HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Il trionfo della Juve parte da lontano, il Milan punta Mihajlovic e piace negli USA. Manenti e i presidenti: una settimana da dimenticare

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
19.03.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 27440 volte
© foto di Federico De Luca

E' stato letteralmente un trionfo. Inutile girarci intorno.

Ed è stato un trionfo costruito negli anni dalla Juventus. Perché nella partita perfetta contro il Borussia c'è stato tutto quello che la Juventus ha messo in campo (e sulle scrivanie, anzi nelle trattative) negli ultimi quattro anni. Da Conte in poi, tanto per capirci.

Questa Juventus, la Juventus di Allegri, è l'evoluzione, la trasformazione, il completamento, la prosecuzione. E non a caso i protagonisti assoluti di questo doppio confronto sono i talenti che la Juve ha preso, cresciuto e trattenuto. E' stata nettamente la serata di Tevez, a cui va aggiunto Morata, mattatore anche all'andata. Tevez è stato sempre dipinto come il fuoriclasse, quello che avrebbe dato alla Juventus quel quid in più a livello internazionale. E non si è lasciato pregare. E' la sua serata, la sua annata. Lui che in Champions non segnava mai ha trascinato la Juve agli ottavi.

E Morata? In molti, durante l'estate, prima che Morata facesse vedere a tutta Italia i suoi numeri si chiedevano perché i bianconeri avessero lasciato andare Immobile (proprio al Borussia, ironia della sorte) per prendere, alla stessa cifra, Morata. Qualche mese più tardi nessuno se la fa più questa domanda. I soldi per Morata sono in banca. Anzi ora la domanda è: non è che il Real se lo riprende? Intanto tranquillizziamo i tifosi della Juve: per quest'anno non se ne parla. Eventualmente il famoso diritto de recompra vale dal prossimo anno (e per quello ancora dopo). E poi ci vuole anche la volontà di Morata di tornare a Madrid, lui che ha spinto molto per essere ceduto e avere la vetrina che credeva (a ragione) di meritare.

Questa è la coppia d'attacco della Juventus, ma la Juventus non è solo l'attacco. La Juve è la difesa (forgiata da Conte), è Pogba, diventato ormai un campione, è Marchisio e Vidal. E' un gioco che è cambiato: da aggressivo a sornione. Da cannibale a letale.

Questa crescita della Juventus, che dopo questa iniezione di fiducia non ha paura a giocarsela con nessuno (anche se le grandissime d'Europa sono ancora un passo avanti) può essere un punto di riferimento per chi vuole ricostruirsi. Forse chissà, anche per questo il Milan ha messo nel mirino l'allenatore più simile a Conte che in questo momento propone il calcio (almeno quello italiano): Sinisa Mihajlovic. Piace, senza dubbio. Primi tentativi di approccio informali e soprattutto prime risposte positive. Insomma ci si può lavorare eccome, su questa pista. E' lui l'alternativa più forte a Sarri. Anzi forse dovremmo dire che Sarri è l'alternativa più forte a Mihajlovic. Per tanti motivi: perché è un motivatore, perché ha fame, perché è giovane e non guadagna cifre folli e perché è libero a fine stagione.

Sempre che rimanga questa dirigenza, ovvio. Si parla tanto di cessione società e l'ultima indiscrezione arriva addirittura dagli Stati Uniti. Un gruppo americano ha presentato alla famiglia Berlusconi un'offerta per comprare il Milan. Offerta bassa, mr Bee rimane in vantaggio. Ma la suggestione di questa notizia è che dietro a questi imprenditori a stelle e strisce ci sarebbe David Beckham. Ci sarebbe, con il condizionale. Perché di certezze non ce ne sono affatto. Ma solo il suo nome merita la menzione.

In ultimo una considerazione sulla vicenda Parma. Ne abbiamo parlato tanto e tanto ne continueremo a parlare. Ma facciamo una riflessione insieme. Che Manenti non abbia mai dato garanzie mi pare che nessuno abbia un dubbio. Insomma: lui si lamentava che intorno a lui c'era poca fiducia. Invece secondo me ce n'è stata anche troppa. E questo è uno dei problemi del nostro movimento calcio. Indipendentemente da come fossero ridotti i bilanci del Parma non è possibile che ci possa essere un presidente senza credenziali in una delle industrie più importanti del nostro paese.

L'ultima settimana per i presidenti di calcio italiani non è stata certo felice. Il presidente dell'Entella fermato a Bruxelles per corruzione, Manenti arrestato per truffa. Non so se vi è capitato di vedere il video della prima intervista al neo presidente del Varese che non conosce Pelé. Almeno lui i soldi li ha messi, evitando ulteriori penalizzazioni alla squadra. Ma – indipendentemente da questo – mi sembra che il controllo a monte continui ad essere blando o comunque non efficace.

Su questo è necessario riflettere. Tutti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.