HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il campionato già falsato: è Lotito il vero presidente della Federcalcio? Scordata Calciopoli. Sospetti e polemiche, molte società si ribellano

12.09.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 43883 volte
© foto di Federico De Luca

Lotito, sempre Lotito, fortissimamente Lotito. Come se non bastassero le polemiche internazionali attorno a Tavecchio e alle sue imbarazzanti frasi a sfondo razzista di un mese fa e in attesa della sentenza dell'Uefa, il calcio italiano sta vivendo un'altra imbarazzante situazione legata al ruolo del presidente della Lazio.

Come sapete, tutto è nato da una sempre più invasiva presenza di Lotito attorno alla nazionale, ha viaggiato sullo stesso aereo, è stato più e più volte a Coverciano, si è fatto vedere in panchina con addosso la tuta della nazionale azzurra e la grande scritta Italia sul petto.

Questo ha scatenato alcune reazioni degli Azzurri (in particolare De Rossi), altri giocatori dopo lo sconcerto iniziale sono stati addomesticati e hanno detto cose contrarie a quelle confidate ai giornalisti. Insomma, un'altra grande bufera attorno al nostro pallone della quale potevamo fare a meno.

Mentre Conte con le due vittorie consecutive sta levando la pressione attorno e addosso a tutti (devono fargli un monumento), vi immaginate se la Nazionale avesse perso?

Non può passare comunque sotto silenzio la gestione della nuova Federcalcio e in particolare proprio il ruolo del presidente della Lazio.

Lui, incurante delle critiche, ha fatto vedere i muscoli, ha più volte ribadito di poter fare quello che vuole, di essere un superconsigliere del presidente Tavecchio, di rappresentare il nuovo del calcio, mentre invece trattasi di una posizione che dovrà essere rivista e discussa da tutti.

Sappiamo che Lotito è il grande elettore di Tavecchio. Ha fatto e brigato affinchè il presidente dei Dilettanti diventasse un professionista. In pratica l'ha condizionato e ora il vero presidente della Federcalcio sembra essere proprio l'esuberante Latinista. Una situazione insostenibile.

Come sapete ha un ufficio al quinto piano di via Allegri, proprio al fianco di Tavecchio. E senza il parere di Lotito non si muove foglia. Gianni e Pinotto, il Gatto e la Volpe, Rik e Gian: fate voi. Il due si presta a una grande letteratura in proposito e basta navigare un po' nella rete per capire l'aria che tira.

A parte l'imbarazzante presenza (anche fisica) e le gaffes (ultima all'aeroporto di Oslo), Lotito è stato condannato dalla giustizia sportiva e da quella penale (ha accettato la prescrizione) nella vicenda Calciopoli, uno degli scandali più grossi del calcio italiano. Tutto dimenticato?

Può essere Lotito a guidare il cambiamento. Può essere Lotito il numero uno occulto del calcio italiano?

Siccome, al di là della persona , dei suoi pregi e dei suoi limiti, sapere che il presidente della Lazio è anche l'uomo più potente del calcio italiano non fa bene a nessuno anche in chiave campionato.

I tifosi sono già scatenati, la cultura del sospetto è uno dei mali (o dei beni nel nostro caso) del calcio italiano, quindi il campionato che in pratica parte sabato è già falsato.

Immaginate i sospetti, immaginate cosa potrà succedere al primo favore per la Lazio. Il calcio italiano in grave difficoltà non ha bisogno di tutto questo, è necessario che Lotito faccia da subito un passo indietro.

E se non lo fa lui ci risulta che sia in atto un movimento di opinione attorno a diverse società e non solo tra quelle che non hanno appoggiato la candidatura di Tavecchio-Lotito.

Il presidente della Lazio, forse per carattere, è andato ben oltre quelle che dovevano essere i suoi compiti. E Tavecchio lo subisce.

Ma non soltanto molte società, anche fra gli arbitri l'imbarazzo sale, tanto più che Nicchi ha votato contro questa gestione.

Insomma, un grande pasticcio che rischia di far partire un campionato già falsato, pieno di rumors, di sospetti e di situazioni di difficile gestione.

Il presidente della Federcalcio dovrebbe essere sopra le parti, è intollerabile un presidente ombra: le riforme che vanno fatte urgentemente non possono essere demandate a Lotito, ma a una commissione della quale dovrebbero far parte tutti i presidenti, ma anche manager esterni.

Il presidente del Coni Malagò non ha nascosto ieri il suo imbarazzo e senza ledere l'autonomia della Federcalcio, ha detto cose sulle quali è logico riflettere.

E poi, come può l'Italia essere rappresentata da Tavecchio che non è in grado neppure di parlare davanti a una platea internazionale.

Per evitare che il campionato scoppi in mano a qualcuno, non c'è che da sperare in una rapida sentenza dell'Uefa sul caso di razzismo che condanni pesantemente Tavecchio e lo costringa alle dimissioni con susseguente nomina del commissario. Uefa, salvaci tu.

Nel frattempo l'Espresso in edicola si sofferma su Tavecchio e sulla Lega Dilettanti esprimendo perplessità su operazioni immobiliari fatte per conto di questa Lega con il prezzo di un appartamento forse fuori dai pressi di mercato.

In attesa di sapere, per il rinnovamento della Federcalcio e di tutto il pallone italiano servivano altri personaggi: la nostra convinzione è sempre più forte.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.