HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Il piccolo Ibra: la Juve va su Petkovic. Roma: Diawara in lista d'attesa. Toni: Vicepresidente a Verona. Bacca: il presidente Berlusconi va convinto. Ibra: davvero United

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
28.05.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 38837 volte

Milan e Inter sono comprensibilmente in tutt'altre faccende affaccendate. E la Juventus fa ogni giorno la doccia nella sua spietatezza. L'obiettivo bianconero è scavare sempre più il fossato del suo vantaggio, sfruttare le faccende altrui e vincere non soltanto oggi ma anche domani. E' per questo che il Club bianconero, mentre tutti sono alle prese con il consueto specchietto delle allodole estivo rappresentato da Zlatan Ibrahimovic, va su chi promette di ricalcarne almeno qualche piccola traccia. L'uomo, anzi il ragazzo, si chiama Bruno Petkovic, sta trascinando il Trapani verso un grande sogno. Croato, classe 1994, forte fisicamente, forte sulle punizioni, la Juventus è già sul giocatore. E dalla determinazione, dalla cattiveria, con cui la Juventus si è fatta sotto, anche a Trapani hanno capito quanto sia forte e articolato il progetto bianconero. Petkovic, prospetto solido e sicuro.

E siamo ormai a 100. Sono proprio 100 i milioni di euro, soldi veri, non carta autenticata, inseriti da Joey Saputo nel Bologna. L'ultimo versamento da 22 milioni cash ha portato alla cifra tonda, milione più milione meno. E' per questo che il mercato del Bologna deve partire da una cessione. Non da una qualunque. Ma dalla cessione di Amadou Diawara, classe 1997, non ancora 20enne e già trascinatore nell'ultima stagione di un centrocampo della Serie A italiana. Roma e Bologna sono già d'accordo, ma sembra che il Club giallorosso abbia chiesto a quello emiliano di pazientare fino alla seconda metà di Giugno. A Bologna hanno pensato che fosse per ragioni di sessioni di bilancio e/o di fair play finanziario. Adesso invece che si infittiscono le voci su Brozovic alla Roma, a Bologna sono tornati a guardarsi attorno.

Le voci sono insistenti, pressochè quotidiane. Già anticipate dai giornali, l'attesa adesso è per l'ufficialità. Luca Toni sarà il vice-presidente del Verona. Anche dipendenti e collaboratori scaligeri sono consapevoli della svolta. Toni dunque ha fermato le lancette. Dopo le tante squadre che hanno colorato la sua carriera, si è fermato sull'ultima. Ha scelto la scrivania. Non altri ruoli fumosi. La scrivania in una società presieduta da un giovane come Setti, la piazza giusta per inserirsi, apprendere, iniziare a muoversi. Senza andare a caccia di soldi facili, ma per progettare un futuro concreto e consistente da dirigente. L'insegnamento di Toni, una grande carriera in Nazionale e in Serie A, potrebbe essere utile o potrebbe essere stato utile anche a molti altri e più celebrati suoi colleghi e avversari in tante sfide.

Sembra che nella sua ultima visita a Milanello prima della Finale di Coppa Italia, il presidente Berlusconi si interrogasse e interrogasse lo spogliatoio sulle qualità di Bacca. Che sia un formidabile finalizzatore nessuno lo mette in discussione e lo ha forte e chiaro nei suoi pensieri anche il numero uno del Milan. Ma come mettere questa vena realizzativa al servizio della squadra nelle partite in cui il gol non arriva, è lo sviluppo del discorso. Sarà un tema dell'estate. Carlos Bacca è un patrimonio del Milan, ma è anche con le frasi recenti di Christian Abbiati che bisogna misurarsi. Costruire la squadra su Bacca o lavorare perché Bacca costruisca per la squadra. Sarà il primo pensiero di campo del Milan dopo tutti i discorsi e le trattative di società in itinere. Siamo fra coloro che non pensano che il presidente Berlusconi non si riferisse a Bacca mercoledì sera su TL quando parlava di alcuni giocatori che il Milan ha in animo di cedere. Ma il di cui sopra costruire o lavorare, in relazione a Bacca, è il blocco di partenza del Milan della prossima stagione.

A volte i tifosi rossoneri, nel nostro specificissimo caso, commentano l'intenzione e il non detto di ciò che proviamo a scrivere in questo spazio, piuttosto che concentrarsi sul contenuto. Che è sempre la cosa più importante. Non conta la scorsa estate o questa estate, la realtà è che né il calcio italiano né il Milan, come tra l'altro ripetevamo a più non posso esattamente un anno fa mentre attorno a noi tutti si illudevano su Ibra al Milan, possono permettersi l'ingaggio di Zlatan Ibrahimovic. E' fantasia solo ipotizzarlo. La sensazione forte, come riportavano ieri il Corriere dello Sport e La Repubblica, non Suma, che Zlatan vada davvero al Manchester United. Come chi lo conosce bene, ha acutamente interpretato dal ghigno di giovedì dal ritiro della Nazionale svedese.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.