HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il paradosso dell'Inter e le riflessioni su una stagione quasi gettata al vento. Suning decida non solo sul tecnico ma su tutti i ruoli della dirigenza e prenda esempio da due big della Serie A

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
06.11.2016 00.01 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 26161 volte
© foto di Image Sport

Con il buon Fabrizio Biasin (sì, i nostri messaggi privati non sono granché eccitanti) ci sfidiamo a suon di titoli burleschi su Twitter. 'Non è un paese per Vecchi'. 'Oggi lavoro Interinale'. 'Visto che figata La Scala a Pioli?'. E mentre dibattevamo sulla paternità di 'Tronchetti dell'infelicità', l'Inter metteva in scena uno dei più grandi paradossi dell'era recente del pallone nostrano. Casting, audizioni, un Inter-Factor made in China che di buono ha solo i ringraziamenti di penne e commentatori che così non hanno dubbi su come aprire giornali, siti e telegiornali. La verità è che i problemi di questa Inter nascono a monte. Un tecnico come Roberto Mancini scelto e voluto dal vecchio proprietario, Massimo Moratti. Un allenatore come Frank de Boer scelto dall'ex socio di maggioranza, Erick Thohir. Il finale, al di là del successore dell'olandese, era già scritto dall'inizio, perché i progetti si costruiscono col tempo e non con improvvisazione.

Non si glorifichi l'eventuale scelta azzeccata di Suning, tra Stefano Pioli, Walter Zenga, Gianfranco Zola, Guus Hiddink, Marcelino o Marco Silva. Quel che verrà di buono sarà, d'ora in poi, in questa stagione dell'Inter, solo e soltanto frutto del caso. Dell'improvvisazione. Quel che arriverà di storto e di stonato, sarà il normale prosieguo di un progetto che è sbagliato definire tale, di una realtà che è più un paradosso che qualcosa di concreto. Prendete gli undici titolari 'tipo' dell'Inter: Handanovic, Ansaldi, Miranda, Murillo, poi un terzino tra Santon, Nagatomo e D'Ambrosio. Due mediani? Joao Mario e uno tra Kondogbia, Medel e Felipe Melo, e già così terremmo fuori Brozovic e pure Eder e Gabigol se nella trequarti mettiamo Candreva, Banega, Perisic e Icardi in attacco. La formazione c'è, tutta. Son tutti giocatori di spessore, il problema è che non c'è parvenza alcuna di un concetto che nel calcio qualcosa, ci insegna il passato, dovrebbe contare. L'Inter non è una squadra.

L'Inter ha tante anime. Troppe anime. Nessuno scheletro. Ben vengano gli investitori dall'estero, perché le frontiere sono solo un freno allo sviluppo di questo mondo e chi vuol alzare mura per fermare il domani che ci viene incontro è il primo a farci scontrare, a farci del male. Ben vengano i cinesi, ma capisca Suning che il calcio non è solo azienda. O che, almeno, devono esistere delle gerarchie ben definite. Mettete sulla scacchiera tutti i protagonisti della dirigenza interista: Jindong Zhang, proprietario e numero uno di Suning. Jun Ren, suo braccio destro. Steven Zhang, figlio di Jindong. Yan Yan, vice CEO dell'Inter. Giovanni Gardini, direttore generale. Piero Ausilio, direttore sportivo. Javier Zanetti, vicepresidente del club. Erick Thohir, presidente dell'Inter. Massimo Moratti, ex presidente che però ha spesso voce in capitolo così come Marco Tronchetti Provera, CEO di Pirelli, main sponsor dell'Inter. Michael Bolingbroke, ad americano del club. Poi Kia Joorabchian, potentissimo agente iraniano e fidato consigliere di Suning.

Chi decide? Chi ha l'ultima parola? Che voce in capitolo e che potere hanno gli altri? Fosse stato per Moratti e per Zanetti, Leonardo sarebbe il tecnico dell'Inter. Fosse per Gardini, invece, Mandorlini mentre Ausilio vota Pioli. Joorabchian all'inizio optava per Hiddink, tra le altre opzioni ha Marco Silva e Vitor Pereira. Suning in primis ha pensato a Fabio Capello, in Cina gli è stato consigliato Walter Zenga, apprezza anche l'idea Marcelino ma sogna Diego Pablo Simeone a fine anno. Il tutto, in una parola. Confusione. Caos. Disordine. Piero Ausilio è tra i migliori direttori sportivi d'Italia per conoscenze e rapporti ma così, in questa Inter, la sua figura viene sminuita. Che credibilità può avere, esternamente, un ds che sceglie un tecnico, nella fattispecie Pioli, e al quale vien detto "sì, ma facci sentire cosa ci dice il nostro consigliere?". Scansati, giusto per prosare termini di moda in questi giorni. Non piacevole, ma è la realtà di casa nerazzurra, con la proprietà che già programmava i primi summit milanesi mentre la dirigenza era in Inghilterra.

Suning abbia il coraggio e la forza di scegliere. Prenda un esempio che non può che essere la Juventus. Deleghi le decisioni a due dirigenti forti, un dg o CEO che dir si voglia, e il mercato a un direttore sportivo. Poi tutti i club hanno gli agenti con cui lavorano meglio, con cui fanno gran parte delle mediazioni. Però di questi non devono diventare schiavi altrimenti poi i nodi vengono al pettine e si riflettono su un rendimento sbagliato sul terreno di gioco. Suning ha individuato in Joorabchian il riferimento per il mercato? Scelga un allenatore-manager e intraprenda un progetto inglese con l'iraniano consigliere esterno come sussurrano faccia James Pallotta alla Roma con Franco Baldini. Ausilio ha e avrà mille strade aperte per il futuro, in Italia e all'estero, non è quello il punto e il problema.

Tra i tanti nomi usciti è difficile sceglierne uno giusto. Riccardo Ferri, che l'Inter l'ha conosciuta in passato, ha suggerito di optare per uno che conosca già l'ambiente o quanto meno l'Italia. Pioli, meglio ancora Mandorlini, Zenga. Non scaldano i cuori? Tant'è, il progetto sembra scritto. All-in su Simeone in estate (ma verrà, nel caso, senza Europa?). Per il momento, Suning faccia la scelta che ritiene meno sbagliata. Quella di fare i casting in versione talent è una pantomima che non rende onore al nome dell'Inter. Per i cinesi errori di gioventù, perdonati. Ma occhio, perché il calendario va avanti. Inesorabile. Questi giorni di colloqui sono solo giorni persi e la panchina a Inter-im di Vecchi è solo un'altra giornata buttata per costruire una parvenza di squadra.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.