HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Il Napoli a Bilbao dovrà essere più furbo di quanto non lo fu a Dortmund. L'accesso ai gironi Champions darà il via ad una pirotecnica chiusura di mercato. Inler verso il Monaco. E in tre aspettano l'ok di De Laurentiis

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
24.08.2014 00.00 di Raffaele Auriemma  articolo letto 34388 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Napoli a Bilbao, avvertenze per l'uso. Regola numero uno: evitare accuratamente il ripetersi della sciagurata trasferta a Dortmund. Ricordate? Era il 26 novembre e tutti sapevano che al Napoli sarebbe stato sufficiente il pareggio per garantirsi l'approdo agli ottavi di Champions con una giornata d'anticipo. Di contro, il Borussia vicecampione d'Europa fu accompagnato in campo dalla disperazione di chi sapeva che solo la vittoria l'avrebbe tenuto in corsa per il prosieguo nella competizione continentale. L'esito di quel match resta scolpito nella memoria dei tifosi azzurri, sconcertati da una sconfitta (3-1) che avrebbe potuto essere di proporzioni addirittura mortificanti se Pepe Reina non fosse assurto al ruolo di salvatore quanto meno dell'onore. Ora, è vero che il bello del calcio si sostanzia nell'esaltazione del gesto tecnico, però leggendo Machiavelli ci accorgiamo che il fine giustifica sempre i mezzi e la ragion di Stato, talvolta, prevede l'opportunità di un gesto altrimenti sconosciuto: la cautela. Un sostantivo da spendere quando la posta in palio è troppo alta e il rischio di uscirne a pezzi ti consiglia di adottare una condotta meno sfrontata, strategicamente più avveduta. Siamo certi che stavolta il Napoli non andrà all'arrembaggio con la sciabola sguainata, sarebbe un suicidio nella piena consapevolezza del gruppo basco, compatto, sereno e convinto che Benitez nemmeno stavolta studierà accorgimenti tattici particolari per disinnescare la copertura del suo "conlega minor" Valverde. Attenzione, non si sta chiedendo a don Rafè di sconvolgere tutta la sua letteratura tattica con un bel catenaccione di herreriana memoria, bensì di farsi furbo in un momento-chiave della stagione partenopea. Anche perché, presi uno ad uno, il Napoli è di gran lunga più forte dell'Athletic e l'impresa a Bilbao non sarebbe nemmeno da annoverare tra quelle di cui scriverne un romanzo e poi leggerlo ai nipotini. La settimana in più di allenamento servirà per dare più continuità ad un gioco per certi tratti anche esaltante del match d'andata, uno spirito bellico che si annida nella rabbia di chi sa che l'1-1 dell'andata non rappresenta lo specchio fedele delle due squadre. Giocherà Insigne? Ci sarà spazio per Inler? E Zuniga, stavolta, sarà convocato? In tre domande le possibili soluzioni, di formazione e di mercato. Sono tre azzurri di lungo corso eppure attraversati da dubbi di impiego, tanto quanto le voci di mercato che li riguardano. I fischi di martedì hanno fiaccato nell'animo un Insigne troppo impulsivo per una realtà sportiva che non gli perdona nulla. Tanto da ipotizzare anche il suo trasferimento in un'altra nazione per restituirgli quel ruolo d'attaccante puro e la serenità d'animo. Strano pure che Inler non sia sceso in campo nemmeno un minuto con il Bilbao. "Non è al meglio della forma" la spiegazione al dubbio. Addirittura? Inler sta messo così male fisicamente da non riuscire a giocare nemmeno mezzora al suo livello? In mezzo a queste perplessità spunta, poi, la voce di una imminente cessione ai francesi del Monaco e 2+2 torna a fare 4. Una formula aritmetica da utilizzare anche per Zuniga. In campo, finora, solo una decina di minuti nel test contro il Barcellona,
quando Benitez lo utilizzò al posto di Callejon. Poi, nulla più, perché a corto di condizione. Strano, perché ha ricominciato ad allenarsi lo stesso giorno di Mertens (il 28 luglio) che già sprinta come un razzo. Può darsi che il ragazzo abbia esagerato in vacanza e adesso stanno rimettendo in sesto un calciatore che, per svariate vicissitudini, non gioca una gara ufficiale da quasi un anno. Oppure è tra quelli che aspettano l'offerta giusta per dire "ciao Napoli". Napoli in Champions, cosa tutt'altro che improbabile, per sciogliere i
nodi di un mercato che potrebbe riservare altre graditissime sorprese: Sandro del Tottenham, Song del Barcellona e Kolo Tourè del Liverpool aspettano soltanto il "sì" di De Laurentiis per arrivare in prestito.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.