HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Il Napoli è troppo brutto per esser vero e bene ha fatto Benitez a usare il pugno duro dopo il pareggio contro il Palermo. Caro Rafa, potresti caricare la squadra ricordandogli la finale di Champions vinta col Liverpool contro il Milan

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
28.09.2014 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 22915 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Troppo brutto per esser vero, troppo deludente per non intervenire. Finalmente è successo che Rafa Benitez decidesse di abbandonare la mano morbida e quella teoria permissiva messa in discussione dopo l'eliminazione dalla Champions. Con una squadra scottata e depressa (forse anche distratta) e con i risultati che continuavano ad essere deludenti, era arrivato il momento dell'inevitabile giro di vite. Annullato il giorno di riposo per la prima volta durante l'era Benitez e pure le chiacchiere profuse in sala stampa a mo' di simposio sul mondo del calcio, da ieri sono state (forse) definitivamente bandite. Risposte secche ed un abbondante utilizzo di monosillabi hanno lasciato intendere che da questo momento il coach parteciperà alle conferenze stampa sol perché previste da programma, ma il suo principale obiettivo sarà quello di far parlare il campo. Con i fatti ed i risultati che questa squadra è in grado di ottenere, nonostante l'avvio di stagione triste e con pochissime ragioni per sorridere. Ecco, il nuovo corso di don Rafè ci piace molto, improntato com'è al privilegio della sostanza, alla scelta del pugno duro quando serve ed all'utilizzo dei ricordi per caricare una squadra oggi in crisi di identità. Perché no, alla suo gruppo attuale potrebbe ricordare cosa fece, ma soprattutto cosa disse, nello spogliatoio del Liverpool che perdeva 3-0 contro il Milan in finale di Champions. Spiegare come fece ad evitare il tracollo psicologico di Gerrard e Xavi Alonso, cosa disse per convincerli a tornare in campo con la consapevolezza di riuscire in una rimonta oggettivamente improbabile. Quella sera proprio non riusciamo ad immaginare Benitez con la lavagnetta tra le mani spiegando ad ognuno dei suoi calciatori se dovese spostarsi un po' più a sinistra o se restare mezzo metro al centro. No, certamente in quella notte irripetibile avrà sguainato la scimitarra, indicando il corridoio che portava al terreno di gioco e che quella sarebbe la strada per la gloria che loro e soltanto loro avrebbero potuto conquistare. Con il cuore, con l'orgoglio ed un appetito che in quel momento al Milan era già venuto via. Ne avrà sicuramente tanti altri di aneddoti vissuti lungo l'arco di tutta la sua carriera di allenatore da garantirsi una vasta gamma di opzioni per caricare il Napoli nelle prossime partite e fino a quando non avrà ritrovato la serenità che manca attraverso il raggiungimento dei risultati. Tre sfide nell'arco di otto giorni, importanti per non dire fondamentali, di certo utili a garantire quella spinta che occorre per cambiare il senso di un campionato troppo simile al peggiore periodo di De Laurentiis per poter essere vero ed accettabile. L'inizio della stagione 2009-2010 fu identico, però quel Napoli aveva come obiettivo massimo il ritorno in Europa League attraverso il quinto, sesto posto (cosa che poi avvenne con Mazzarri), perché il valore della squadra di più non consentiva di pensare. Ma il Napoli di adesso è cosa ben diversa, tanto da convincere De Laurentiis all'utilizzo del sostantivo "scudetto" e Benitez ad assecondarlo (in parte) con l'espressione: "Non dobbiamo aver paura di parlarne". Avranno sicuramente ragione loro, perché il Napoli visto all'opera nelle prime sette sfide stagionali è davvero troppo brutto per essere vero. O forse troppo distratto per lottare su tutti i palloni ed in ogni partita. Ecco perché ci piace immaginare che, a partire dalla sfida con il Sassuolo, ci sia Benitez a lanciare l'assalto con la sciabola tra i denti, nel mentre De Laurentiis si gode di buon mattino lo spettacolo da Los Angeles.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.