VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Il Milan cerca soci: ma la squadra? L'Inter all'esame Europa, la guerra dei conti tra Napoli e Juve. E il Barça fermato sul mercato: ecco le ripercussioni in Italia

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
03.04.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 24864 volte
© foto di Federico De Luca

Stasera ancora Juve, l'unica italiana presente in Europa. Sicuramente l'italiana che in questo periodo storico sta lavorando al meglio per cercare di raggiungere un profilo da top. Questo processo passa anche dall'Europa League, quasi come una legittimazione. Conte lo sa e non molla. Dopo la partita contro il Napoli si è parlato tanto di cifre. DI quanto si investe, di chi spende di più, chi ha il fatturato più alto fra Juve (appunto) e Napoli. In realtà i due progetti economico/sportivi sono diversi. Da una parte la Juve (che ha un fatturato più alto perché ha un'ottima organizzazione societaria e perché può contare su molti tifosi in più in giro per l'Italia e il mondo) ha una potenza di fuoco (ingaggi al lordo più ammortamenti annui dei cartellini) di circa 200milioni all'anno. Il Napoli meno (sono 75 i milioni di euro per gli ingaggi a cui bisogna aggiungere la cifra spesa all'anno per acquistare giocatori) ma anche perché per molto tempo De Laurentiis ha tenuto un tetto salariale per calmierare le spese. E questo non gli ha impedito di arrivare comunque in Champions e quindi ai vertici del calcio italiano. Ora con Benitez in panchina si cercherà di colmare anche l'ultimo gradino. Con alcuni piccoli problemi all'orizzonte (ne parliamo tra poco...).
Il Milan ha presentato ufficialmente la nuova casa. Ed è anche uscito allo scoperto: si cercano partner. Un socio che entro con il 20-30% per continuare a rendere il Milan competitivo. Soprattutto dopo quest'anno ce n'è bisogno. Ma la famiglia Berlusconi (e le ultime dichiarazioni del presidente sono sempre in questa direzione) non ha voglia di lasciare il Milan ma neanche di continuare a buttare soldi nella squadra. C'è bisogno di un piano concreto di rinnovamento. Quindi nuovi entroiti non solo da nuovi partner, non solo allargando i "confini" commerciali del Milan, ma anche grazie al mercato.
Il problema è che questo non è l'anno buono per vendere. Nessuno dei gioiellini del Milan (per un motivo o per un altro) ha visto accrescere il proprio valore in questa stagione malandata. E il sacrificio di vendere uno fra El Shaarawy, De Sciglio o Balotelli potrebbe non rendere più di quanto si perde. Mondiale e finale di stagione potrebbero aiutare, ma è necessaria una strategia alternativa. Ovvero quella della riduzione della rosa, abbassare notevolmente il monte ingaggi (con la cessione di chi guadagna di più) puntare sui giovani che vengono dal settore giovanile (che ultimamente sta raccogliendo anche buonissimi risultati).
Nessuno dice che sia facile, ma la strada sembra quasi obbligata.
In più c'è la vicenda Kakà. Sul web il popolo milanista sta già cercando di convincere Ricky a non lasciare Milano. Il suo portavoce Diogo Kotchko allontana ma non troppo lo spauracchio Orlando. Se ne parla solo nel 2015, che praticamente è l'anno prossimo. Il problema è che se Kakà inizia la prossima stagione il Milan non vorrebbe lasciarlo andare durante l'anno. Quindi un affare alla Beckham, tanto per capirci, rimane di difficile attuazione. Ma è una vicenda, questa, che ci terrà occupati a lungo.
L'Inter è alla prese con una piccola crisi d'identità. Thohir ha parlato chiaramente in quest'ultimo periodo. Europa imprescindibile. Mazzarri lo sa. E se è vero che già si parlava di un possibile rinnovo (anzi un allungamento di un anno) è anche vero che ora più che mai è legato ai risultati e agli obiettivi da raggiungere. Il primo ad essere rammaricato dei punti persi per strada è sicuramente lui, ma ora è proprio lui a dover indicare la rotta all'Inter. Naturalmente anche il mercato dipende dall'Europa, ma anche in Indonesia non si immaginano un nerazzurro senza coppe anche la prossima stagione.
La sospensione del mercato del Barcellona ha delle conseguenze, soprattutto dalle parti di Napoli.
Sia in entrata che in uscita. Perché Mascherano, senza nascondersi, è stato a lungo un obiettivo di mercato di Benitez (anche nelle ultime riunioni di mercato si è fatto il suo nome e non solo per rinforzare il reparto difensivo). Ora chiaramente si può acquistare lo stesso: ma visto che a Barcellona non possono comprare e che già Puyol andrà sicuramente via (ha rescisso il suo contratto ed ha già comunicato che andrà via perché ha bisogno di riposo) lasciar andare anche Mascherano potrebbe essere un rischio.
E sicuramente non potrà arrivare il portiere, ovvero Pepe Reina. Già in parola con i blaugrana, soprattutto ora dopo l'infortunio di Valdes. E invece (per ora) il Barca è aggrappato a Pinto.
In passato la Roma e il Chelsea erano stati puniti allo stesso modo. Il ricorso servi in un caso (la Roma) a ridurre la squalifica a una sola finestra di mercato, nell'altro (Chelsea) addirittura a togliere la "punizione".
Chissà quindi cosa succederà a Cuadrado (che era nel mirino del Barca). E alla Fiorentina che programma questo può interessare eccome visto che prima ci saranno le uscite e poi entrate. Fra le entrate ci saranno 2 difensori, 1 centrocampista e 1 esterno basso a destra. I nomi? Doria e Musacchio su tutti.
Il Palermo comincia a guardare in giro in vista della prossima stagione: il direttore sportivo Perinetti andrà a vedere lo Zurigo contro il Losanna. Occhi puntati su Yassine Chikhaoui (1986) gioca esterno, molto tecnico tanto da essere soprannominato lo Zidane tunisino. L'agente di Behrami è stato a Londra nei giorni scorsi: potrebbe esserci stato un contatto con il Tottenham, Pavoletti (ora al Varese, ma del Sassuolo) piace in Bundesliga (Werder e Hertha) mentre il Sunderland ha puntato (in caso di salvezza) Vrsaljko.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.