HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Il Napoli è troppo brutto per esser vero e bene ha fatto Benitez a usare il pugno duro dopo il pareggio contro il Palermo. Caro Rafa, potresti caricare la squadra ricordandogli la finale di Champions vinta col Liverpool contro il Milan

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
28.09.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 22915 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Troppo brutto per esser vero, troppo deludente per non intervenire. Finalmente è successo che Rafa Benitez decidesse di abbandonare la mano morbida e quella teoria permissiva messa in discussione dopo l'eliminazione dalla Champions. Con una squadra scottata e depressa (forse anche distratta) e con i risultati che continuavano ad essere deludenti, era arrivato il momento dell'inevitabile giro di vite. Annullato il giorno di riposo per la prima volta durante l'era Benitez e pure le chiacchiere profuse in sala stampa a mo' di simposio sul mondo del calcio, da ieri sono state (forse) definitivamente bandite. Risposte secche ed un abbondante utilizzo di monosillabi hanno lasciato intendere che da questo momento il coach parteciperà alle conferenze stampa sol perché previste da programma, ma il suo principale obiettivo sarà quello di far parlare il campo. Con i fatti ed i risultati che questa squadra è in grado di ottenere, nonostante l'avvio di stagione triste e con pochissime ragioni per sorridere. Ecco, il nuovo corso di don Rafè ci piace molto, improntato com'è al privilegio della sostanza, alla scelta del pugno duro quando serve ed all'utilizzo dei ricordi per caricare una squadra oggi in crisi di identità. Perché no, alla suo gruppo attuale potrebbe ricordare cosa fece, ma soprattutto cosa disse, nello spogliatoio del Liverpool che perdeva 3-0 contro il Milan in finale di Champions. Spiegare come fece ad evitare il tracollo psicologico di Gerrard e Xavi Alonso, cosa disse per convincerli a tornare in campo con la consapevolezza di riuscire in una rimonta oggettivamente improbabile. Quella sera proprio non riusciamo ad immaginare Benitez con la lavagnetta tra le mani spiegando ad ognuno dei suoi calciatori se dovese spostarsi un po' più a sinistra o se restare mezzo metro al centro. No, certamente in quella notte irripetibile avrà sguainato la scimitarra, indicando il corridoio che portava al terreno di gioco e che quella sarebbe la strada per la gloria che loro e soltanto loro avrebbero potuto conquistare. Con il cuore, con l'orgoglio ed un appetito che in quel momento al Milan era già venuto via. Ne avrà sicuramente tanti altri di aneddoti vissuti lungo l'arco di tutta la sua carriera di allenatore da garantirsi una vasta gamma di opzioni per caricare il Napoli nelle prossime partite e fino a quando non avrà ritrovato la serenità che manca attraverso il raggiungimento dei risultati. Tre sfide nell'arco di otto giorni, importanti per non dire fondamentali, di certo utili a garantire quella spinta che occorre per cambiare il senso di un campionato troppo simile al peggiore periodo di De Laurentiis per poter essere vero ed accettabile. L'inizio della stagione 2009-2010 fu identico, però quel Napoli aveva come obiettivo massimo il ritorno in Europa League attraverso il quinto, sesto posto (cosa che poi avvenne con Mazzarri), perché il valore della squadra di più non consentiva di pensare. Ma il Napoli di adesso è cosa ben diversa, tanto da convincere De Laurentiis all'utilizzo del sostantivo "scudetto" e Benitez ad assecondarlo (in parte) con l'espressione: "Non dobbiamo aver paura di parlarne". Avranno sicuramente ragione loro, perché il Napoli visto all'opera nelle prime sette sfide stagionali è davvero troppo brutto per essere vero. O forse troppo distratto per lottare su tutti i palloni ed in ogni partita. Ecco perché ci piace immaginare che, a partire dalla sfida con il Sassuolo, ci sia Benitez a lanciare l'assalto con la sciabola tra i denti, nel mentre De Laurentiis si gode di buon mattino lo spettacolo da Los Angeles.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Film-Milan, la settimana dei pianti e delle feste. De Laurentiis, hai rovinato tutto! Verona, per la A esonera Pecchia e prendi un De Canio... Figc, il gioco si fa duro ma i colpi bassi non pagano mai 27.02 - Il Milan vince a Sassuolo con un rigore da ripetere (almeno), il Napoli perde punti e testa e l'Atalanta è lo spot più bello del nostro campionato. Immaginate se Gasperini avesse indovinato anche le prime cinque giornate oggi dove sarebbe... Roba da matti. Complimenti a Percassi e...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.