HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il mercato aiuta o no la Nazionale? Quanti sono gli stranieri in Italia? E quanti sono competitivi? E la serie B?

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
16.10.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 22687 volte
© foto di Federico De Luca

Stavolta ve lo scrivo da subito, più che notizie troverete un'analisi. A costo di perdere "numeri" di visualizzazioni sul mio editoriale, avevo piacere di condividere con voi queste riflessioni determinate da altri numeri, incontrovertibili, su come e quanto il mercato può incidere sull'andamento del nostro calcio. Si parla tanto di riforme: ma in quale direzione?

L'Italia è il primo paese fra i Big Five (Inghilterra, Spagna, Francia e Germania) per numero di giocatori movimentati: 1053. E oltre la metà di queste operazioni di mercato riguarda i giovani, ovvero gli under 19. Quindi il primo dato è che l'Italia guarda al futuro. Sulla qualità di questi investimenti non possiamo pronunciarci: lo vedremo in futuro, ma il segnale è confortante. Quello che ci interessa guardare con più attenzione è il mercato dei "grandi", ovvero dei giocatori già pronti. Ebbene il 32% di questi giocatori acquistati proviene dall'estero e va a formare l'esercito degli stranieri in Italia: sono il 43% della "forza lavoro".

Sono troppi o sono pochi? Cerchiamo di capirlo. Intanto nella scorsa stagione gli italiani impiegati in media nella nostra serie A sono meno della metà (46%). La squadra che ne ha utilizzati di meno è l'Inter, che tiene fede alla sua filosofia e al suo nome (poco più del 5%), quella che ne ha utilizzati di più è il Sassuolo (circa 82%). Altro dato: delle prime 10 della classifica dello scorso anno solo in 3 hanno utilizzato più della metà degli italiani (Juventus, Parma e Torino, ma comunque consideando solo i titolari gli italiani erano sempre in minoranza). Se consideriamo solo le prime 5 la percentuale cala ancora al 26%. Addirittura alla 27^ giornata dello scorso campionato erano 5 le squadre che avevano utilizzato (anche solo per un minuto) meno di 7 italiani in stagione. Volete sapere chi? Fiorentina, Inter, Lazio, Napoli e Udinese. E quest'anno i dati ricalcano esattamente la tendenza dello scorso campionato.
La domanda da porci è: se giocano evidentemente sono forti. Allora basta analizzare i giocatori convocati per il Mondiale. L'Italia ha portato in Brasile l'11% dei giocatori (solo la Premier ha fatto meglio). Quindi gli stranieri "italiani" sono bravi giocatori. Ma non ottimi, visto che dopo il taglio dei quarti l'Italia perde una posizione e molti punti in percentuale. Di sicuro pesa l'eliminazione degli azzurri, ma la Premier il suo primato lo mantiene lo stesso e l'Inghilterra ha fatto la nostra stessa fine.

Va da se che questa situazione fotografata dai numeri non aiuta nella crescita virtuosa della Nazionale. Potrebbe succedere infatti che la qualità dei nuovi arrivi in Italia non sia così superiore ai giocatori già presenti ma che comunque crei una concorrenza ancora più spietata e magari impedisca una formazione completa. Questo naturalmente i numeri non lo dicono. Non questi, almeno. Questi indicano delle tendenze. Che si stiano prendendo provvedimenti in Federazione per riformare il sistema calcio è altrettanto certo e di questi numeri si deve tener conto.

Il problema comunque non è la presenza degli stranieri: la concorrenza non può far altro che migliorare la nostra serie A. Oltre al problema economico (che non può essere risolto da regole) si puo cercare di indirizzare delle scelte. Negli altri paesi del Big Five non ci sono limitazioni agli extracomunitari (anzi in Spagna e Francia le naturalizzazioni sono molto più facili che in Italia) in Inghilterra però per esempio per gli extracomunitari pretendono che ci sia eccellenza: ovvero che abbiano fatto almeno il 75% delle partite della propria nazionale. In Germania la federazione invece obbliga le società ad avere in ogni squadra per fascia d'età (dall'Under 16 in poi) almeno 12 giocatori convocabili per la nazionale tedesca. Questo favorisce molto il mercato interno e anche gli investimenti nei settori giovanili. In Spagna esistono le squadre B (oltre a funzionare molto bene la "cantera"). E a proposito di questo l'ultima riflessione.

Nella nostra serie B il 55% dei giocatori proviene dalla A. Di questi, l'81% è in prestito. Vale a dire che il 45% del totale dei giocatori è in prestito dalla A e nel migliore dei casi "paga" un premio di valorizzazione, nel peggiore tutto (o quasi) lo stipendio. Ecco perché le società di A vorrebbero avere le squadre B: abbattimento costi e gestione diretta dei propri giocatori. Vale la pena ancora non prendere in considerazione questa possibilità?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

L’Inter esagera… il Milan anche! Tutti sul carro di Luis, uomo perfetto per il Napoli. Samp, fissa il prezzo! Tavecchio stravince, Abodi ecco dove hai sbagliato… 13.03 - Se dall’altra parte del mondo, un uomo in Sudafrica non guarda le partite di serie A e non legge i giornali, ma vede solo i risultati, penserà che da inizio stagione ad oggi e da una domenica all’altra in Italia siamo impazziti. Prendete l’Inter e portate a Coverciano l’esempio di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.