HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Il mercato aiuta o no la Nazionale? Quanti sono gli stranieri in Italia? E quanti sono competitivi? E la serie B?

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
16.10.2014 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 22669 volte
© foto di Federico De Luca

Stavolta ve lo scrivo da subito, più che notizie troverete un'analisi. A costo di perdere "numeri" di visualizzazioni sul mio editoriale, avevo piacere di condividere con voi queste riflessioni determinate da altri numeri, incontrovertibili, su come e quanto il mercato può incidere sull'andamento del nostro calcio. Si parla tanto di riforme: ma in quale direzione?

L'Italia è il primo paese fra i Big Five (Inghilterra, Spagna, Francia e Germania) per numero di giocatori movimentati: 1053. E oltre la metà di queste operazioni di mercato riguarda i giovani, ovvero gli under 19. Quindi il primo dato è che l'Italia guarda al futuro. Sulla qualità di questi investimenti non possiamo pronunciarci: lo vedremo in futuro, ma il segnale è confortante. Quello che ci interessa guardare con più attenzione è il mercato dei "grandi", ovvero dei giocatori già pronti. Ebbene il 32% di questi giocatori acquistati proviene dall'estero e va a formare l'esercito degli stranieri in Italia: sono il 43% della "forza lavoro".

Sono troppi o sono pochi? Cerchiamo di capirlo. Intanto nella scorsa stagione gli italiani impiegati in media nella nostra serie A sono meno della metà (46%). La squadra che ne ha utilizzati di meno è l'Inter, che tiene fede alla sua filosofia e al suo nome (poco più del 5%), quella che ne ha utilizzati di più è il Sassuolo (circa 82%). Altro dato: delle prime 10 della classifica dello scorso anno solo in 3 hanno utilizzato più della metà degli italiani (Juventus, Parma e Torino, ma comunque consideando solo i titolari gli italiani erano sempre in minoranza). Se consideriamo solo le prime 5 la percentuale cala ancora al 26%. Addirittura alla 27^ giornata dello scorso campionato erano 5 le squadre che avevano utilizzato (anche solo per un minuto) meno di 7 italiani in stagione. Volete sapere chi? Fiorentina, Inter, Lazio, Napoli e Udinese. E quest'anno i dati ricalcano esattamente la tendenza dello scorso campionato.
La domanda da porci è: se giocano evidentemente sono forti. Allora basta analizzare i giocatori convocati per il Mondiale. L'Italia ha portato in Brasile l'11% dei giocatori (solo la Premier ha fatto meglio). Quindi gli stranieri "italiani" sono bravi giocatori. Ma non ottimi, visto che dopo il taglio dei quarti l'Italia perde una posizione e molti punti in percentuale. Di sicuro pesa l'eliminazione degli azzurri, ma la Premier il suo primato lo mantiene lo stesso e l'Inghilterra ha fatto la nostra stessa fine.

Va da se che questa situazione fotografata dai numeri non aiuta nella crescita virtuosa della Nazionale. Potrebbe succedere infatti che la qualità dei nuovi arrivi in Italia non sia così superiore ai giocatori già presenti ma che comunque crei una concorrenza ancora più spietata e magari impedisca una formazione completa. Questo naturalmente i numeri non lo dicono. Non questi, almeno. Questi indicano delle tendenze. Che si stiano prendendo provvedimenti in Federazione per riformare il sistema calcio è altrettanto certo e di questi numeri si deve tener conto.

Il problema comunque non è la presenza degli stranieri: la concorrenza non può far altro che migliorare la nostra serie A. Oltre al problema economico (che non può essere risolto da regole) si puo cercare di indirizzare delle scelte. Negli altri paesi del Big Five non ci sono limitazioni agli extracomunitari (anzi in Spagna e Francia le naturalizzazioni sono molto più facili che in Italia) in Inghilterra però per esempio per gli extracomunitari pretendono che ci sia eccellenza: ovvero che abbiano fatto almeno il 75% delle partite della propria nazionale. In Germania la federazione invece obbliga le società ad avere in ogni squadra per fascia d'età (dall'Under 16 in poi) almeno 12 giocatori convocabili per la nazionale tedesca. Questo favorisce molto il mercato interno e anche gli investimenti nei settori giovanili. In Spagna esistono le squadre B (oltre a funzionare molto bene la "cantera"). E a proposito di questo l'ultima riflessione.

Nella nostra serie B il 55% dei giocatori proviene dalla A. Di questi, l'81% è in prestito. Vale a dire che il 45% del totale dei giocatori è in prestito dalla A e nel migliore dei casi "paga" un premio di valorizzazione, nel peggiore tutto (o quasi) lo stipendio. Ecco perché le società di A vorrebbero avere le squadre B: abbattimento costi e gestione diretta dei propri giocatori. Vale la pena ancora non prendere in considerazione questa possibilità?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.