HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Il trionfo della Juve parte da lontano, il Milan punta Mihajlovic e piace negli USA. Manenti e i presidenti: una settimana da dimenticare

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
19.03.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 27440 volte
© foto di Federico De Luca

E' stato letteralmente un trionfo. Inutile girarci intorno.

Ed è stato un trionfo costruito negli anni dalla Juventus. Perché nella partita perfetta contro il Borussia c'è stato tutto quello che la Juventus ha messo in campo (e sulle scrivanie, anzi nelle trattative) negli ultimi quattro anni. Da Conte in poi, tanto per capirci.

Questa Juventus, la Juventus di Allegri, è l'evoluzione, la trasformazione, il completamento, la prosecuzione. E non a caso i protagonisti assoluti di questo doppio confronto sono i talenti che la Juve ha preso, cresciuto e trattenuto. E' stata nettamente la serata di Tevez, a cui va aggiunto Morata, mattatore anche all'andata. Tevez è stato sempre dipinto come il fuoriclasse, quello che avrebbe dato alla Juventus quel quid in più a livello internazionale. E non si è lasciato pregare. E' la sua serata, la sua annata. Lui che in Champions non segnava mai ha trascinato la Juve agli ottavi.

E Morata? In molti, durante l'estate, prima che Morata facesse vedere a tutta Italia i suoi numeri si chiedevano perché i bianconeri avessero lasciato andare Immobile (proprio al Borussia, ironia della sorte) per prendere, alla stessa cifra, Morata. Qualche mese più tardi nessuno se la fa più questa domanda. I soldi per Morata sono in banca. Anzi ora la domanda è: non è che il Real se lo riprende? Intanto tranquillizziamo i tifosi della Juve: per quest'anno non se ne parla. Eventualmente il famoso diritto de recompra vale dal prossimo anno (e per quello ancora dopo). E poi ci vuole anche la volontà di Morata di tornare a Madrid, lui che ha spinto molto per essere ceduto e avere la vetrina che credeva (a ragione) di meritare.

Questa è la coppia d'attacco della Juventus, ma la Juventus non è solo l'attacco. La Juve è la difesa (forgiata da Conte), è Pogba, diventato ormai un campione, è Marchisio e Vidal. E' un gioco che è cambiato: da aggressivo a sornione. Da cannibale a letale.

Questa crescita della Juventus, che dopo questa iniezione di fiducia non ha paura a giocarsela con nessuno (anche se le grandissime d'Europa sono ancora un passo avanti) può essere un punto di riferimento per chi vuole ricostruirsi. Forse chissà, anche per questo il Milan ha messo nel mirino l'allenatore più simile a Conte che in questo momento propone il calcio (almeno quello italiano): Sinisa Mihajlovic. Piace, senza dubbio. Primi tentativi di approccio informali e soprattutto prime risposte positive. Insomma ci si può lavorare eccome, su questa pista. E' lui l'alternativa più forte a Sarri. Anzi forse dovremmo dire che Sarri è l'alternativa più forte a Mihajlovic. Per tanti motivi: perché è un motivatore, perché ha fame, perché è giovane e non guadagna cifre folli e perché è libero a fine stagione.

Sempre che rimanga questa dirigenza, ovvio. Si parla tanto di cessione società e l'ultima indiscrezione arriva addirittura dagli Stati Uniti. Un gruppo americano ha presentato alla famiglia Berlusconi un'offerta per comprare il Milan. Offerta bassa, mr Bee rimane in vantaggio. Ma la suggestione di questa notizia è che dietro a questi imprenditori a stelle e strisce ci sarebbe David Beckham. Ci sarebbe, con il condizionale. Perché di certezze non ce ne sono affatto. Ma solo il suo nome merita la menzione.

In ultimo una considerazione sulla vicenda Parma. Ne abbiamo parlato tanto e tanto ne continueremo a parlare. Ma facciamo una riflessione insieme. Che Manenti non abbia mai dato garanzie mi pare che nessuno abbia un dubbio. Insomma: lui si lamentava che intorno a lui c'era poca fiducia. Invece secondo me ce n'è stata anche troppa. E questo è uno dei problemi del nostro movimento calcio. Indipendentemente da come fossero ridotti i bilanci del Parma non è possibile che ci possa essere un presidente senza credenziali in una delle industrie più importanti del nostro paese.

L'ultima settimana per i presidenti di calcio italiani non è stata certo felice. Il presidente dell'Entella fermato a Bruxelles per corruzione, Manenti arrestato per truffa. Non so se vi è capitato di vedere il video della prima intervista al neo presidente del Varese che non conosce Pelé. Almeno lui i soldi li ha messi, evitando ulteriori penalizzazioni alla squadra. Ma – indipendentemente da questo – mi sembra che il controllo a monte continui ad essere blando o comunque non efficace.

Su questo è necessario riflettere. Tutti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.