VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Il Viperetta "convince" Montella e nessuno si chiede come abbia fatto. I "Treni del Gol" sono scomparsi a Catania e il futuro giudiziario di Conte resta appeso ad un filo. Tavecchio, i problemi oltre le banane...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
16.11.2015 12.39 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 76744 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Quando Tavecchio parlò delle banane ci aveva quasi preso. La sua fu una frase razzista e gli stava costando la pelle. Le banane, però, qualcosa c'entravano perché - se Tavecchio avesse detto che siamo "la Repubblica delle banane" - non avrebbe offeso nessuno e avrebbe detto la sacrosanta verità. Siamo stati in grado di far passare i mali del calcio e della Federazione per le frasi di Tavecchio. Certo, chi ricopre un ruolo istituzionale dovrebbe contare fino a mille, ma se vogliamo parlare dei veri problemi del calcio italiano non ci dobbiamo soffermare su Tavecchio che oggi c'è e domani no. Molti tifosi della Samp & Doria (come la chiama Ferrero sui social network) inneggiano il Presidente per aver portato Montella a Genova. Senza dubbio è stato un gran colpo ma perché nessuno, tra Lega e Federazione, entra nel vivo della vicenda e si chiede come mai un personaggio che finisce su Dagospia, un giorno sì e l'altro pure, debba essere considerato credibile. Ferrero fa cinema, insulta le persone e gestisce la Sampdoria senza guardare al domani. Un Presidente che si vede pignorati conti e case come può permettersi uno dei 3-4 allenatori giovani più quotati sul mercato italiano? Vogliamo delle risposte e non le vogliamo da chi ci prende in giro. La Federazione deve vigilare, la Covisoc deve controllare. Non siamo contro la Sampdoria. Così come in estate non eravamo contro il Palermo e lo scorso anno non eravamo contro il Parma. Il tempo cambierà l'opinione dei tifosi. Oggi lo vivono come un attacco alla propria squadra del cuore, domani capiranno che erano semplici avvertimenti dove la puzza di bruciato arriva forte al nostro naso. Ferrero, per il calcio italiano e per l'economia italiana, non può essere considerato personaggio credibile. All'inizio con i suoi show faceva anche ridere, ma Garrone che ha lasciato la gloriosa Sampdoria nelle mani del Viperetta deve tutelare il club. Volpi è considerato il fantasma di Genova, Briatore sta per uscire allo scoperto e Montella torna con il suo aeroplanino. Perché le istituzioni non intervengono con un'indagine su Ferrero? Ci diranno che ha tutti i requisiti per permettersi una società di serie A e ci metteremo, una volta per tutte, l'anima in pace. Non ci siamo messi l'anima in pace per i "Treni del gol" e continueremo fin quando non avremo risposte. I tifosi del Catania ci odiavano quando attaccavamo ferocemente il duo Pulvirenti-Cosentino. Stavano ammazzando il Catania e non spiegavano come mai un dipendente (Cosentino) comandasse più del proprietario. Siamo arrivati talmente in fondo al tunnel che il Catania, in due anni, è passato dalla quasi Europa alla serie C. Però non ci piacciono le inchieste a metà. In Italia funziona sempre così. In estate non avevamo nulla da scrivere e abbiamo dipinto il mostro Pulvirenti come l'unico male del calcio italiano. I numeri delle maglie dei calciatori erano i binari, i calciatori che si erano venduti le partite avrebbero dovuto smettere di giocare a calcio e oltre il Catania sarebbero arrivati deferimenti per tutti gli altri club coinvolti. Siamo a metà novembre: non c'è più una riga su un giornale perché ormai l'argomento non interessa più a nessuno. I calciatori presumibilmente coinvolti hanno trovato una squadra nuova e delle altre società sotto inchiesta non si è più saputo nulla. Un calcio senza giustizia, dove interessa solo fare rumore mediatico per una bomba ad orologeria che esplode quando vuole. Il Catania ha pagato come giusto che fosse ma, ancora oggi, non abbiamo capito i fatti come sono andati e quanti calciatori fossero coinvolti nell'inchiesta. Sembrava la fine delle serie B e abbiamo fatto credere ai tifosi italiani che di partite vere in B ogni settimana ce ne sono due, massimo tre. E invece non è così. In serie A, con l'Atalanta, gioca regolarmente Masiello che sotto confessione ammise di aver realizzato un autogol nel derby Bari-Lecce. Dalla Procura di Cremona abbiamo visto arresti sensazionali e un personaggio come Antonio Conte finire a processo. Oggi non sappiamo ancora se Conte è colpevole o innocente. Andremo agli Europei con un CT che attende di essere processato. La Federazione francese ha dichiarato qualche giorno fa che saranno convocati solo calciatori con una certa integrità morale.
Benvenuti in Italia: il Paese che apre mille inchieste e non ne chiude mezza, dove il vero processo è mediatico e non giudiziario. Vite e carriere spezzate da litri di inchiostro, in attesa di capire se il fatto è stato realmente commesso.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.