HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Il paradosso dell'Inter e le riflessioni su una stagione quasi gettata al vento. Suning decida non solo sul tecnico ma su tutti i ruoli della dirigenza e prenda esempio da due big della Serie A

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
06.11.2016 00.01 di Marco Conterio  Twitter:   articolo letto 25961 volte
© foto di Image Sport

Con il buon Fabrizio Biasin (sì, i nostri messaggi privati non sono granché eccitanti) ci sfidiamo a suon di titoli burleschi su Twitter. 'Non è un paese per Vecchi'. 'Oggi lavoro Interinale'. 'Visto che figata La Scala a Pioli?'. E mentre dibattevamo sulla paternità di 'Tronchetti dell'infelicità', l'Inter metteva in scena uno dei più grandi paradossi dell'era recente del pallone nostrano. Casting, audizioni, un Inter-Factor made in China che di buono ha solo i ringraziamenti di penne e commentatori che così non hanno dubbi su come aprire giornali, siti e telegiornali. La verità è che i problemi di questa Inter nascono a monte. Un tecnico come Roberto Mancini scelto e voluto dal vecchio proprietario, Massimo Moratti. Un allenatore come Frank de Boer scelto dall'ex socio di maggioranza, Erick Thohir. Il finale, al di là del successore dell'olandese, era già scritto dall'inizio, perché i progetti si costruiscono col tempo e non con improvvisazione.

Non si glorifichi l'eventuale scelta azzeccata di Suning, tra Stefano Pioli, Walter Zenga, Gianfranco Zola, Guus Hiddink, Marcelino o Marco Silva. Quel che verrà di buono sarà, d'ora in poi, in questa stagione dell'Inter, solo e soltanto frutto del caso. Dell'improvvisazione. Quel che arriverà di storto e di stonato, sarà il normale prosieguo di un progetto che è sbagliato definire tale, di una realtà che è più un paradosso che qualcosa di concreto. Prendete gli undici titolari 'tipo' dell'Inter: Handanovic, Ansaldi, Miranda, Murillo, poi un terzino tra Santon, Nagatomo e D'Ambrosio. Due mediani? Joao Mario e uno tra Kondogbia, Medel e Felipe Melo, e già così terremmo fuori Brozovic e pure Eder e Gabigol se nella trequarti mettiamo Candreva, Banega, Perisic e Icardi in attacco. La formazione c'è, tutta. Son tutti giocatori di spessore, il problema è che non c'è parvenza alcuna di un concetto che nel calcio qualcosa, ci insegna il passato, dovrebbe contare. L'Inter non è una squadra.

L'Inter ha tante anime. Troppe anime. Nessuno scheletro. Ben vengano gli investitori dall'estero, perché le frontiere sono solo un freno allo sviluppo di questo mondo e chi vuol alzare mura per fermare il domani che ci viene incontro è il primo a farci scontrare, a farci del male. Ben vengano i cinesi, ma capisca Suning che il calcio non è solo azienda. O che, almeno, devono esistere delle gerarchie ben definite. Mettete sulla scacchiera tutti i protagonisti della dirigenza interista: Jindong Zhang, proprietario e numero uno di Suning. Jun Ren, suo braccio destro. Steven Zhang, figlio di Jindong. Yan Yan, vice CEO dell'Inter. Giovanni Gardini, direttore generale. Piero Ausilio, direttore sportivo. Javier Zanetti, vicepresidente del club. Erick Thohir, presidente dell'Inter. Massimo Moratti, ex presidente che però ha spesso voce in capitolo così come Marco Tronchetti Provera, CEO di Pirelli, main sponsor dell'Inter. Michael Bolingbroke, ad americano del club. Poi Kia Joorabchian, potentissimo agente iraniano e fidato consigliere di Suning.

Chi decide? Chi ha l'ultima parola? Che voce in capitolo e che potere hanno gli altri? Fosse stato per Moratti e per Zanetti, Leonardo sarebbe il tecnico dell'Inter. Fosse per Gardini, invece, Mandorlini mentre Ausilio vota Pioli. Joorabchian all'inizio optava per Hiddink, tra le altre opzioni ha Marco Silva e Vitor Pereira. Suning in primis ha pensato a Fabio Capello, in Cina gli è stato consigliato Walter Zenga, apprezza anche l'idea Marcelino ma sogna Diego Pablo Simeone a fine anno. Il tutto, in una parola. Confusione. Caos. Disordine. Piero Ausilio è tra i migliori direttori sportivi d'Italia per conoscenze e rapporti ma così, in questa Inter, la sua figura viene sminuita. Che credibilità può avere, esternamente, un ds che sceglie un tecnico, nella fattispecie Pioli, e al quale vien detto "sì, ma facci sentire cosa ci dice il nostro consigliere?". Scansati, giusto per prosare termini di moda in questi giorni. Non piacevole, ma è la realtà di casa nerazzurra, con la proprietà che già programmava i primi summit milanesi mentre la dirigenza era in Inghilterra.

Suning abbia il coraggio e la forza di scegliere. Prenda un esempio che non può che essere la Juventus. Deleghi le decisioni a due dirigenti forti, un dg o CEO che dir si voglia, e il mercato a un direttore sportivo. Poi tutti i club hanno gli agenti con cui lavorano meglio, con cui fanno gran parte delle mediazioni. Però di questi non devono diventare schiavi altrimenti poi i nodi vengono al pettine e si riflettono su un rendimento sbagliato sul terreno di gioco. Suning ha individuato in Joorabchian il riferimento per il mercato? Scelga un allenatore-manager e intraprenda un progetto inglese con l'iraniano consigliere esterno come sussurrano faccia James Pallotta alla Roma con Franco Baldini. Ausilio ha e avrà mille strade aperte per il futuro, in Italia e all'estero, non è quello il punto e il problema.

Tra i tanti nomi usciti è difficile sceglierne uno giusto. Riccardo Ferri, che l'Inter l'ha conosciuta in passato, ha suggerito di optare per uno che conosca già l'ambiente o quanto meno l'Italia. Pioli, meglio ancora Mandorlini, Zenga. Non scaldano i cuori? Tant'è, il progetto sembra scritto. All-in su Simeone in estate (ma verrà, nel caso, senza Europa?). Per il momento, Suning faccia la scelta che ritiene meno sbagliata. Quella di fare i casting in versione talent è una pantomima che non rende onore al nome dell'Inter. Per i cinesi errori di gioventù, perdonati. Ma occhio, perché il calendario va avanti. Inesorabile. Questi giorni di colloqui sono solo giorni persi e la panchina a Inter-im di Vecchi è solo un'altra giornata buttata per costruire una parvenza di squadra.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.