HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Inter-Atletico Madrid, scambio vicino Cerci-Icardi. Bruno Fernandes, il talento che illumina San Siro portato in Italia dal Novara a 25mila euro. Mancini, due richieste a Pozzo. Bologna, fidati di Corvino

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
08.12.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 50815 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Appena rientrato da San Siro. Di Thohir neanche l'ombra, di Moratti c'era solo la sorella. Per scaramanzia non c'era neanche Gianpaolo Pozzo, rimasto a casa ad Udine. C'era Zanetti con la sciarpa dell'Inter, Hernanes che si faceva fotografare con i tifosi all'intervallo, Fassone in bella mostra e c'era anche l'Inter in campo; per un tempo, poi è rimasta negli spogliatoi. Che amarezza questa squadra. Con Mancini, un punto in tre partite. E' vero che Roby non ha la bacchetta magica ma fare peggio di Mazzarri sarebbe un paradosso. Diciamo che, però, Thohir un pò se lo merita. Se si cambia allenatore per convinzione va bene ma se si cambia per far felice la piazza, vuol significare che di calcio ne sai davvero poco. In più c'è stato un vero bagno di sangue (economico). Parliamo di mercato: inizialmente era una semplice idea, adesso sta diventando una vera trattativa. Tra Atletico Madrid e Inter, nelle ultime due settimane, sono stati fatti passi avanti importanti per lo scambio Cerci-Icardi. Ci sarebbe stato anche l'ok di Simeone e Mancini. Si farebbe subito, a gennaio. Questa settimana dovrebbe esserci un altro passo in avanti, quando Ausilio dovrebbe incontrare gli agenti di Icardi. L'argentino non sarebbe del tutto entusiasta di andare a Madrid perchè nel suo libro dei desideri c'è Londra: Chelsea o Arsenal. Però Icardi è stufo dell'Italia e ha problemi nel rinnovo con l'Inter, quindi non chiude la porta definitivamente ad un trasferimento nella Liga. Dopo la notizia, il giudizio personale: l'Inter farebbe un'altra fesseria a privarsi di Icardi, per riportare in Italia Cerci. Cose dell'altro mondo, a maggior ragione se Thohir non dovesse far cassa. Ieri, in occasione di Inter-Udinese, non si è parlato di calciomercato, anche perchè a Milano non era presente Gino Pozzo ma comunque i due club stanno parlando spesso di operazioni. Non a caso, sabato scorso, e in generale nelle ultime settimane il DS dei friulani Giaretta è spesso a vedere la Primavera dell'Inter. Vi spieghiamo il perchè: l'Inter, in estate, ha chiesto informazioni all'Udinese per portare Allan a Milano. I Pozzo hanno sparato 15 milioni e Ausilio andò su Medel. Ora Allan è tornato di moda ma piace anche Widmer. E le richieste sono diventate due. Non saranno operazioni invernali bensì estive. Per Allan, il prezzo è di 14 milioni di euro, per Widmer 11-12. Inter e Udinese già chiusero, in passato, l'operazione Handanovic per 11 milioni e nella trattativa rientrò Faraoni che ad Udine si è, poco alla volta, perso. In questa circostanza potrebbe essere, allo stesso modo, una contropartita ad oggi ancora non individuata.
A San Siro ha brillato la stella di Bruno Fernandes, portoghese del 1994 che ha ammaliato Mancini e tutti gli interisti. Questa è la seconda stagione di Bruno ad Udine e, in pochi, conoscono la sua storia. Fernandes fu portato in Italia dal Novara del Presidente De Salvo. Lo scouting piemontese puntò sul ragazzo, dopo averlo visto giocare in Patria e chiuse l'operazione per 25.000 euro. Si, 25.000 soltanto. Il Novara ha osservatori in tutta Italia e in tutta Europa e bruciò la concorrenza delle dirette concorrenti. Due anni fa fu proposto a Juve, Milan, Roma e Inter. Giocava nel Novara e non era di tendenza. Tutti risposero: non arriverà, il ragazzo al massimo può fare la serie B. Ci puntò solo l'Udinese di Gino Pozzo che pagò il ragazzo 4,5 milioni di euro al Novara per portarlo a Udine. 2 milioni per la prima metà, 2,5 milioni per la seconda con successivo sconto e commissioni pagate dal club friulano. Bruno Fernandes oggi è un talento che vale circa il triplo di quanto l'Udinese lo ha pagato al Novara e a Novara oggi c'è un nuovo Bruno Fernandes, stessa età con maggiore fiuto del gol e talento ancora più spiccato: Jacopo Manconi ma siccome è italiano, in Italia, non lo conoscono.
A Bologna, Saputo si è insediato e ha speso parole di elogio per Pantaleo Corvino. L'ex Direttore Sportivo della Fiorentina potrebbe ripartire proprio dal progetto Bologna, convinto dall'efficacia di Saputo e dalla sua solidità economica. Corvino sperava nella chiamata di una grande ma è pronto a rimettersi in gioco in serie B, categoria che in passato ha già vinto. Per Bologna sarebbe il primo grande acquisto della nuova era. Si punterebbe sui giovani di valore e su calciatori di categoria, per conquistare subito la serie A. Tacopina può essere un ottimo uomo immgine ma a questo nuovo Bologna manca la sostanza che, solo uno come Corvino, può dare nel breve e nel lungo periodo. Un occhio raffinato per i ragazzini e un mare di plusvalenze per gli anni successivi. Per informazioni: chiedere a Diego e Andrea Della Valle.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Film-Milan, la settimana dei pianti e delle feste. De Laurentiis, hai rovinato tutto! Verona, per la A esonera Pecchia e prendi un De Canio... Figc, il gioco si fa duro ma i colpi bassi non pagano mai 27.02 - Il Milan vince a Sassuolo con un rigore da ripetere (almeno), il Napoli perde punti e testa e l'Atalanta è lo spot più bello del nostro campionato. Immaginate se Gasperini avesse indovinato anche le prime cinque giornate oggi dove sarebbe... Roba da matti. Complimenti a Percassi e...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.