VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Il Milan ai cinesi il 13 dicembre. La telenovela è finita. Il giallo delle banche, ballano 100 milioni. Primo passo, blindare Donnarumma. E Galliani potrebbe andare al Toro, in Lega è guerra. Juve, guai a centrocampo: Witsel resta a Mosca

18.11.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 28700 volte
© foto di Federico De Luca

Il Milan cinese ora ha una data certa: il passaggio di consegne avverrà il tredici dicembre. Dopo un'altra giornata fra dubbi sulla cessione e perplessità sulla cordata, un altro vero e proprio giallo senza soluzione o quasi, nella tarda serata è arrivato uno stringato comunicato ufficiale di Sino Europe a spazzare via tutti gli ultimi timori. Poche righe per confermare che l'acquisizione si farà, la cordata di imprenditori cinesi ha sottoscritto le quote e il tredici dicembre arriveranno nelle casse di Fininvest i 430 milioni necessari a chiudere l'affare.

Le voci su presunte difficoltà economiche dei cinesi per onorare gli impegni giravano da qualche giorno, più o meno da quando Lippi in una intervista aveva detto che in Cina non si parla da nessuna parte dell'acquisto del Milan e dei presunti soci pronti a rilevare la società. Situazione di sicuro strana. Il carico è arrivato con la notizia di un blocco dei finanziamenti da parte delle banche cinesi per intervento diretto del governo che, secondo alcune fonti, avrebbe dubbi sull'investimento. Ammesso e non concesso che questo sia vero, Sino Europe era pronta ad aggirare l'ostacolo facendo anticipare l'ingente somma di denaro da banche europee. Qualcuno aveva anche ipotizzato l'addio all'acquisizione (e non è la prima volta), ma siccome 100 milioni sono già stati versati come caparra, perdere certe cifre sarebbe da folli anche per i cinesi.

Ora il giallo è risolto e se alcune ombre su questa vicenda restano, la data del closing è fissata. Fra venticinque giorni, salvo colpi di scena improbabili, durante l'assemblea dei soci rossoneri sarà annunciato lo storico passaggio di consegne da Berlusconi gli investitori stranieri. E quel giorno si conoscerà nel dettaglio anche la composizione della cordata messa insieme da Sino Europe che troppe perplessità, accordi fatti e disdettati ha registrato negli ultimi mesi.

E' stato laborioso portare a termine un'operazione del genere ed altri ostacoli di sicuro sorgeranno, ma il futuro del Milan comincia a prendere forma. Anche l'ultimo tentativo per cercare di far rimanere Galliani con una carica operativa di suo gradimento è andato a vuoto, invece Berlusconi sarà il presidente onorario.

Una volta messo un punto fermo sull'acquisizione, non crediamo che la nuova società possa entrare immediatamente sul mercato di gennaio. L'esborso ingentissimo di denaro per l'acquisto costringerà a una pausa di riflessione per valutare definitivamente i conti e riparametrarli con l'Uefa. E' vero che nel compromesso i cinesi si sono impegnati a spendere 100 milioni sul mercato per tre anni consecutivi, ma la logica impone che il primo investimento si farà solo l'estate prossima.

Un segnale immediato, comunque, i cinesi lo devono dare. Come sappiamo, da giorni tiene banco il futuro di Donnarumma braccato dalla Juventus e da diverse altre società europee. Il giocatore compirà 18 anni l'anno prossimo e il suo contratto scadrà nel 2018. Guadagna pochissimo, le tentazioni sono tante, ma il calcio ha delle strade obbligatorie. I cinesi, se vogliono fare vedere che hanno intenzioni serie, si devono mettere immediatamente al lavoro per convincere Raiola a blindare il ragazzo con un contratto pari al suo valore attuale e a quello che potrà essere nel giro di pochi anni. E' un prodotto del vivaio, un simbolo che la nuova proprietà deve sfruttare come passpartout per il calcio e per i tifosi. Proporre un accordo irrinunciabile e rifondare il Milan su Donnarumma mi sembra il minimo che possa accadere, qualsiasi altra soluzione sarebbe un passo falso. Vedremo, non mancheranno i temi di discussione.

Discussione aspra anche sul futuro di Galliani. Al Milan non resterà e questo era chiaro da subito nonostante i numerosi tentativi di avvelenare i pozzi e di far saltare l'accordo in dirittura d'arrivo. La presidenza della Lega sembrava la sua destinazione naturale, ma l'investitura della Juve (dopo il si anche al Tavecchio-bis) e dello stesso Milan non è bastata. Sta nascendo una contro-candidatura appoggiata da una decina di società fra le quali l'Inter, la Roma, il Napoli, la Fiorentina e altre, che porta all'amministratore delegato del Bologna Fenucci. Difficile che questi dieci società, in sede di trattativa, possano convergere su Galliani, caso mai potrebbe nascere una candidatura unificante. Vista la situazione Galliani non avrebbe voglia di guerre e contrapposizioni, sarebbe andato volentieri in Lega con l'appoggio di tutti e alla sua età, con la sua storia, è comprensibile. Ecco allora che in questa situazione sarebbe nata l'idea del Torino che punterebbe a far entrare in società proprio l'ex ad del Milan. Con Cairo i rapporti sono ottimi da quando il presidente del Toro lavorava con Berlusconi, con Mihajlovic c'è grande stima. La vicenda è ancora tutta da scrivere.

Sta diventando una telenovela anche l'affare Witsel. Dopo averlo perso nelle ultime ore del calciomercato estivo, la Juve lo perderà anche a gennaio. Il centrocampista belga ha un accordo con i bianconeri, si svincolerà nel giugno prossimo, ma i tentativi di Marotta per averlo prima stanno andando a vuoto. Lo Zenit ne fa una questione di principio, rinuncia ai 5-6 milioni proposti per non farla vincere alla Juve. Si è arreso anche il giocatore che non più tardi di ieri ha parlato dei suoi programmi futuri, vale a dire vincere lo scudetto di Russia e arrivare con lo Zenit almeno in semifinale di Champions. Come dire, ciao Juve, arrivederci a giugno. In attesa di colpi di scena difficili, Marotta dovrà ora concentrarsi su un altro obiettivo per portare a casa in inverno quel centrocampista che serve e manca in rosa. I nomi sono gli stessi, le difficoltà tante. La soluzione più fattibile, oltre al recupero di Mandragora, sembra Kessie dell'Atalanta. L'ivoriano ha soltanto vent'anni, ma sembra pronto. Da Bergamo chiedono venti milioni, la palla passa a Marotta. Quasi sicuramente al Boca arriverà il grintoso, ma tecnico, uruguagio Bentancur. Basteranno?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.