HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Inter-Atletico Madrid, scambio vicino Cerci-Icardi. Bruno Fernandes, il talento che illumina San Siro portato in Italia dal Novara a 25mila euro. Mancini, due richieste a Pozzo. Bologna, fidati di Corvino

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
08.12.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 50801 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Appena rientrato da San Siro. Di Thohir neanche l'ombra, di Moratti c'era solo la sorella. Per scaramanzia non c'era neanche Gianpaolo Pozzo, rimasto a casa ad Udine. C'era Zanetti con la sciarpa dell'Inter, Hernanes che si faceva fotografare con i tifosi all'intervallo, Fassone in bella mostra e c'era anche l'Inter in campo; per un tempo, poi è rimasta negli spogliatoi. Che amarezza questa squadra. Con Mancini, un punto in tre partite. E' vero che Roby non ha la bacchetta magica ma fare peggio di Mazzarri sarebbe un paradosso. Diciamo che, però, Thohir un pò se lo merita. Se si cambia allenatore per convinzione va bene ma se si cambia per far felice la piazza, vuol significare che di calcio ne sai davvero poco. In più c'è stato un vero bagno di sangue (economico). Parliamo di mercato: inizialmente era una semplice idea, adesso sta diventando una vera trattativa. Tra Atletico Madrid e Inter, nelle ultime due settimane, sono stati fatti passi avanti importanti per lo scambio Cerci-Icardi. Ci sarebbe stato anche l'ok di Simeone e Mancini. Si farebbe subito, a gennaio. Questa settimana dovrebbe esserci un altro passo in avanti, quando Ausilio dovrebbe incontrare gli agenti di Icardi. L'argentino non sarebbe del tutto entusiasta di andare a Madrid perchè nel suo libro dei desideri c'è Londra: Chelsea o Arsenal. Però Icardi è stufo dell'Italia e ha problemi nel rinnovo con l'Inter, quindi non chiude la porta definitivamente ad un trasferimento nella Liga. Dopo la notizia, il giudizio personale: l'Inter farebbe un'altra fesseria a privarsi di Icardi, per riportare in Italia Cerci. Cose dell'altro mondo, a maggior ragione se Thohir non dovesse far cassa. Ieri, in occasione di Inter-Udinese, non si è parlato di calciomercato, anche perchè a Milano non era presente Gino Pozzo ma comunque i due club stanno parlando spesso di operazioni. Non a caso, sabato scorso, e in generale nelle ultime settimane il DS dei friulani Giaretta è spesso a vedere la Primavera dell'Inter. Vi spieghiamo il perchè: l'Inter, in estate, ha chiesto informazioni all'Udinese per portare Allan a Milano. I Pozzo hanno sparato 15 milioni e Ausilio andò su Medel. Ora Allan è tornato di moda ma piace anche Widmer. E le richieste sono diventate due. Non saranno operazioni invernali bensì estive. Per Allan, il prezzo è di 14 milioni di euro, per Widmer 11-12. Inter e Udinese già chiusero, in passato, l'operazione Handanovic per 11 milioni e nella trattativa rientrò Faraoni che ad Udine si è, poco alla volta, perso. In questa circostanza potrebbe essere, allo stesso modo, una contropartita ad oggi ancora non individuata.
A San Siro ha brillato la stella di Bruno Fernandes, portoghese del 1994 che ha ammaliato Mancini e tutti gli interisti. Questa è la seconda stagione di Bruno ad Udine e, in pochi, conoscono la sua storia. Fernandes fu portato in Italia dal Novara del Presidente De Salvo. Lo scouting piemontese puntò sul ragazzo, dopo averlo visto giocare in Patria e chiuse l'operazione per 25.000 euro. Si, 25.000 soltanto. Il Novara ha osservatori in tutta Italia e in tutta Europa e bruciò la concorrenza delle dirette concorrenti. Due anni fa fu proposto a Juve, Milan, Roma e Inter. Giocava nel Novara e non era di tendenza. Tutti risposero: non arriverà, il ragazzo al massimo può fare la serie B. Ci puntò solo l'Udinese di Gino Pozzo che pagò il ragazzo 4,5 milioni di euro al Novara per portarlo a Udine. 2 milioni per la prima metà, 2,5 milioni per la seconda con successivo sconto e commissioni pagate dal club friulano. Bruno Fernandes oggi è un talento che vale circa il triplo di quanto l'Udinese lo ha pagato al Novara e a Novara oggi c'è un nuovo Bruno Fernandes, stessa età con maggiore fiuto del gol e talento ancora più spiccato: Jacopo Manconi ma siccome è italiano, in Italia, non lo conoscono.
A Bologna, Saputo si è insediato e ha speso parole di elogio per Pantaleo Corvino. L'ex Direttore Sportivo della Fiorentina potrebbe ripartire proprio dal progetto Bologna, convinto dall'efficacia di Saputo e dalla sua solidità economica. Corvino sperava nella chiamata di una grande ma è pronto a rimettersi in gioco in serie B, categoria che in passato ha già vinto. Per Bologna sarebbe il primo grande acquisto della nuova era. Si punterebbe sui giovani di valore e su calciatori di categoria, per conquistare subito la serie A. Tacopina può essere un ottimo uomo immgine ma a questo nuovo Bologna manca la sostanza che, solo uno come Corvino, può dare nel breve e nel lungo periodo. Un occhio raffinato per i ragazzini e un mare di plusvalenze per gli anni successivi. Per informazioni: chiedere a Diego e Andrea Della Valle.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.