casa dal Bayern), in giro si tende a fare gli schizzinosi. Eppure il Milan, per arrivare al suo risultato, ha goduto sì di una discreta dose di fortuna, ma non sorretta dalle risse verbali, priva di falli gravi, lontana da ostruzionismi plateali. Ma il Milan è una squadra italiana... se fosse stato Mourinho a fare quel 2-2, tutti a elogiare il cinismo e la concretezza di un allenatore carismatico capace di ridurre al minimo le occasioni da rete di una squadra di marziani. Peccato, occasione persa per tutti, questo 2-2. Invece di cogliere il segnale, si è trasformato in giudizio di scherno (Che Cuore! Ha titolato qualcuno, con un "ore" di troppo), forse, il fastidio, il dispetto per quella goleada a favore del Barcellona che tutti pronosticavano e che invece, magari clamorosamente ma non scandalosamente, non è arrivata. Autolesionistico e superficiale, è l'autoritratto che si è regalato il calcio italiano nel commentare la prestazione di Barcellona. Eh, ma vuoi mettere il Napoli, si sono scatenati quelli che la sanno lunga...Certo, grande, bravo e ottimo Napoli. Peccato che gli azzurri fossero al completo, formazione-tipo senza infortuni, e impegnati contro un avversario meno forte di tre tacche rispetto al Barcellona.

Pensavo che Gigi Buffon, persona splendida e grande campione, avesse imparato a stare lontano dalle iperboli. Un paio di stagioni fa, nell'annata in cui la Juventus si sentiva pronta per lo Scudetto dopo gli arrivi di Diego e Felipe Melo, aveva parlato di "esplosione nucleare" bianconera dopo un successo, 5-1, a Torino contro la Sampdoria. Poi le cose andarono così male che più male non si può. Pazienza. Gigi però è tornato ad usare parole grosse. Dopo Juventus-Parma, parlando di Andrea Pirlo, ha fatto riferimento all'esistenza di Dio. Sono voli pindarici che fanno parte di un personaggio solare e non costruito, ma non sono un po' avventati? Pirlo ha fatto moltissime partite, nei suoi anni di Milan, sugli stessi livelli di Juventus-Parma, ma giornali e tv le pesavano infinitamente meno, almeno un voto in meno. Non le esaltavano, almeno in pubblico, nemmeno i suoi allenatori e i suoi compagni, così abituati alla qualità di Andrea e dei tanti campioni esibiti dal Milan negli ultimi dieci anni. Facezie mediatiche a parte, c'è un rischio su quanto ha detto Gigi. Più la Juventus indica in Pirlo il suo catalizzatore, la sua eccellenza, più gli avversari ci staranno attenti. Lo aspetteranno, lo marcheranno. Il gioco vale la candela? Anche perché, per una squadra nascente e tutta da costruire come la Juventus, legarsi troppo al giocatore più insostituibile del mondo può essere un azzardo, dovesse scapparci un raffreddore lungo il cammino. Ipotesi futuribili a parte, la Juventus mi ha nettamente smentito. Contro il Milan a San Siro e il Notts County, mi era sembrata tutto il contrario di quanto ha dimostrato contro il Parma. Nella squadra bianconera è scoccata la scintilla. In attesa di sapere se e quanto durerà, una sola parola: Chapeau!

