HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il bilancio del Napoli è come un avvertimento di Standard&Poor's: senza Champions sarà inevitabile il declassamento. Zapata-Higuain, perché mai insieme dal primo minuto?

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
07.12.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 23772 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il bilancio del Napoli ha il suono sinistro di un avvertimento di Standard & Poors. Senza l'approdo in Champions sarà necessario abbassare il rating, ridurre investimenti ed aspirazioni sportive. De Laurentiis ne è consapevole, sa quanto sia stato dannoso il doppio match con l'Athletic Bilbao per il mancato bonifico garantito dalla Uefa. L'esperienza è stata fortemente negativa, da non ripetere e adesso il patron si sta adoperando fattivamente, come ha spesso fatto sul mercato, per chiudere in anticipo quei calciatori che potrebbero costare molto di più con il trascorrere dei giorni. Di top player è inutile parlarne, anche perché a gennaio non li vende nessuno, bisogna individuare i profili che completino la rosa, sperando che diventino gli uomini del salto di qualità. "Gabbiadini? Non sento", l'onestà di Rafa Benitez gli impedisce di raccontare pubblicamente bugie sulle operazioni che la società ha già completato, in attesa della data che permetterà l'annuncio: l'1 gennaio. Arriverà il laterale offensivo in comproprietà tra Juventus e Sampdoria, e sarà preso anche (almeno) un altro innesto per sistemare le corsie esterne della retroguardia ormai prossime al depauperamento per infortuni e mancati rinnovi. Mosse rese obbligatorie da un campionato nel quale il Napoli non è riuscito a scavare il solco con le inseguitrici ed ora si ritrova di fronte alla necessità di migliorare la quantità dell'organico per scrollarsi di dosso le genovesi, le milanesi, la Lazio e la Fiorentina ed acchiappare almeno il terzo posto che, stavolta, squadra e tecnico dovranno assolutamente tramutare in accesso alla Champions attraverso il terzo posto. Raggiungere il terzo posto non è impossibile, è il minimo da pretendere quest'anno, e sarebbe stato sufficiente prendere i 7 punti sperperati al San Paolo con Chievo, Palermo e Cagliari per scrivere una storia diversa, quella di una squadra in grado di attaccare anche il secondo posto della Roma. Così non è stato, per qualche errore dei singoli o degli arbitri, per un pizzico di sfortuna e pure per qualche esperimento tattico che non ha funzionato e non funziona. Britos esterno sinistro nella difesa, Inler e Jorgihno non sempre efficienti nel centrocampo a due, Hamsik esterno sinistro offensivo, lì dove anche De Guzman e Ghoulam hanno provato ad accontentare l'allenatore senza risultati meritevoli di una prosecuzione dell'esperimento. Ma l'allenatore spagnolo è fatto così, devono essere i calciatori ad adattarsi alle sue idee di gioco e non lui alle caratteristiche degli stessi. Peccato, davvero, perché don Rafè è sicuramente l'allenatore più titolato che il Napoli abbia mai avuto nella sua storia. Peccato, perché se avesse avuto lui un po' di quella "cazzimma" che ogni tanto reclama per i suoi calciatori, certamente avrebbe messo a profitto più punti e meno perplessità in quei tifosi che stanno riflettendo sulla sua straordinaria ostinazione. Ogni tanto si può pure vincere 1-0 contro le avversarie di livello inferiore, magari giocando pure male. Allora, che sia accontentato l'allenatore prendendogli calciatori che siano duttili. Questo è un aspetto intelligente per una società dalle possibilità non sconfinate qual è il Napoli, però senza esagerare nella volontà a fargli interpretare davvero tutti i ruoli all'interno di una squadra. Provare si può, è necessario, soprattutto se vengono meno elementi cardine come Insigne e Mertens. Però la sperimentazione non può essere protratta all'infinito, senza ottenere i risultati sperati. L'esempio chiave è Hamsik, talento in declino da due stagioni a questa parte. Lo slovacco è il capitano di questa squadra, quindi in potenza un elemento da trattare con i guanti, trattandosi di un graduato. Invece, Marekiaro è stato il capitano più sostituito d'Europa: 14 volte nelle 17 partite da lui disputate. La domanda è: se Hamsik non riesce ad adattarsi al ruolo di seconda punta o addirittura di esterno mancino, non è preferibile tenerlo in panchina? Sarebbe clamoroso, d'accordo, ma almeno utile alla squadra azzurra che potrebbe essere molto più incisiva contro le piccole se Higuain non venisse lasciato da solo. Basterebbe girarsi e guardare sulla panchina, dove siede pacifico Duvan Zapata, il potente colombiano richiesto da mezza Europa. Quest'anno è stato utilizzato solo 10 volte, con 393 minuti giocati ed una media di 39,3 minuti a partita. Ciò nonostante ha messo a segno 2 gol in campionato (1 ogni 58 minuti in serie A) e tutte le volte che viene lanciato nella mischia cambia il senso del match. Domanda: sarà possibile vedere in campo (qualche volta) dal primo minuto Zapata e Higuain? Ci scusiamo per la puerile domanda, però ormai siamo davvero in tanti a chiederci "perché no?"

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

L’Inter esagera… il Milan anche! Tutti sul carro di Luis, uomo perfetto per il Napoli. Samp, fissa il prezzo! Tavecchio stravince, Abodi ecco dove hai sbagliato… 13.03 - Se dall’altra parte del mondo, un uomo in Sudafrica non guarda le partite di serie A e non legge i giornali, ma vede solo i risultati, penserà che da inizio stagione ad oggi e da una domenica all’altra in Italia siamo impazziti. Prendete l’Inter e portate a Coverciano l’esempio di...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il miliardo di euro che tiene in piedi il calcio italiano. Juve avanti dieci anni rispetto alle altre, oltre a undici punti. La colpa dei giornalisti nelle sconfitte del Napoli 12.03 - Chi non ha ancora capito si attacchi pure agli arbitri, come se fosse quello il problema di un campionato che è già finito prima di iniziare. Quando una squadra può permettersi di acquistare Dani Alves, Higuain, Pjanic, Pjaca e Cuadrado, vendendo il solo Pogba e un Morata che, obiettivamente,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.