HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo…

16.02.2017 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 19967 volte
© foto di Federico De Luca

Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto il resto. Forse De Laurentiis è stato troppo severo con i suoi giocatori e con il suo allenatore. E chissà se queste critiche a caldo possano aprire delle crepe nel rapporto fra Sarri e il suo presidente.
Con il gioco (anche se Sarri qualcosa in più avrebbe voluto vedere) il Napoli è arrivato sulle spalle del gigante, ma non è riuscito ad abbatterlo. Forse il risultato (per quanto pesante) è meno duro in vista del ritorno. Il gol in trasferta è stato segnato. Ora serve davvero la partita perfetta per ribaltare un risultato del genere contro il Real delle stelle ma anche della concretezza. Il Napoli dovrebbe cercare di non subire gol e ne deve fare almeno due. Impresa durissima, ma non impossibile. Soprattutto per chi può contare su 80mila tifosi e sulla consapevolezza che il gioco può colmare il gap. Bisogna sperare che qualcosa vada storto ai madridisti, ma non è buttato nulla. Paradossalmente, nonostante il 3-1, è una delle partite (finora) più equilibrate della Champions. Il Borussia che ha steccato contro il Benfica ha sicuramente il compito più facile. Ma non andate a dirlo a Barcellona o all’Arsenal che c’è anche il ritorno. Avrebbero già da oggi il mal di testa.
Può con il mercato il Napoli mettersi davanti al Real? Non ora, non nell’immediato. Neanche con lo stadio che vorrebbe De Laurentiis, non con le regole di autoregolamentazione che esistono (e che hanno permesso al Napoli di essere lì). Il Napoli deve pensare di poter fare un passo alla volta. E proseguire lungo una strada che gli ha permesso di raccogliere risultati sempre più importanti nel corso dell’era De Laurentiis. Più che ha queste sfide di grandissimo prestigio, da potersi giocare alla pari, dovrebbe puntare a colmare il gap in Serie A, dove la concorrenza, fra poco, potrebbe aumentare visto che Suning già ha fatto capire di essere pronta a spendere per far tornare l’Inter ipercompetitiva e visto che fra pochi giorni ci sarà il famoso closing milanista, con SES pronta a subentrare a Berlusconi.
Ma c’è un’altra variabile che potrebbe scombinare i piani delle big di serie A: le panchine. Generalmente si inizia a parlare dei movimenti degli allenatori a marzo/aprile, ma questa stagione così strana ha anticipato i tempi. Probabilmente il Napoli è l’unica grande sicura di avere lo stesso allenatore anche la prossima stagione, visto il contratto rinnovato lo scorso anno. E anche l’Inter, nonostante le sirene (più mediatiche che altro) di Simeone e Conte che insidiano Pioli è tranquilla visto che sta facendo talmente bene che non avrebbe alcun senso doverlo cambiare!
Quello che in questo momento (ma attenzione: solo a livello di ipotesi!) potrebbe decidere di cambiare vita è Allegri. La sensazione è che Allegri stia seriamente pensando (vada come vada la stagione, Champions o meno) a considerare chiuso il suo ciclo alla Juve. Non perché i bianconeri non abbiano più voglia di investire o perché si stia trovando male. Ma per una questione di tempistiche. Certo si lavorerà per rinsaldare il rapporto, anzi di rafforzarlo visto che non è in crisi. Ma i movimenti europei (Arsenal su tutti) potrebbero essere un’occasione da poter valutare con calma.
Anche Spalletti è in bilico, sempre per sua volontà. Lui non si è nascosto neanche in conferenza: detesta arrivare secondo, vuole una squadra per poter vincere. La società sta cercando di accontentarlo e di fargli capire che le cose saranno fatte proprio per vincere (vedi Kessie) ma il tormentone potrebbe durare a lungo. Così come quello di Montella. Per lui parleranno i risultati: nessuna preclusione da parte di Mirabelli e Fassone sul suo lavoro, ma come al solito sarà il campo a dire l’ultima. Finora Montella ha ridato al Milan una nuova consapevolezza a una nuova identità. Ha permesso al Milan di tornare a vincere un trofeo. Se continua così fino a fine anno non avrà problemi a rimanere.
La Fiorentina potrebbe cambiare visto che il rapporto con Paulo Sousa è ondivago. Per non parlare di chi quest’anno ha confermato le aspettative nonostante le difficoltà come Di Francesco, come Maran e come Giampaolo che potrebbero movimentare il mercato panchine. E questo limitandoci all’Italia senza andare ad intervenire su situazioni più complesse (Arsenal su tutte, come accennato) che potrebbero impreziosire ancor di più il vortice degli allenatori… Basta tenersi forte.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.