VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Il Milan e il caso Bonera, uno che non possiamo considerare inferiore a Bonucci

Giornalista sportivo a Mediaset, è stato caporedattore di Tele+ (oggi Sky). Opinionista per Telenova e Milan Channel. I suoi libri: "Soianito", "La vita è una" con Martina Colombari, "Sembra facile" con Ugo Conti.
14.11.2014 00.00 di Luca Serafini  Twitter:    articolo letto 31018 volte
© foto di Federico De Luca

E' alla sua nona stagione in rossonero, ha vinto una Champions, una Supercoppa europea, un Mondiale per club, uno scudetto e una Supercoppa italiana. Conta 16 presenze in Nazionale. Il suo rendimento in questo campionato è ai minimi termini, inevitabile che la critica e soprattutto i tifosi siano spietati con lui. E' oggetto di scherno, insulti, vignette ironiche, un massacro mediatico dalle reti nazionali a quelle locali sino al più irrisorio dei social, che va di pari passo con prestazioni disastrose. A rincarare la dose di giudizi feroci, alcuni aneddoti che arrivano dallo spogliatoio nell'ultima stagione e nel primo periodo dell'era Inzaghi. Un calderone in cui rischia di annegare senza difendere nemmeno se stesso, perché preferisce il silenzio.
Eppure Bonera non è mai stato questo irriconoscibile giocatore. La sua parabola non è stata questa fino al 2014. Senza mai assurgere a livelli assoluti, si è sempre distinto per affidabilità e persino una certa duttilità tra il ruolo di centrale o terzino a destra o a sinistra. In un Milan ondivago come questo ogni errore ha un peso che ti schiaccia fino a stritolarti, in un momento di vita dello spogliatoio dove mancano guide e leader ogni spiffero ha la forza di un uragano. Non sottilizziamo le sue mancanze tecniche palesate in questi mesi tremendi, non sminuiamo l'incidenza che possono avere avuto e potrebbero ancora avere i suoi errori. Luca Antonini che pure non ha avuto la stessa storia e il suo pedigree con la maglia del Milan, fu scorticato fino a una cessione voluta quasi a furor di popolo. Dunque al bando qualsiasi forma di miopia nel vedere le partite e capire cosa succede.
Piuttosto, la situazione di Bonera ci fa riflettere per via della conoscenza di Daniele, scindendo il giocatore dall'uomo. Giocatore senza picchi, la carriera del quale non è comunque individualmente inferiore a quella di Bonucci fino a prova contraria. Uomo sostanzialmente mite, educato, impegnato nel sociale, ottimo padre di famiglia, forse nell'episodio raccontato da Amelia fu condizionato dall'insofferenza per le proprie magagne così crudelmente sottolineate dai fatti e dalla critica, appunto. Non si tratta di una difesa d'ufficio, già quelle nei confronti di Pirlo e Ambrosini e di Inzaghi in questi mesi ci procurano accuse di amicizia miope e condizionante. Stiamo solo prendendo atto dell'inasprimento dell'atteggiamento dei tifosi milanisti storicamente buonisti verso chi comunque qualcosa alla causa e alla maglia ha dato, nella sua vita professionale. Pensiamo che oggi per Bonera basti e avanzi la panchina in attesa di un ritorno a un'accettabile affidabilità, senza linciaggi. E che forse si potrebbe anche pensare a un incoraggiamento più affettuoso che caloroso una volta che questa bufera gli finisse alle spalle. Siamo i primi a ritenere che in questo momento solo Alex e Rami concedano qualche garanzia a Pippo Inzaghi nel pacchetto dei centrali. Ma mentre Mexes e Zapata paiono patologicamente irrecuperabili, forse un minimo lavoro di restauro psicologico, atletico e quindi di rendimento nei confronti di uno che è giunto al nono anno di milizia si possa anche fare. In fondo Daniele Bonera ha 33 anni, gli manca poco. Quel poco sarebbe importante gestirlo al meglio, per sé e per il Milan.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.