HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Il Real chiama Morata, la Juve prova a resistere. Baselli e Vazquez per gennaio. Arriva Berardi, Zaza a Sassuolo. Milan, Balotelli nel tridente. Serve Witsel. Napoli, cinque schiaffi a Maradona

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
18.09.2015 11.18 di Enzo Bucchioni   articolo letto 129549 volte
© foto di Federico De Luca

Mi sono divertito a leggere della resurrezione della Juventus raccontata dagli stessi che tre giorni prima avevano già celebrato i funerali. Molto più banalmente la straordinaria vittoria di Manchester è frutto di scelte migliori da parte di Allegri che sta finalmente trovando una strada tattica più logica con idee più appropriate dopo la rivoluzione estiva, di una gara di grande carattere dei bianconeri e di una pessima prestazione del City.

Hernanes regista è il futuro. Per fare il trequartista non ha più il passo e neanche i tempi, in quella posizione può solo migliorare e dare personalità, tecnica. Ha tutto per diventare il nuovo faro bianconero e Marchisio, quando tornerà, sarà sicuramente più utile come secondo centrocampista viste le difficoltà di Sturaro e la giovane età di Lemina. Il 4-3-3 scelto a Manchester è poi l'ideale per valorizzare Cuadrado che comunque è bravo anche nel 3-5-2 come esterno destro con Alex Sandro a sinistra. Insomma, la nuova Juve sta prendendo forma, le figuracce in campionato sono frutto di alcune indecisioni ed errori del tecnico (Padoin regista, perché?), della preparazione pesante, degli infortuni e di qualche calo di determinazione. Comunque la campagna acquisti è stata importante, questa vittoria darà la scossa e la Juve per me è già ripartita.

Uno dei migliori a Manchester è stato sicuramente Morata, un vero killer in campo internazionale, a dimostrazione della grande personalità. Il Real ha già deciso di riportarlo a casa grazie alla clausola rescissoria da trenta milioni. Morata è destinato a sostituire Benzema o Bale nell'attacco di Benitez.

Cosa può fare la Juve per contrastare il Real?

L'operazione è oggettivamente difficile, Morata è venuto in Italia perché non giocava titolare, se il club spagnolo gli offrirà una maglia sicura e un ingaggio importante ci sarebbe da alzare bandiera bianca.

Però Marotta non molla, conta molto sulla sensibilità e l'attaccamento del ragazzo che si è sempre dimostrato grato alla Signora che ha creduto in lui. La Juve sta cercando di alzare da subito i suoi emolumenti, attualmente a 2,5 milioni annui più bonus. Contemporaneamente c'è l'intenzione di portare il contratto dal 2019 al 2021.

Insomma contratto prolungato per altri sei anni e guadagni da 3,5 di partenza a salire. Basterà? Vedremo. Intanto questo è un giocatore vero e ormai è chiaro, potrebbe diventare un punto fermo del ringiovanimento che non è finito.

La Juventus infatti si sta guardando attorno e viste le difficoltà di Khedira e anche di Marchisio al secondo infortunio, sta pensando di rinforzare il centrocampo con un altro ingresso di un giovane italiano che sta crescendo. I bianconeri stanno seguendo con grande attenzione Baselli del Toro e presto valuteranno se potrà essere uno dei colpi di gennaio anche se comprare da Cairo è sempre difficile. Nel mirino anche Vazquez del Palermo per il ruolo di trequartista che alla fine è rimasto scoperto per le vicissitudini estive. Marotta voleva prendere anche l'italoargentino insieme a Dybala, Zamparini l'ha sparata grossa. Ora, con più calma e minori pretese, il discorso potrebbe ricominciare a gennaio. Ma c'è un'altra idea che frulla ed è quella di riprendere Berardi dal Sassuolo e di scambiarlo con Zaza. Come ricorderete, Allegri avrebbe voluto Berardi già l'estate scorsa. Le due dirigenze hanno invece deciso di fare le cose per gradi e di prendere prima Zaza che per adesso, però, sta faticando a entrare nella nuova dimensione. Se la situazione non dovesse cambiare, a gennaio possibile il giro di valzer. Insomma, una ottima campagna acquisti con molti giovani interessanti, sta comunque dimostrando qualche lacuna e la Juve sta già correndo al ripari.

Anche il Milan ha avuto i suoi problemi nelle prime giornate e li ha ancora costringendo Mihajlovic a correggere in corsa le sue scelte iniziali. E' chiaro che Bertolacci non serviva, è troppo simile a Bonaventura. E' altrettanto chiaro che De Jong non può essere il regista. Con Montolivo con i piedi buoni davanti alla difesa, Kucka a sinistra e De Jong a destra, il Milan potrebbe permettersi anche di giocare con il tridente come faceva Miha nella Sampdoria. Balotelli centroavanti come Okaka, Bacca come Eder e Luiz Adriano come Gabbiadini. Naturalmente tutte e tre le punte dovranno fare grande movimento in fase di copertura. Questo è il nuovo Milan che sta nascendo con la convinzione assoluta che a gennaio serve un centrocampista vero. La Juve ha mollato definitivamente Witsel e allora servono 25 milioni per prendere il belga e rimettere in Milan ancor più nella scia di Juve, Inter e Roma.

Anche il Napoli spera di riagganciare presto il treno delle grandi e dei segnali incoraggianti sono arrivati ieri sera. Jorginho in un centrocampo a tre può tornare quello di Verona. Hysaj a destra rende molto di più. E il 4-3-3 può essere una buona alternativa. Cinque gol al Bruges sono una bella risposta a Diego Armando Maradona che quando giocava con i piedi era il migliore del mondo, ma ora che pensa con i piedi fa solo dei danni al Napoli e ai napoletani. Parole troppo grosse e pesanti contro Sarri che nascondono il livore di chi era il numero uno del calcio e il calcio ha messo ai margini. Peccato. Voto alto invece a De Laurentiis che per difendere il suo allenatore è andato conto il Mito di Napoli. Altissimo a Sarri che ha risposto da gran signore: sono onorato che Maradona sappia chi sono io. Il problema, purtroppo, è che anche noi sappiamo chi è Maradona quando esce dalle righe.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.