HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il Milan nei guai, se resta fuori dall'Europa largo ai giovani e via uno tra El Shaarawy e De Sciglio: ecco perché per ora Berlusconi non vende. Spalletti costa troppo, Inzaghi favorito

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
25.04.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 33374 volte
© foto di Federico De Luca

Berlusconi non vende il Milan, almeno per ora. L'ennesima smentita alle solite voci provenienti dall'Oriente è arrivata prima dalla Fininvest e poi per bocca dello stesso ex Cavaliere "non si vendono le cose sacre", serve ad allontanare almeno per ora un assedio che comunque continuerà.

La situazione finanziaria della società rossonera non è assolutamente rosea e chi ha una grande liquidità (magnati cinesi e di Singapore) sta comunque alla finestra per valutare eventuali situazioni favorevoli all'acquisto.

La crisi economica del Milan e la riduzione degli investimenti da parte di Berlusconi, si è aggravata in questa stagione per la mancata qualificazione alla Champions League. L'esclusione viene quantificata in una quarantina di milioni in meno in entrata. Un brutto colpo. L'Europa League diventa così una sorta di ciambella di salvataggio.

Galliani continua a ripetere che comunque anche la "coppetta" è importante e dice il vero.

I molti marchi che hanno investito pesanti somme sul brand Milan quando era in Champions, sono disposti a sopportare la partecipazione alla coppa minore, ma in caso di esclusione completa dalle gare internazionali e quindi dalla visibilità, potrebbero ridurre l'impegno economico. Le ultime quattro giornate diventano determinanti per un po' di ossigeno economico.

Ma dove sono i problemi del Milan? Soprattutto nel monte-ingaggi che deve essere ridotto in maniera sensibile. Prendere parametri zero è un affare, ma poi gli ingaggi lievitano. Un esempio. Montolivo è costato zero euri ( si è liberato dalla Fiorentina), ma un giocatore così può guadagnare tre milioni e mezzo? I casi sono tanti. Quindi i piani prevedono la cessione di chi guadagna troppo Robinho e altri, con una drastica riduzione degli ingaggi. Con questa politica è difficile portare campioni a Milano. Anzi, per fare mercato è assai probabile che il Milan decida di vendere uno tra i due o tre giocatori più richiesti. Si era pensato anche a Balotelli, ma la cessione toglierebbe completamente competitività.

Ecco allora la possibilità di vendere De Sciglio o El Shaarawy. Il primo ha un ottimo mercato e grandi richieste, il Faraone sta tornando e un buon finale di stagione potrebbe rilanciarlo.

Insomma, visto che gli incassi sono ridimensionati e Berlusconi non è più disposto a ripianare cinquanta milioni l'anno, diventa difficile perfino riscattare Taarabt e Rami (servono più di dieci milioni) e Poli dalla Sampdoria.

Ecco allora che l'imput sarà la valorizzazione dei talenti del settore giovanile e di altri segnalati dagli osservatori.

La strategia di Barbara Berlusconi prevede anche l'apertura di nuovi mercati e il rilancio di quelli che ci sono per il merchandising e per operazioni mirate di marketing. Lady B. cercherà di far lievitare la voce ricavi, ma soprattutto ha fatto un giro nei Paesi Arabi e in Oriente per cercare contatti con investitori disposti a credere nel calcio e nel marchio Milan. Oggi c'è la volontà di vendere, ma soltanto una quota di minoranza, non più del 30-40 per cento della società, valutata una cifra molto alta, attorno ai mille milioni di euro. La prevista costruzione del nuovo stadio potrebbe essere uno stimolo in più per chi volesse entrare.

Insomma, una situazione molto delicata. Chi si aspetta grandi colpi di mercato è meglio che riponga tutti i sogni. Proprio per tagliare di netto questa situazione e tirarsi fuori da eventuali contestazioni dei tifosi troppo abituati a vincere per giustificare anni in secondo piano, Barbara a parte, i figli di Berlusconi sarebbero favorevoli alla vendita del club anche a cifre minori, attorno ai 500 milioni, ma il Cavaliere non molla. Il Milan fa parte della sua vita e lo ha ribadito anche ieri.

In questa situazione l'allenatore potrebbe sembrare il problema minore e invece anche la posizione di Seedorf è legata ai soldi.

La società è molto seccata per l'incontro tra Seedorf e i tifosi nel corso del quale l'allenatore ha detto le cose come sono: non ci sono soldi, alcuni giocatori sono scarsi, sarà difficile rifare un grande Milan. Un allenatore dovrebbe invece le difficoltà e se fosse stato qualche anno fa Seedorf sarebbe già un ex, esonerarlo però costa una cifra molto vicina ai dieci milioni (due anni e mezzo di contratto) che in questo momento sono un macigno. Con una transazione forse si potrebbe arrivare a sette, ma è sempre troppo.

Poi chi prendere? Prandelli ha preferito (almeno per ora) la Nazionale. L'idea Spalletti è in stand-by proprio per l'ingaggio. Poi l'ex allenatore della Roma è abituato a portarsi dietro uno staff molto numeroso. Montella era un'ipotesi (non guadagna molto), ma l'ex aeroplanino è legato alla Fiorentina e non lascia.

E allora non resta che Inzaghi amato da Galliani e poco costoso. Ma si può fare? I rischi sono tanti e (tra l'altro) proprio quei tifosi che contestavano Seedorf giocatore ora sono tutti dalla sua parte. Un bel pasticcio.

Vendere alla Moratti sarebbe davvero una soluzione, ma vallo a spiegare a Silvio...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.