HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
26.02.2017 07.57 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 50659 volte
© foto di Image Sport

Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano Allegri. Che è uscito vincitore indiscusso dalla disfida con Leonardo Bonucci e che ha definitivamente salito lo scalino. Quello che separa i buoni tecnici e gli ottimi tecnici dai pochi eletti degni d'esser chiamati grandi allenatori. Allegri ha saputo trasformare tatticamente la Juventus, motivare e incentivare Mandzukic, convincere Marchisio a non essere più titolare, ha saputo gestito Lichtsteiner e ha fatto sbocciare definitivamente Dybala.

La sua Juventus è una meraviglia, fredda e glaciale, negli atteggiamenti lui ricorda sempre di più Antonio Conte e questo non può che essere motivo d'orgoglio. Per il club e per Allegri. Solo che a fine anno le parti si separeranno perché, nonostante la Juventus sia il club meglio organizzato e gestito d'Italia, nonostante Allegri sia per distacco il miglior tecnico della Serie A, le parti sembrano essere concordi d'essere insieme alla fine di un ciclo. Così vien da chiedersi chi ne prenderà il posto: Luciano Spalletti è il primo candidato, perché anche lui con la Roma è a fine corsa e perché non rifiuterebbe certo l'ipotesi Juventus. Paulo Sousa è sempre in ballo ma pare destinato più verso la Bundesliga, per provare a crescere ancora, dopo il fallimento alla Fiorentina.

E Allegri? In Italia no, piuttosto ora resterebbe giustamente fermo. Dopo la Juventus, tutto sarebbe un passo indietro. Sicché l'Arsenal è ipotesi credibile, visto che in Inghilterra è stimato e cercato, coi Gunners che sperano nel 'loro Conte'. E alla Roma, se parte Spalletti? Nel domino degli allenatori, occhio a Unai Emery. L'arrivo di Monchi dal Siviglia come ds ne è indizio, dipende da quel che farà il PSG in CHampions League. L'alternativa più facile è Eusebio Di Francesco, quella più credibile Maurizio Sarri. Che lascerà probabilmente Napoli, in un domino difficilmente visto così intenso e denso di movimenti come nell'estate che verrà. Il rapporto con De Laurentiis è ai minimi storici, sebbene il ridicolo silenzio stampa del club di queste ore non lo metta in luce a microfoni accesi.

A Napoli, De Laurentiis sognerebbe Vincenzo Montella che è però destinato a restare al Milan. L'altra sponda di Milano, invece, rischia paradossalmente di cambiare. Non bastano i risultati a Stefano Pioli, forse, Suning vuole un nome di grido da sbandierare sui mercati asiatici. Occhio ad Antonio Conte, non solo al Cholo Simeone... Prima dicevamo di Paulo Sousa. La Fiorentina, non spendesse, lo licenzierebbe subito. Per il futuro, Marco Giampaolo della Sampdoria è in pole, Maurizio Sarri il grande sogno, Leonardo Semplici della Spal un'alternativa plausibile.

In tutto questo, un nome. Che farebbe la fortuna di molti, dopo aver tirato su da protagonista il miracolo più bello della storia recente del calcio mondiale. Claudio Ranieri, autore di una favola e incolpevole vittima della più grande ingiustizia del pallone. Esonerato quando meritava una statua, quando aveva un sogno bellissimo che è stato ucciso. Ranieri merita ancora una grande panchina in Italia. Magari, dopo il 2018, proprio l'Italia. Leicester resterà un sogno bellissimo. Ma in una cosa si sbaglia, mister. Un sogno così, non muore mai.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.