HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

In dubio pro ritiro: Napoli, i risultati ottenuti danno ragione a De Laurentiis. Benitez impone un pesante aut aut al presidente...

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
19.04.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 18032 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Farsene una ragione per il bene collettivo. Parliamo del ritiro, quella costrizione intollerante per chi da due anni a questa parte era stato abituato diversamente. Non sappiamo se era meglio o peggio, è noto solo che la presa di posizione del patron ha sortito gli effetti sperati: due vittorie con 7 gol fatti e solo 1 incassato, oltre all'ipoteca della semifinale di Europa League quando sembrava più probabile il ko in casa del Wolfsburg. Sarà stato un caso? Forse, ma come recita il diritto penale, "in dubio pro ritiro": meglio proseguire lungo la strada tracciata con il diktat presidenziale, così da non lasciarsi addosso nessuno scrupolo quando la stagione sarà tramontata. E poi, non saranno pochi giorni di ritiro a rovinare l'esistenza dei calciatori messi sotto chiave tra mille sbuffi e imprecazioni, qualche altra ora di convivenza comune non estinguerà il ménage familiare. Il loro lavoro, remunerato da nababbi, è fatto anche di questi momenti necessari a ritrovare verve e condizione. Ora la squadra gioca con più grinta ed una concentrazione sconosciuta in precedenza, forse perché troppi momenti di libertà fanno calare la tensione agonistica che si sviluppa, di contro, con lo svolgimento di una vita d'atleta e con il chiacchierare comune delle cose relative al pallone e dell'avversario che si andrà ad affrontare. Non è una novità e non c'è nulla di cui sorprendersi, è quella "preistoria" ancora necessaria in un calcio che cambia vorticosamente. Ecco perché ogni ritiro viene definito scorrettamente "punitivo", trattandosi invece di un momento per ritrovare l'assieme venuto a mancare. Proprio come è accaduto nel Napoli, già da un po' di tempo, e con la necessità di un intervento che è stato tardivo. De Laurentiis avrebbe dovuto (voluto) metter mano già dopo la sconfitta di Milano, per poi fare dietro front al cospetto di una contrarietà ferrea ed opposta, quella di Benitez. Sarebbe stato giusto riproporre il provvedimento dopo lo scivolone di Palermo, ma stavolta doveva essere don Rafè disporre la serratura sui ranghi un po' sfilacciati. Non l'ha fatto e ha atteso silenziosamente speranzoso che fosse il patron ad intervenire per riaccendere il motore del Napoli ormai prossimo allo spegnimento. Con tutte le conseguenze del caso, a cominciare dalla turbolenza interna al gruppo poi sancita con l'abbraccio coram popolo, titolari e riserve, voluto da Mertens dopo il vantaggio contro la Fiorentina. Tutto calcolato da De Laurentiis, consapevole della necessità di vestire i panni del burbero per sollecitare il clima di solidarietà tra i calciatori. Era stato messo nel conto anche la furente reazione di Rafa Benitez che stavolta ha dovuto ingoiare un provvedimento che il suo datore di lavoro aveva sempre rinviato, finché ha potuto, per non invadere l'area di competenza del tecnico. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: il mercato che lui avrebbe voluto ed incautamente spifferato alla vigilia della gara- chiave della stagione, oltre all'elenco delle condizioni dettate pubblicamente da Benitez subito dopo il successo in Germania. Dal business plan al settore giovanile, passando per il mercato e lo stadio, quelle sì che sono state parole che hanno il sapore di un addio scritto da Benitez con la firma apposta lettera per lettera. Gradualmente e non senza livore. Magari avrà ragione lui è forse De Laurentiis gli affiderà le chiavi del Napoli, oppure no e le loro strade si separeranno chissà con quanta cordialità. Poi si ricomincerà grazie alla generosità della tifoseria partenopea, che ha sopportato tutto, finanche un fallimento che altrove non è mai stato scritto in presenza di identiche condizioni debitorie. Se in 25 anni, quelli che ogni tanto Benitez ricorda esser stati sprovvisti di trofei, Napoli è rimasta ai margini del calcio che conta, è successo non per scelta ma per l'imposizione di un Tribunale. È proprio vero che non basta visitare musei e monumenti per poter dire di conoscere la storia di Napoli.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.