HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Il Napoli troppo pieno di sé deve ritrovare l'umiltà! Solo con lo spirito corporativo potrà pensare a quel terzo posto che Benitez insegue per evitare che anche questa sua seconda esperienza italiana venga catalogata come "fallimentare"

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
17.05.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 19652 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Sembrava di volare, per poi precipitare. La notte di Kiev è arrivata come un incubo per il Napoli che si era illuso di decollare da Capodichino per Varsavia, sorvolando beatamente i cieli dell'Ucraina. Un errore gravissimo di sottovalutazione, ancor più se commesso da un allenatore esperto come Rafa Benitez. Gli avversari non si suddividono tra quelli da snobbare e quelli per i quali valga la pena impegnarsi, la schedatura è molto più banale e veritiera: gli avversari sono tutti uguali, perché ognuno di loro farà di tutto per portare via i tre punti in palio. E allora rieccoci qua, col culo a terra per un tonfo diventato frastuono a causa dell'alta quota nella quale il Napoli aveva deciso di rimanere, pur sapendo di essere a corto di carburante per i troppi chilometri percorsi. E' stata sufficiente una turbolenza minima, una squadra chiamata Dnipro per farci cadere in picchiata e svelare tutti quanti i nostri limiti, quelli che invece credevamo fossero qualità. Sembrava fosse sicurezza nei nostri mezzi, invece era solo presunzione. Quell'incomprensibile senso di superiorità che ci aveva costretto a concedere 27 punti alle formazioni che in serie A vanno dall'undecimo al ventesimo posto e che "ci può stare" l'errore dell'arbitro o che il calcio italiano sia di "m...", ma mai e poi mai si è elevato un mea culpa di Rafa Benitez. Sempre più rubizzo in volto, segnale evidente della compressione interna di chi vorrebbe esplodere. Sarà cosa buona e giusta dare corso alle parole di De Laurentiis, mai come quest'anno interventista alla luce dello scollamento che da troppo tempo emerge all'interno di un gruppo diventato pentola a pressione. Per quieto vivere non è stato ripristinato il ritiro punitivo, segno evidente che il presidente voglia confidare nella professionalità dei calciatori ai quali è stato garantito il premio Champions pur conquistando il terzo posto. La vil pecunia per raffreddare la temperatura di uno spogliatoio diventato pentola a pressione: sarà sufficiente per il miracolo di fine maggio? Si può fare, purchè il Napoli dopo le chiappe metta anche e soprattutto i piedi a terra. L'umiltà è l'arma per l'insperato traguardo, "uno per tutti" da celebrare nonostante certe insofferenze palesi o nascoste. Come la clamorosa ed esagerata sfuriata di Higuain a Parma, o l'espressione delusa di Hamsik seduto in panchina a Kiev, oppure Zapata spedito in Tribuna senza una spiegazione su questa scelta suicida per una gara importante come può esserlo una semifinale di Europa League. E che dire della qualità del gioco? Il fantomatico e mai visto Tiqui Taka è diventato qualcosa che non ha né forma e né nome: il gioco del Napoli passa attraverso il lancio lungo dal piede del difensore centrale oppure con il cross degli esterni nelle aree di rigore sempre troppo affollate di difensori. Il gioco palla a terra, quello che serve per esaltare la qualità degli attaccanti azzurri, è stato disinnescato da chi ormai conosce a memoria il prevedibile sistema di gioco del Napoli. Ora, però, va tutto azzerato per il bene comune di un traguardo che potrebbe attutire il tonfo provocato da una stagione vissuta troppo pericolosamente dopo l'eliminazione precoce per mano del Bilbao ed un mercato estivo che aveva fatto meditare l'addio a Benitez. Con queste premesse è già tanto se ancora adesso si stia puntando ad un obiettivo comunque di prestigio come il terzo posto in serie A, l'ultima chance che ha Benitez per evitare che anche questa sua seconda esperienza italiana venga catalogata sotto la voce "fallimentare".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.