HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il Milan, la Juventus, l'Inter e Kondogbia

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
09.04.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 29592 volte

Leggiamo da sempre Giampaolo Pansa. E abbiamo apprezzato, da umili osservatori, la grinta monferrina con cui il grande casalese si rivolgeva qualche decennio fa a Giorgio Bocca sui problemi delle concentrazioni editoriali dell'epoca: "Ma parla per te Giorgio" e così via. Mutatis mutandis e scendendo clamorosamente di livello, il "parla per te" perdendo anche la pazienza lo utilizziamo anche noi, modestamente e impropriamente quanto volete ma lo facciamo nostro per qualche riga. O giornalista interista, ma parla per te. Il Milan deve giocare con la Juventus, che c'entra l'Inter? Nulla, assolutamente. E poi il giornalista interista, almeno formalmente, non è l'Inter. Il fatto è che, è sempre Pansa che insegna, il troppo stroppia. Capito che conosci le tabelline, le percentuali, gli excel di tutti i mercati del Milan e capito, che in epoca di incazzature, qualche tifoso milanista ti cita addirittura come esempio perchè dici..."la verità". Ma almeno per qualche attimo e almeno noi nel nostro piccolo, andiamo oltre. Ma a chi continui a dare lezioni? Al Milan? Forte della tua Inter che negli ultimi tre anni è arrivata nona, quinta, ottava e adesso è ancora quinta, a chi devi continuare a spiegare come si fa il mercato? Su chi continui ad alludere, mostrando bene il sasso e tenendo la manina ben riposta? Al Milan e a Galliani che negli ultimi anni sono arrivati terzi, ottavi, decimi e adesso sono sesti? Fai pure. Il Milan oggi non è più cohibentato, è bellamente e continuamente infiltrato, per cui si può fare tutto. Ma sdottorare sul Milan e su Galliani, dopo aver definito un esempio di mercato intelligente il mercato di Vidic (!), Dodò (!), M'Vilà (!!!), Osvaldo (!) e Medel, è francamente il massimo. L'esempio che stiamo facendo non è di simpatia o antipatia personale, ne l'arrampicata sugli specchi o la classica sindrome da accerchiamento. E' una foto. Una istantanea. E' l'aria strana che respirano i Suso, gli Acerbi, i Torres, i Saponara, gli El Shaarawy, persino i Birsa. Quando arrivano vengono citati da tanti tifosi e addetti ai lavori, compreso l'Osvaldiano come esempio della spectre societaria o della casualità con cui vengono portati i giocatori in rossonero, quando vanno via e raggiungono lidi in cui c'è fiducia, serenità, compattezza e possono finalmente dimostrare il loro valore, ecco che gli stessi, rinforzati dall''M'Vilaiano ironizza sulla loro partenza. Comunque stia pure tranquillo il nostro Vidiciano, non è Mihajlovic il responsabile di tutto. Tanto è vero che il management sportivo, la squadra e tutta Milanello sono con lui e tifano per lui oltre che per il Milan. Mesto ieri il Mister? Non lo conoscete, dentro di se vuole spaccare tutto. E sa perfettamente che se porta i risultati può stare, con convinzione, tutela e protezione, nel Milan anche nella prossima stagione. Certo, che siano la Juventus e in fondo anche Allegri, criticatissimo ai tempi rossoneri dallo zizzanioso (grande Piero Ausilio, visto come li faccio becchi?) giornalista interista di cui sopra, gli arbitri di cotanto destino, non è il massimo che Sinisa o chiunque altro al suo posto possa augurarsi. Ma l'uomo può affrontare questo ed altro. Con buona pace della quantità industriale di rutti liberi che si riversano sul Milan, al netto dei problemi, delle contraddizioni, degli errori vissuti e commessi in questi anni. E con buona pace del buon Kondogbia. Che illustra, come fondamento delle proprie scelte di vita, la differenza fra il quinto e il sesto posto di oggi fra Inter e Milan. Siamo pigri e indaffarati, per cui non ci ricordiamo se fosse presente nell'ultimo derby di Milano e il motore di ricerca non funziona, magari è rimasto anche lui al palo. Ma al buon Kondogbia non stiamo per dare una buona notizia: non tanto a noi che non siamo nessuno e che non contiamo nulla, ma è ai suoi tifosi che va bene lo stesso se lui c'è o non c'è. Al contrario del tifosi del Milan per i quali se Kucka c'è o non c'è cambia molto, cambia tutto o quasi. Ecco questo è il segno dei tempi sta pensando il Dodoiano, nel suo incedere prevedibilissimo. Può essere, ma per chi avesse dei dubbi è proprio lui Kucka, è quello che sfrecciava per un ora senza mai essere preso sia nel derby di Settembre che in quello di Gennaio. E' quello che è costato tre milioni e non trenta tolti gli "spiccioli", ma soprattutto quello che parla poco e pensa tanto ad allenarsi e a correre. Si fidi Kondo, è un buon esempio da seguire.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.