HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il Napoli ha 2 mesi di tempo per dimostrare alla Juve che il divario non è più abissale e per essere meglio delle milanesi. L'Inter segue Mancini nella rivoluzione che non risparmia nemmeno quelli da lui voluti a gennaio

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
02.08.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 68928 volte
Il Napoli ha 2 mesi di tempo per dimostrare alla Juve che il divario non è più abissale e per essere meglio delle milanesi. L'Inter segue Mancini nella rivoluzione che non risparmia nemmeno quelli da lui voluti a gennaio

Due mesi di tempo per dimostrare di non essere tanto da meno. Rispetto alla Juventus, che arriverà al San Paolo il 27 settembre, quando il mercato sarà chiuso già da un mese ed il Napoli potrebbe aver digerito per intero gli insegnamenti di Maurizio Sarri. Lasciamo perdere lo scudetto, è un argomento che va evitato per il pudore che necessita il biennio di sperperi e illusioni vissuto con l'animo speranzoso, prima ancora che amareggiato. Però sulla carta la squadra c'è, è diventata tale con una politica accorta di acquisti a metà strada tra le antiche certezze e le giovani promesse. Non saranno di certo le cessioni di Britos, Zapata o Gargano ad indebolire un organico già forte di talenti come Higuain, Insigne, Mertens, Callejon, Hamsik e Gabbiadini e sul quale sono stati inseriti sei pezzi per nulla scadenti. La ventilata italianizzazione non c'è stata (5 su 6 sono stranieri), anche se Allan, Hysaj, Gabriel e Reina hanno avuto esperienze più o meno lunghe nel campionato italiano. Tali da evitare che subissero il contraccolpo di una realtà calcistica completamente diversa da quella di loro appartenenza. Finora Aurelio De Laurentiis ha investito quasi 35 milioni, a fronte di un incasso da 1,2 milioni per Gargano, oltre ai 3 milioni di valutazione dati a Britos nell'affare Allan con l'Udinese. Soldi ben spesi? Apparentemente sì, ammesso che nessuno di loro subisca il contraccolpo del salto ad ostacoli che costringe da sempre la maglia del Napoli. Dovrà essere Sarri il primo a dimostrare (e poi a trasmettere al gruppo) di essere pronto a queste dimensioni, magari creando un "comitato di salute" all'interno della squadra e nel quale coinvolgere non solo il capitano, ma anche i big che determinano l'umore dello spogliatoio. Se pure il Napoli non facesse altri acquisti (ma li farà) e se rimanesse con questo organico alla scadenza del 31 agosto, allora sarebbe giustificata l'etichetta di squadra accreditata a far parte della prossima Champions League. Più dell'Inter e del Milan. Sissignori, molto più delle tante reclamizzate milanesi, che espongono quotidianamente acquisti in una vorticosa girandola che illumina gli entusiasmi, ma chissà quanto anche il campo di gioco. Vogliamo parlare dell'Inter? Il coach Mancini aveva detto che gli servivano 8 nuovi acquisti, sembrava una battuta ed invece era una clamorosa verità. Beato lui che ha una società pronto ad accontentarlo in ogni desiderio, anche in quelli che improvvisamente smettono di essere tali. Non so quanti altri club avrebbero accettato in maniera silente il dietro front su Podolski e Shaquiri, due rinforzi fortemente voluti da Mancini a gennaio, per poi essere da lui stesso ripudiati di lì a pochi mesi. Argomento Milan: potranno due attaccanti, Bacca e Luiz Adriano, ancora da verificare, ma rendere il Milan una squadra che improvvisamente passi dal decimo al terzo posto? No, decisamente no, a meno che non arrivi Ibra entro la fine del mercato. Da Roma a Milano, le geografia in parte cambia. Per la Roma vale lo stesso ragionamento del Napoli, un organico che ha dimostrato di essere competitivo e potrà confermare di esserlo ancor più se dovesse arrivare la punta centrale che manca. La Lazio-rivelazione della scorsa stagione aspetta il preliminare di Champions per allargarsi sul mercato e comunque dovrà vivere lo stress delle tre competizioni. Ecco perché il Napol ha il dovere di lavorare nei prossimi due mesi con l'idea di non essere tanto da meno rispetto alla Juve, ma battersi per diventare la migliore di quelle che puntano alla zona Champions.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.