HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Il trionfo della Juve parte da lontano, il Milan punta Mihajlovic e piace negli USA. Manenti e i presidenti: una settimana da dimenticare

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
19.03.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 27440 volte
© foto di Federico De Luca

E' stato letteralmente un trionfo. Inutile girarci intorno.

Ed è stato un trionfo costruito negli anni dalla Juventus. Perché nella partita perfetta contro il Borussia c'è stato tutto quello che la Juventus ha messo in campo (e sulle scrivanie, anzi nelle trattative) negli ultimi quattro anni. Da Conte in poi, tanto per capirci.

Questa Juventus, la Juventus di Allegri, è l'evoluzione, la trasformazione, il completamento, la prosecuzione. E non a caso i protagonisti assoluti di questo doppio confronto sono i talenti che la Juve ha preso, cresciuto e trattenuto. E' stata nettamente la serata di Tevez, a cui va aggiunto Morata, mattatore anche all'andata. Tevez è stato sempre dipinto come il fuoriclasse, quello che avrebbe dato alla Juventus quel quid in più a livello internazionale. E non si è lasciato pregare. E' la sua serata, la sua annata. Lui che in Champions non segnava mai ha trascinato la Juve agli ottavi.

E Morata? In molti, durante l'estate, prima che Morata facesse vedere a tutta Italia i suoi numeri si chiedevano perché i bianconeri avessero lasciato andare Immobile (proprio al Borussia, ironia della sorte) per prendere, alla stessa cifra, Morata. Qualche mese più tardi nessuno se la fa più questa domanda. I soldi per Morata sono in banca. Anzi ora la domanda è: non è che il Real se lo riprende? Intanto tranquillizziamo i tifosi della Juve: per quest'anno non se ne parla. Eventualmente il famoso diritto de recompra vale dal prossimo anno (e per quello ancora dopo). E poi ci vuole anche la volontà di Morata di tornare a Madrid, lui che ha spinto molto per essere ceduto e avere la vetrina che credeva (a ragione) di meritare.

Questa è la coppia d'attacco della Juventus, ma la Juventus non è solo l'attacco. La Juve è la difesa (forgiata da Conte), è Pogba, diventato ormai un campione, è Marchisio e Vidal. E' un gioco che è cambiato: da aggressivo a sornione. Da cannibale a letale.

Questa crescita della Juventus, che dopo questa iniezione di fiducia non ha paura a giocarsela con nessuno (anche se le grandissime d'Europa sono ancora un passo avanti) può essere un punto di riferimento per chi vuole ricostruirsi. Forse chissà, anche per questo il Milan ha messo nel mirino l'allenatore più simile a Conte che in questo momento propone il calcio (almeno quello italiano): Sinisa Mihajlovic. Piace, senza dubbio. Primi tentativi di approccio informali e soprattutto prime risposte positive. Insomma ci si può lavorare eccome, su questa pista. E' lui l'alternativa più forte a Sarri. Anzi forse dovremmo dire che Sarri è l'alternativa più forte a Mihajlovic. Per tanti motivi: perché è un motivatore, perché ha fame, perché è giovane e non guadagna cifre folli e perché è libero a fine stagione.

Sempre che rimanga questa dirigenza, ovvio. Si parla tanto di cessione società e l'ultima indiscrezione arriva addirittura dagli Stati Uniti. Un gruppo americano ha presentato alla famiglia Berlusconi un'offerta per comprare il Milan. Offerta bassa, mr Bee rimane in vantaggio. Ma la suggestione di questa notizia è che dietro a questi imprenditori a stelle e strisce ci sarebbe David Beckham. Ci sarebbe, con il condizionale. Perché di certezze non ce ne sono affatto. Ma solo il suo nome merita la menzione.

In ultimo una considerazione sulla vicenda Parma. Ne abbiamo parlato tanto e tanto ne continueremo a parlare. Ma facciamo una riflessione insieme. Che Manenti non abbia mai dato garanzie mi pare che nessuno abbia un dubbio. Insomma: lui si lamentava che intorno a lui c'era poca fiducia. Invece secondo me ce n'è stata anche troppa. E questo è uno dei problemi del nostro movimento calcio. Indipendentemente da come fossero ridotti i bilanci del Parma non è possibile che ci possa essere un presidente senza credenziali in una delle industrie più importanti del nostro paese.

L'ultima settimana per i presidenti di calcio italiani non è stata certo felice. Il presidente dell'Entella fermato a Bruxelles per corruzione, Manenti arrestato per truffa. Non so se vi è capitato di vedere il video della prima intervista al neo presidente del Varese che non conosce Pelé. Almeno lui i soldi li ha messi, evitando ulteriori penalizzazioni alla squadra. Ma – indipendentemente da questo – mi sembra che il controllo a monte continui ad essere blando o comunque non efficace.

Su questo è necessario riflettere. Tutti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.