Dopo Palermo e Trabzonspor, sono saliti in cattedra Zanetti e Cambiasso. Mettono la faccia per tranquillizzare i tifosi, difendono l'Inter, respingono gli attacchi. Ai primi passi incerti di Benitez, esattamente un anno fa, non lo avevano fatto. Non si erano spesi. Per Gasperini, invece, sì. E questo spiega qualcosa sulle alleanze interne e sulle preferenze del gruppo argentino che vanta la maggioranza relativa dello spogliatoio. Non è ancora la salvezza per Gasp, ma una sfumatura comunque importante. L'anno scorso fu la squadra a sfiduciare al pronti via il tecnico spagnolo e l'onda lunga si è propagata dallo spogliatoio verso la sede sociale. Quest'anno il percorso sembra inverso, ma pur sempre tortuoso per il tecnico. Le prime perplessità sono nate in società e, nonostante la tutela di Zanetti e Cambiasso, sono sul punto di propagarsi all'interno della squadra. Usiamo termini parlamentari, per descrivere la situazione dell'Inter. E probabilmente non è un caso. Lo scoppio della democrazia, dopo le dittature, può essere un problema. E che Mourinho sia stato un dittatore capace di comprimere e compattare tutto ciò che, oggi all'Inter, è in libera uscita, appare abbastanza ovvio. Il fatto è che il dopo Mourinho in casa nerazzurra è stato tutto un susseguirsi di tensioni, errori e leggerezze che costituiscono l'attuale momento degli ex campioni d'Italia ed ex campioni d'Europa. E nonostante l'impegno presidenziale, non si vede all'orizzonte nessuno in grado di costruire il dopo del dopo. Vincere con la Roma basterà?

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
30.07 - Con chiunque parlo di calcio, sia il mio amico barista che l'agente Fifa di turno, tutti concordano sul definire il nostro calcio alla frutta. La Serie A non è mai stata così in disgrazia e, ad onor del vero, anche il mio pensiero non si discosta tanto dal comune senso di...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
29.07 - E niente, questa settimana tento l'esperimento "editoriale live". L'ennesima boiata insomma. Il fatto è che non potevo non approfittare dell'invito nella lussuosissima sede Sky di Rogoredo per il mega sorteggione galattico dei calendari e, quindi, scrivo direttamente dal...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
28.07 - Se il buongiorno si vede dal mattino, allora, è preferibile rimettersi a letto e rimboccarsi le coperte. Se il Milan perde una partita a luglio o agosto, Galliani fa venire giù il finimondo perché il Milan è il Milan 12 mesi all'anno e non può fare brutte figure neanche in...
Editoriale DI: Mauro Suma
26.07 - Inutile girarci attorno. Un buon Mondiale da parte di Balotelli avrebbe dato il via ad una serie di operazioni importanti per il Milan, in vero e proprio stile fuochi d'artificio. Oggi invece, nonostante la partenza di Kakà, non ci sono prospettive di accelerazioni immediate...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
25.07 - Sappiamo bene che oggi basta un tweet o un procuratore che passa per Place Vendome e gli sembra di avere visto un sosia di Conte, per far diventare una non notizia in una quasi notizia. Ma nessuno si sbagli e nessuno cerchi di inquinare le acque di un addio limpido e genuino...
Editoriale DI: Luca Marchetti
24.07 - La scena se l'è presa tutta Astori, senza dubbio. Già era una vicenda intricata con il Cagliari che non lo voleva mollare e la Lazio che lo corteggiava da un mese. Nel giro di poche ore si è passati dal rinnovo con il Cagliari alla cessione alla Roma ad un passo. Com'è stati...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
23.07 - Oggi mi sento più mistico del solito. Merito (o colpa) di De Laurentiis. Quando parla il patron del Napoli, tutto può accadere. E' una sorta di certezza incrollabile. Ospite ad Aspettando il Calciomercato, mi sono cuccato l'intero show del grande DeLa. Ad una platea formata...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
22.07 - "Cinque giorni che ti ho perso" cantava uno straordinario Michele Zarrillo in un Sanremo di qualche anno fa. Solo che oggi siamo al settimo giorno di "Juve senza Conte" e quindi Zarrillo c'azzecca una fava, al limite solo perché la tristezza della sua canzonetta ben si sposa...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
21.07 - Antonio, secondo me hai già nostalgia del tuo lavoro. Quando ti svegli la mattina cosa fai? Va bene coccolarsi figlia e moglie ma tu sei uno da battaglia. Non ti vedo proprio al sole 12 ore al giorno, anche se nell'intervista di addio ero nero più per la rabbia che per...
Editoriale DI: Italo Cucci
20.07 - Riflettete. Comunque ce la raccontino, la storia di Antonio Conte ha un solo titolo: lo hanno licenziato. Le rivelazioni, le ricostruzioni e i commenti non possono ignorare un dato di fondo: il tecnico voleva partecipare in termini decisivi alla campagna acquisti-cessioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510