VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Il Milan nei guai, se resta fuori dall'Europa largo ai giovani e via uno tra El Shaarawy e De Sciglio: ecco perché per ora Berlusconi non vende. Spalletti costa troppo, Inzaghi favorito

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
25.04.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 33374 volte
© foto di Federico De Luca

Berlusconi non vende il Milan, almeno per ora. L'ennesima smentita alle solite voci provenienti dall'Oriente è arrivata prima dalla Fininvest e poi per bocca dello stesso ex Cavaliere "non si vendono le cose sacre", serve ad allontanare almeno per ora un assedio che comunque continuerà.

La situazione finanziaria della società rossonera non è assolutamente rosea e chi ha una grande liquidità (magnati cinesi e di Singapore) sta comunque alla finestra per valutare eventuali situazioni favorevoli all'acquisto.

La crisi economica del Milan e la riduzione degli investimenti da parte di Berlusconi, si è aggravata in questa stagione per la mancata qualificazione alla Champions League. L'esclusione viene quantificata in una quarantina di milioni in meno in entrata. Un brutto colpo. L'Europa League diventa così una sorta di ciambella di salvataggio.

Galliani continua a ripetere che comunque anche la "coppetta" è importante e dice il vero.

I molti marchi che hanno investito pesanti somme sul brand Milan quando era in Champions, sono disposti a sopportare la partecipazione alla coppa minore, ma in caso di esclusione completa dalle gare internazionali e quindi dalla visibilità, potrebbero ridurre l'impegno economico. Le ultime quattro giornate diventano determinanti per un po' di ossigeno economico.

Ma dove sono i problemi del Milan? Soprattutto nel monte-ingaggi che deve essere ridotto in maniera sensibile. Prendere parametri zero è un affare, ma poi gli ingaggi lievitano. Un esempio. Montolivo è costato zero euri ( si è liberato dalla Fiorentina), ma un giocatore così può guadagnare tre milioni e mezzo? I casi sono tanti. Quindi i piani prevedono la cessione di chi guadagna troppo Robinho e altri, con una drastica riduzione degli ingaggi. Con questa politica è difficile portare campioni a Milano. Anzi, per fare mercato è assai probabile che il Milan decida di vendere uno tra i due o tre giocatori più richiesti. Si era pensato anche a Balotelli, ma la cessione toglierebbe completamente competitività.

Ecco allora la possibilità di vendere De Sciglio o El Shaarawy. Il primo ha un ottimo mercato e grandi richieste, il Faraone sta tornando e un buon finale di stagione potrebbe rilanciarlo.

Insomma, visto che gli incassi sono ridimensionati e Berlusconi non è più disposto a ripianare cinquanta milioni l'anno, diventa difficile perfino riscattare Taarabt e Rami (servono più di dieci milioni) e Poli dalla Sampdoria.

Ecco allora che l'imput sarà la valorizzazione dei talenti del settore giovanile e di altri segnalati dagli osservatori.

La strategia di Barbara Berlusconi prevede anche l'apertura di nuovi mercati e il rilancio di quelli che ci sono per il merchandising e per operazioni mirate di marketing. Lady B. cercherà di far lievitare la voce ricavi, ma soprattutto ha fatto un giro nei Paesi Arabi e in Oriente per cercare contatti con investitori disposti a credere nel calcio e nel marchio Milan. Oggi c'è la volontà di vendere, ma soltanto una quota di minoranza, non più del 30-40 per cento della società, valutata una cifra molto alta, attorno ai mille milioni di euro. La prevista costruzione del nuovo stadio potrebbe essere uno stimolo in più per chi volesse entrare.

Insomma, una situazione molto delicata. Chi si aspetta grandi colpi di mercato è meglio che riponga tutti i sogni. Proprio per tagliare di netto questa situazione e tirarsi fuori da eventuali contestazioni dei tifosi troppo abituati a vincere per giustificare anni in secondo piano, Barbara a parte, i figli di Berlusconi sarebbero favorevoli alla vendita del club anche a cifre minori, attorno ai 500 milioni, ma il Cavaliere non molla. Il Milan fa parte della sua vita e lo ha ribadito anche ieri.

In questa situazione l'allenatore potrebbe sembrare il problema minore e invece anche la posizione di Seedorf è legata ai soldi.

La società è molto seccata per l'incontro tra Seedorf e i tifosi nel corso del quale l'allenatore ha detto le cose come sono: non ci sono soldi, alcuni giocatori sono scarsi, sarà difficile rifare un grande Milan. Un allenatore dovrebbe invece le difficoltà e se fosse stato qualche anno fa Seedorf sarebbe già un ex, esonerarlo però costa una cifra molto vicina ai dieci milioni (due anni e mezzo di contratto) che in questo momento sono un macigno. Con una transazione forse si potrebbe arrivare a sette, ma è sempre troppo.

Poi chi prendere? Prandelli ha preferito (almeno per ora) la Nazionale. L'idea Spalletti è in stand-by proprio per l'ingaggio. Poi l'ex allenatore della Roma è abituato a portarsi dietro uno staff molto numeroso. Montella era un'ipotesi (non guadagna molto), ma l'ex aeroplanino è legato alla Fiorentina e non lascia.

E allora non resta che Inzaghi amato da Galliani e poco costoso. Ma si può fare? I rischi sono tanti e (tra l'altro) proprio quei tifosi che contestavano Seedorf giocatore ora sono tutti dalla sua parte. Un bel pasticcio.

Vendere alla Moratti sarebbe davvero una soluzione, ma vallo a spiegare a Silvio...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.