HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Il dopo Paolo Maldini: Franco Baresi non è andato via. Buffon destabilizzato da...Donnarumma. Sabatini: l'addio chiarisce i suoi capolavori in uscita. Gabigol con il Lugano, G.Jesus con il Brasile

08.10.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 22736 volte
Il dopo Paolo Maldini: Franco Baresi non è andato via. Buffon destabilizzato da...Donnarumma. Sabatini: l'addio chiarisce i suoi capolavori in uscita. Gabigol con il Lugano, G.Jesus con il Brasile

Marco Fassone ci ha creduto tanto in Paolo Maldini. E che il nulla di fatto di oggi non sia positivo per entrambe le parti, lo conferma il nuovo proposito dell'ad incaricato. Dopo Maldini, meglio congelare, più opportuno non proseguire. I piani B possono essere interpretate dalla critica come scelte B e questo non porterebbe nulla di buono, sia al prescelto che a chi lo presceglie. A meno che, anche se non è lo scenario in corso, al piano B non vengano aggiunte altre lettere. Piano B...aresi. Ha una voglia pazza di calcio, è già presente a tempo determinato nel Milan e il 16 Dicembre 1999 è stato eletto direttamente dai tifosi Rossonero del Secolo. La rosa delle bandiere sondate fino ad oggi, Demetrio Albertini a parte che ha da dirigente tanto duttile quanto esperto e consolidato visioni alternative ma non antitetiche, ha fatto parte di un gruppo di opposizione ad Adriano Galliani strutturato e vissuto quasi come una diretta emanazione dei social. Nell'ottica di chi si appresta ad arrivare, era doveroso partire da lì, un passo necessario per riavvicinare i tifosi al linguaggio e al mood della Società Milan. Ma questo non esclude altri ambiti e altri possibili metodi di scelta. Segnaliamo, all'insaputa dell'interessato evidentemente, che il carisma e il prestigio di Franco Baresi sono intatti. Agli occhi dei dirigenti avversari, della squadra e dei tifosi. Il Rossonero del Secolo non è contaminato, ha sempre coniugato la sua disponibilità professionale per il Club con il rispetto delle proprie idee di calcio e di Milan.

Prima della partita fra Italia e Spagna, è stato Beppe Marotta ad inaugurare il tema e a dirsi preoccupato per la sostituzione di un monumento come Gigi Buffon nella Juventus. E proprio nella prima gara successiva a questa frase, Gigi Buffon incappa in un errore perdonabile e rimediato, ma clamoroso, contro la Spagna. Successive alle frasi di Marotta, si sono diffuse voci di mercato sul possibile passaggio dell'erede designato in azzurro, Gianluigi Donnarumma, proprio alla Juventus. Che il Gigi Nazionale, il Re che non ha abdicato e che non sembra avere una gran voglia di abdicare, ne sia rimasto vagamente destabilizzato? Non vogliamo crederci, anche se l'errore sul gol di Vitolo non è certo da Buffon. In ogni caso, la priorità verificata di Gianluigi Donnarumma è una e solo una, prolungare con il Milan. Anche se dal punto di vista economico, dovrà esserci la massima attenzione e la massima disponibilità da parte del Milan.

C'è tutta una letteratura sui colpi di mercato in uscita di Walter Sabatini, il dirigente passato dalla rivoluzione alla risoluzione. Consensuale. WS ha piazzato non solo Marquinhos e Lamela, non solo Osvaldo e altri, ma soprattutto Bradley a 9 milioni. La cessione di Bradley è una di quelle che nel calcio italiano si fanno a zero. Invece lui l'ha fatta a 9, con ricca plusvalenza. E nella conferenza stampa dell'addio di ieri, abbiamo capito il perchè. Non vorremmo mai essere al tavolo di una qualsiasi trattativa, messi di fronte all'eloquio di Walter Sabatini. E' illuminante, magnetico, quasi ipnotico nella sua bravura verbale. Se ha presentato Bradley al Toronto con gli stessi voli dialettici e concettuali con cui ieri ha costruito la sua conferenza stampa d'addio, allora diventa tutto comprensibile. Nei suoi anni alla Roma, Sabatini ha vinto e perso, azzeccato e sbagliato. Ma, davanti ad un microfono, Sabatini è uno da uno fisso. Chapeau.

Gabigol. Punto. In realtà dovremmo già essere a capo. Arrivato con la medaglia d'oro olimpica al collo, presentato in pompa magna e accolto da una vernice pirelliana in grande stile. Al centro di un caso diplomatico fra Barcellona e Santos, Gabigol è l'unico dei tre punteri della Seleçaò olimpica da medaglia d'oro ancora in ritardo. Gabriel Jesus ieri ha fatto doppietta contro la Bolivia ed attende serenamente il suo passaggio al Manchester City dove verrà schierato prontamente, Neymar saltabecca da guizzi e gol con la maglia del Barcellona a prodezze analoghe con la Nazionale verdeoro di Tite. Per Gabigol, invece, un rigore in amichevole con il Lugano dopo una ventina di minuti scarsi contro il Bologna e una gara vissuta interamente in panchina a Roma. Gabigol va lanciato, esibito, sdoganato. Il prima possibile, possibilmente non con i tempi della quarantena di Brozovic.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.