VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Il derby delle ultime volte e una preghiera a Inter e Milan. L'eredità di Galliani-Maiorino e la forza di Ausilio. Il mercato della Roma in anteprima, i baby nel mirino del Milan e le idee 'italiane' della Juventus

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
20.11.2016 08.05 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 32163 volte
© foto di Image Sport

Francesco Guccini, nella sua Ultima Thule, ha scavato nella memoria. Cercando nel profondo dei suoi pensieri, delle sue ultime volte. Un giorno, lo faremo anche noi. E ricorderemo con amarezza, la gloria dei derby romantici. Di quelle sfide dove Massimo Moratti esultava festante, dove si sistemava gli occhiali o dove col tono basso rimpiangeva le occasioni perdute. Di quelle gare dove Adriano Galliani, cravatta gialla e sguardo fuori dalle orbite, gridava al vento la sua gioia. Dei discorsi pre-gara di Silvio Berlusconi, dell'elicottero che atterra a Milanello, degli uffici della Saras e dell'ironia di Peppino Prisco. E' vero, il mondo va avanti e il football con lui. La lacrima per Upton Park che non c'è più fa solo da corredo allo sguardo stupito per l'Olympic Park. Nostalgici d'Inghilterra per sempre rimpiangeranno lo stadio delle bolle di sapone del West Ham, ma il progresso è questo. Viaggiare nel futuro, aprire le frontiere. Milan e Inter l'hanno fatto e per questo, tra qualche anno, ricorderemo il derby di stanotte con una punta di malinconia. Il primo vero della proprietà cinese dell'Inter da anno già iniziato, l'ultimo di Silvio Berlusconi. Il Triplete, Van Basten, Ronaldo e la finale di Istanbul. Gioie. Dolori. Lacrime. E' l'ultima volta, per quei ricordi freschi, poi faranno solo parte del passato.

Per questo, il Derby di stasera, dev'essere accompagnato da una preghiera. Lo rendano indimenticabile. Icardi, Bacca, Donnarumma, Handanovic, Pioli e Montella. Rendano il Derby di Milano quello d'un tempo. E' una partita che s'è trascinata con sè giorni d'attesa e cuori che aumentano i propri battiti. Mancava tanto all'Italia una partita così, da troppo tempo. Milan-Inter è sfida dove le dirigenze, passate, presenti e già future, non sono mai state esenti da critiche. Galliani e Maiorino, negli alti e bassi degli ultimi anni, hanno però rilanciato insieme a Bianchessi e Galli, il settore giovanile. Hanno scoperto talenti, portato in prima squadra Donnarumma e Locatelli. Se dev'essere l'eredità postuma, tanto di cappello. Dall'altra parte Ausilio. Che è stato criticato, attaccato, nel mirino. Ma che ha sempre avuto una grande, grandissima forza. Quella di metterci la faccia, nel bene e nel male. Senza paura di dire quel che pensa, senza paura di difendere le proprie idee, costretto anche a proteggere quelle altrui. Pioli è una sua volontà, vedremo se il campo gli darà ragione ma il segnale di una fiducia comunque intatta da parte di Suning (ma il rinnovo non è ancora stato firmato e... Sicuri che arriverà?) è importante.

Qualche strategia di mercato che, pian piano, abbiamo iniziato a scoprire e svelare su queste colonne e ora su queste righe. La Roma, in primis. Due gli obiettivi dei giallorossi: il sostituto di Salah, impegnato in Coppa d'Africa, arriverà. Però la dirigenza, ora guidata dal giovane e ambizioso Massara (garantisco: l'anti personaggio per eccellenza ma serio e tosto lavoratore), non vuole investire. Magari un prestito, un esubero. L'identikit? Se l'Inter facesse partire Eder... O se il Sassuolo, magari, cedesse in prestito con obbligo estivo Defrel... Poi un centrocampista, una mezzala. Uno dinamico, possibilmente giovane ma già pronto e di qualità. Non facile da trovare ma Massara & co sono al lavoro.

Nonostante le smentite, l'Inter per l'estate sta cercando di bloccare Lindelof del Benfica. Il Milan, invece, dopo Bernardeschi della Fiorentina, va su Pellegrini del Sassuolo. Occhio, nelle prossime settimane, dopo il closing, Fassone e Mirabelli potrebbero andare direttamente all'assalto dei due giocatori. La Juventus cerca sempre il centrocampista. Lo Zenit non ha (ancora) intenzione di liberare Witsel: prima la garanzia Champions poi l'addio, perché i mancati introiti sarebbero superiori all'incasso da Torino. E la Juve che fa? Intanto gira tutta Europa a visionare i migliori talenti con quello che, di fatto, è il compartimento scouting meglio organizzato e gestito del Belpaese (no, non Tielemans: il giocatore dell'Anderlecht non interessa) ma tiene d'occhio anche quelli italiani come Kessie dell'Atalanta e Bruno Fernandes della Sampdoria. Pillola in curiosità sull'Udinese: i friulani stanno visionando con forte interesse il giovanissimo Haksabanovic dell'HBK e puntano pure Beghetto della Spal per il futuro. Chissà se davvero le strategie saranno rispettate. O sarà ancora come L'Ultima Volta. E come quella prima ancora. Dove i piani vengono sbaragliati dai milioni dell'est. E dove tocca rifare tutto da capo. Ricordando quel passato che non c'è più.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.