HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Il trionfo della Juve parte da lontano, il Milan punta Mihajlovic e piace negli USA. Manenti e i presidenti: una settimana da dimenticare

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
19.03.2015 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 27438 volte
© foto di Federico De Luca

E' stato letteralmente un trionfo. Inutile girarci intorno.

Ed è stato un trionfo costruito negli anni dalla Juventus. Perché nella partita perfetta contro il Borussia c'è stato tutto quello che la Juventus ha messo in campo (e sulle scrivanie, anzi nelle trattative) negli ultimi quattro anni. Da Conte in poi, tanto per capirci.

Questa Juventus, la Juventus di Allegri, è l'evoluzione, la trasformazione, il completamento, la prosecuzione. E non a caso i protagonisti assoluti di questo doppio confronto sono i talenti che la Juve ha preso, cresciuto e trattenuto. E' stata nettamente la serata di Tevez, a cui va aggiunto Morata, mattatore anche all'andata. Tevez è stato sempre dipinto come il fuoriclasse, quello che avrebbe dato alla Juventus quel quid in più a livello internazionale. E non si è lasciato pregare. E' la sua serata, la sua annata. Lui che in Champions non segnava mai ha trascinato la Juve agli ottavi.

E Morata? In molti, durante l'estate, prima che Morata facesse vedere a tutta Italia i suoi numeri si chiedevano perché i bianconeri avessero lasciato andare Immobile (proprio al Borussia, ironia della sorte) per prendere, alla stessa cifra, Morata. Qualche mese più tardi nessuno se la fa più questa domanda. I soldi per Morata sono in banca. Anzi ora la domanda è: non è che il Real se lo riprende? Intanto tranquillizziamo i tifosi della Juve: per quest'anno non se ne parla. Eventualmente il famoso diritto de recompra vale dal prossimo anno (e per quello ancora dopo). E poi ci vuole anche la volontà di Morata di tornare a Madrid, lui che ha spinto molto per essere ceduto e avere la vetrina che credeva (a ragione) di meritare.

Questa è la coppia d'attacco della Juventus, ma la Juventus non è solo l'attacco. La Juve è la difesa (forgiata da Conte), è Pogba, diventato ormai un campione, è Marchisio e Vidal. E' un gioco che è cambiato: da aggressivo a sornione. Da cannibale a letale.

Questa crescita della Juventus, che dopo questa iniezione di fiducia non ha paura a giocarsela con nessuno (anche se le grandissime d'Europa sono ancora un passo avanti) può essere un punto di riferimento per chi vuole ricostruirsi. Forse chissà, anche per questo il Milan ha messo nel mirino l'allenatore più simile a Conte che in questo momento propone il calcio (almeno quello italiano): Sinisa Mihajlovic. Piace, senza dubbio. Primi tentativi di approccio informali e soprattutto prime risposte positive. Insomma ci si può lavorare eccome, su questa pista. E' lui l'alternativa più forte a Sarri. Anzi forse dovremmo dire che Sarri è l'alternativa più forte a Mihajlovic. Per tanti motivi: perché è un motivatore, perché ha fame, perché è giovane e non guadagna cifre folli e perché è libero a fine stagione.

Sempre che rimanga questa dirigenza, ovvio. Si parla tanto di cessione società e l'ultima indiscrezione arriva addirittura dagli Stati Uniti. Un gruppo americano ha presentato alla famiglia Berlusconi un'offerta per comprare il Milan. Offerta bassa, mr Bee rimane in vantaggio. Ma la suggestione di questa notizia è che dietro a questi imprenditori a stelle e strisce ci sarebbe David Beckham. Ci sarebbe, con il condizionale. Perché di certezze non ce ne sono affatto. Ma solo il suo nome merita la menzione.

In ultimo una considerazione sulla vicenda Parma. Ne abbiamo parlato tanto e tanto ne continueremo a parlare. Ma facciamo una riflessione insieme. Che Manenti non abbia mai dato garanzie mi pare che nessuno abbia un dubbio. Insomma: lui si lamentava che intorno a lui c'era poca fiducia. Invece secondo me ce n'è stata anche troppa. E questo è uno dei problemi del nostro movimento calcio. Indipendentemente da come fossero ridotti i bilanci del Parma non è possibile che ci possa essere un presidente senza credenziali in una delle industrie più importanti del nostro paese.

L'ultima settimana per i presidenti di calcio italiani non è stata certo felice. Il presidente dell'Entella fermato a Bruxelles per corruzione, Manenti arrestato per truffa. Non so se vi è capitato di vedere il video della prima intervista al neo presidente del Varese che non conosce Pelé. Almeno lui i soldi li ha messi, evitando ulteriori penalizzazioni alla squadra. Ma – indipendentemente da questo – mi sembra che il controllo a monte continui ad essere blando o comunque non efficace.

Su questo è necessario riflettere. Tutti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.