HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il Napoli troppo pieno di sé deve ritrovare l'umiltà! Solo con lo spirito corporativo potrà pensare a quel terzo posto che Benitez insegue per evitare che anche questa sua seconda esperienza italiana venga catalogata come "fallimentare"

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
17.05.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 19652 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Sembrava di volare, per poi precipitare. La notte di Kiev è arrivata come un incubo per il Napoli che si era illuso di decollare da Capodichino per Varsavia, sorvolando beatamente i cieli dell'Ucraina. Un errore gravissimo di sottovalutazione, ancor più se commesso da un allenatore esperto come Rafa Benitez. Gli avversari non si suddividono tra quelli da snobbare e quelli per i quali valga la pena impegnarsi, la schedatura è molto più banale e veritiera: gli avversari sono tutti uguali, perché ognuno di loro farà di tutto per portare via i tre punti in palio. E allora rieccoci qua, col culo a terra per un tonfo diventato frastuono a causa dell'alta quota nella quale il Napoli aveva deciso di rimanere, pur sapendo di essere a corto di carburante per i troppi chilometri percorsi. E' stata sufficiente una turbolenza minima, una squadra chiamata Dnipro per farci cadere in picchiata e svelare tutti quanti i nostri limiti, quelli che invece credevamo fossero qualità. Sembrava fosse sicurezza nei nostri mezzi, invece era solo presunzione. Quell'incomprensibile senso di superiorità che ci aveva costretto a concedere 27 punti alle formazioni che in serie A vanno dall'undecimo al ventesimo posto e che "ci può stare" l'errore dell'arbitro o che il calcio italiano sia di "m...", ma mai e poi mai si è elevato un mea culpa di Rafa Benitez. Sempre più rubizzo in volto, segnale evidente della compressione interna di chi vorrebbe esplodere. Sarà cosa buona e giusta dare corso alle parole di De Laurentiis, mai come quest'anno interventista alla luce dello scollamento che da troppo tempo emerge all'interno di un gruppo diventato pentola a pressione. Per quieto vivere non è stato ripristinato il ritiro punitivo, segno evidente che il presidente voglia confidare nella professionalità dei calciatori ai quali è stato garantito il premio Champions pur conquistando il terzo posto. La vil pecunia per raffreddare la temperatura di uno spogliatoio diventato pentola a pressione: sarà sufficiente per il miracolo di fine maggio? Si può fare, purchè il Napoli dopo le chiappe metta anche e soprattutto i piedi a terra. L'umiltà è l'arma per l'insperato traguardo, "uno per tutti" da celebrare nonostante certe insofferenze palesi o nascoste. Come la clamorosa ed esagerata sfuriata di Higuain a Parma, o l'espressione delusa di Hamsik seduto in panchina a Kiev, oppure Zapata spedito in Tribuna senza una spiegazione su questa scelta suicida per una gara importante come può esserlo una semifinale di Europa League. E che dire della qualità del gioco? Il fantomatico e mai visto Tiqui Taka è diventato qualcosa che non ha né forma e né nome: il gioco del Napoli passa attraverso il lancio lungo dal piede del difensore centrale oppure con il cross degli esterni nelle aree di rigore sempre troppo affollate di difensori. Il gioco palla a terra, quello che serve per esaltare la qualità degli attaccanti azzurri, è stato disinnescato da chi ormai conosce a memoria il prevedibile sistema di gioco del Napoli. Ora, però, va tutto azzerato per il bene comune di un traguardo che potrebbe attutire il tonfo provocato da una stagione vissuta troppo pericolosamente dopo l'eliminazione precoce per mano del Bilbao ed un mercato estivo che aveva fatto meditare l'addio a Benitez. Con queste premesse è già tanto se ancora adesso si stia puntando ad un obiettivo comunque di prestigio come il terzo posto in serie A, l'ultima chance che ha Benitez per evitare che anche questa sua seconda esperienza italiana venga catalogata sotto la voce "fallimentare".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.