HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Inter a orologeria: lo strano ultimatum a Mazzarri e le due novità per l'anno prossimo. Da Abu Dhabi a Singapore, in otto giorni tre grosse sorprese in casa Milan

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
08.04.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 35141 volte
© foto di Federico De Luca

Inizio a scrivere dieci minuti esatti dopo aver perso tutti i numeri di telefono del mio modernissimo smartphone 'Stafava (marca fittizia). A un bel punto entro nella rubrica e non c'è più nulla, neppure il contatto di Flavia Vento, rubato a suo tempo a una collega distratta per fare sontuosi scherzi telefonici in certe noiose sere tra amici, annaffiati da amaro Unicum. Flavia, se per caso stai leggendo sappi che Leonardo di Caprio non è mai stato a Frosinone alla sagra del cecio e soprattutto non ha mai pensato a te come partner per "Titanic 2, la riemersione". Anche perché non è che il barcone può venir su dagli abissi e poi affondare un'altra volta. Che è, Mandrake?
Maremma ladra prataiola, mi vien da dire, ma non lo farò perché sono un signore e perché in fondo la signorina del call center è stata gentile. Io: "Come posso fare per salvare il salvabile?. Lei: "Ha fatto il becap?". Io: "No, però la varicella sì". Lei: "Mi ha fatto perlomeno un giro di recente su Aiclaud?". Io: "No, era tutto prenotato". Lei: "Ha problemi di tavolini che ballano?". Io: "No, perché?". Lei: "Perché ora al massimo il suo cellulare serve a bilanciare il tavolino traballante. Lo faccia traballare, è un peccato altrimenti". Simpatica.
Questo in effetti non è un editoriale, ma un appello: tu, amico disperso, rimandami il tuo numero. Io in cambio prometto di fare due becap al giorno e provo a capire dove si è nascosto questo maledetto Claud. E anche Thohir, mi mandasse il suo contatto, così potrò ammorbarlo con la mia strampalata teoria sullo stato delle cose interiste.
Prendiamo l'indonesiano: fa avanti e indietro da Giacarta tipo trottolino amoroso dududu dadada per il bene dell'Inter. Quando è a casa gli tocca stare sveglio a indicibili orari marzulliani per vedere partite di rara bruttezza. Allora rilancia: "Vado a San Siro, che magari mi tolgo qualche soddisfazione e faccio il figo con gli amici". Arriva al Meazza e infila una serataccia dopo l'altra, non ultima quella incredibile col Bologna con tanto di rigore - il primo stagionale - calciato assai male. "Non so se ridere o piangere", ripete Et. Ma la risposta la sa già: c'è da piangere. Non sarà lui a farlo. A meno che non arrivi la benedetta qualificazione all'Europa League a salvare la capra del patron e i cavoli dell'allenatore. Perché la frase "Mazzarri sarà l'allenatore della prossima stagione" ha lo stesso valore di "Strama, stai sereno" di un anno fa. Trattasi in definitiva di una piccola bugia, anche perché a Walter non basterà il sesto posto (quello che costringe ai preliminari della coppetta) causa impegni internazionali già presi da Erick.
In caso di fallimento l'esonero sarà quasi scontato, soprattutto perché Mazzarri, tra una bottiglietta azzannata e un "Walter Mazzarri Post Gara Show", non sembra avere propriamente in mano lo spogliatoio. Sfortuna, momento negativo, vortice di sfiga, suicidio di massa, invasione di cavallette: le scuse sono tante, molto poche quelle credibili. La faccenda in definitiva è sempre la stessa: Erick in attesa di vedere come andrà a finire "l'anno zero", ha già fatto i suoi bei sondaggi all'estero (il nome del papabile - se mai accetterà - non lo ripeto perché vi ammorbo ormai da due mesi).
Al contrario, certe scelte a livello di "giocatori da liquidare" sembrano già state prese. I 250 milioni in arrivo dalle banche serviranno per subentrare alle garanzie di Massimo Moratti (170 milioni) e mettere qualche soldino da parte, ma non aspettatevi grandi spese. Venti milioni sono già stati spesi per Hernanes, poco meno di 40 se ne andranno per il rosso del prossimo bilancio. Il sogno impossibile rimane Dzeko, ma è, appunto, impossibile. La necessita riguarda un centrocampista (Obi Mikel più di Javi Garcia oltre a Nilton, quasi fatto), ma per puntare ai grandi colpi bisognerà fare indicibili sacrifici. Handanovic partirà solo in caso di offertona da leccarsi i baffi, Guarin è tornato a vacillare dopo la "sceneggiata Vucinic" dello scorso gennaio. Tutto da capire invece il destino di Kovacic: l'allenatore non lo vede, il patron invece lo considera il giocatore simbolo del suo progetto gggiovane (con tre G). Tra Walter e Mateo, ne resterà soltanto uno.
Acque mediamente agitate (ma si è visto di peggio) pure in casa Milan. Barbara Berlusconi e Adriano Galliani continuano a mandarsi pubblici messaggi d'amore del genere Pina con Ugo ("Mi ami?" "No, però ti stimo moltissimo"). BB ribadisce che la famiglia cerca soci per finanziare mercato e stadio griffato "Fabio Novembre". Nel frattempo AG incontra Peter Lim: un riccastro di Singapore che - voci spagnole assai poco credibili - vorrebbe prendersi il 51% del Milan per circa 300 milioni. Francamente troppo pochi per un brand appetitoso come quello rossonero. Ma soprattutto si tratterebbe di un'inimmaginabile invasione di campo del braccio destro di papà Silvio, troppo intelligente per commettere certi errori. Barbara attualmente è a caccia di soldi dall'altra parte del mondo, il suo rientro anticiperà di poco il cda del 16 aprile. Lì ci sarà una prima resa dei conti: la questione ds è ancora aperta (Sogliano addio, Galli forse), mentre Paolo Maldini attende paziente un nuovo segnale dalla famiglia. La partita è apertissima.
Mentre ce la raccontiamo, si gioca ancora a calcio. La Signora tira due pacchette sul sedere a coloro che pensavano a una fantasmagorica riapertura del campionato. Neanche per idea. La Juve - stanca o non stanca - è troppo forte per la meravigliosa Roma targata Garcia, figuriamoci per il pericolante Livorno. Il terzo scudetto targato Conte sarà anche il più meritato.
Ottime notizie anche in casa Milan: "l'allenatore con la valigia venuto dall'Olanda", "l'inadatto", "il raccomandato", "quel mattacchione di Clarence" ha dimostrato a lor signori che basta un po' di cervello per mettere a cuccia chi gli vuole male. Seedorf ha in testa un tipo di calcio ben diverso da quello che sta promuovendo, ma ha fatto un saggio passo indietro quando ha capito che gli stavano scavando la fossa. Mica pirla... (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata 06.01 - Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.