HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il dopo Paolo Maldini: Franco Baresi non è andato via. Buffon destabilizzato da...Donnarumma. Sabatini: l'addio chiarisce i suoi capolavori in uscita. Gabigol con il Lugano, G.Jesus con il Brasile

08.10.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 22748 volte
Il dopo Paolo Maldini: Franco Baresi non è andato via. Buffon destabilizzato da...Donnarumma. Sabatini: l'addio chiarisce i suoi capolavori in uscita. Gabigol con il Lugano, G.Jesus con il Brasile

Marco Fassone ci ha creduto tanto in Paolo Maldini. E che il nulla di fatto di oggi non sia positivo per entrambe le parti, lo conferma il nuovo proposito dell'ad incaricato. Dopo Maldini, meglio congelare, più opportuno non proseguire. I piani B possono essere interpretate dalla critica come scelte B e questo non porterebbe nulla di buono, sia al prescelto che a chi lo presceglie. A meno che, anche se non è lo scenario in corso, al piano B non vengano aggiunte altre lettere. Piano B...aresi. Ha una voglia pazza di calcio, è già presente a tempo determinato nel Milan e il 16 Dicembre 1999 è stato eletto direttamente dai tifosi Rossonero del Secolo. La rosa delle bandiere sondate fino ad oggi, Demetrio Albertini a parte che ha da dirigente tanto duttile quanto esperto e consolidato visioni alternative ma non antitetiche, ha fatto parte di un gruppo di opposizione ad Adriano Galliani strutturato e vissuto quasi come una diretta emanazione dei social. Nell'ottica di chi si appresta ad arrivare, era doveroso partire da lì, un passo necessario per riavvicinare i tifosi al linguaggio e al mood della Società Milan. Ma questo non esclude altri ambiti e altri possibili metodi di scelta. Segnaliamo, all'insaputa dell'interessato evidentemente, che il carisma e il prestigio di Franco Baresi sono intatti. Agli occhi dei dirigenti avversari, della squadra e dei tifosi. Il Rossonero del Secolo non è contaminato, ha sempre coniugato la sua disponibilità professionale per il Club con il rispetto delle proprie idee di calcio e di Milan.

Prima della partita fra Italia e Spagna, è stato Beppe Marotta ad inaugurare il tema e a dirsi preoccupato per la sostituzione di un monumento come Gigi Buffon nella Juventus. E proprio nella prima gara successiva a questa frase, Gigi Buffon incappa in un errore perdonabile e rimediato, ma clamoroso, contro la Spagna. Successive alle frasi di Marotta, si sono diffuse voci di mercato sul possibile passaggio dell'erede designato in azzurro, Gianluigi Donnarumma, proprio alla Juventus. Che il Gigi Nazionale, il Re che non ha abdicato e che non sembra avere una gran voglia di abdicare, ne sia rimasto vagamente destabilizzato? Non vogliamo crederci, anche se l'errore sul gol di Vitolo non è certo da Buffon. In ogni caso, la priorità verificata di Gianluigi Donnarumma è una e solo una, prolungare con il Milan. Anche se dal punto di vista economico, dovrà esserci la massima attenzione e la massima disponibilità da parte del Milan.

C'è tutta una letteratura sui colpi di mercato in uscita di Walter Sabatini, il dirigente passato dalla rivoluzione alla risoluzione. Consensuale. WS ha piazzato non solo Marquinhos e Lamela, non solo Osvaldo e altri, ma soprattutto Bradley a 9 milioni. La cessione di Bradley è una di quelle che nel calcio italiano si fanno a zero. Invece lui l'ha fatta a 9, con ricca plusvalenza. E nella conferenza stampa dell'addio di ieri, abbiamo capito il perchè. Non vorremmo mai essere al tavolo di una qualsiasi trattativa, messi di fronte all'eloquio di Walter Sabatini. E' illuminante, magnetico, quasi ipnotico nella sua bravura verbale. Se ha presentato Bradley al Toronto con gli stessi voli dialettici e concettuali con cui ieri ha costruito la sua conferenza stampa d'addio, allora diventa tutto comprensibile. Nei suoi anni alla Roma, Sabatini ha vinto e perso, azzeccato e sbagliato. Ma, davanti ad un microfono, Sabatini è uno da uno fisso. Chapeau.

Gabigol. Punto. In realtà dovremmo già essere a capo. Arrivato con la medaglia d'oro olimpica al collo, presentato in pompa magna e accolto da una vernice pirelliana in grande stile. Al centro di un caso diplomatico fra Barcellona e Santos, Gabigol è l'unico dei tre punteri della Seleçaò olimpica da medaglia d'oro ancora in ritardo. Gabriel Jesus ieri ha fatto doppietta contro la Bolivia ed attende serenamente il suo passaggio al Manchester City dove verrà schierato prontamente, Neymar saltabecca da guizzi e gol con la maglia del Barcellona a prodezze analoghe con la Nazionale verdeoro di Tite. Per Gabigol, invece, un rigore in amichevole con il Lugano dopo una ventina di minuti scarsi contro il Bologna e una gara vissuta interamente in panchina a Roma. Gabigol va lanciato, esibito, sdoganato. Il prima possibile, possibilmente non con i tempi della quarantena di Brozovic.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.