HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Inter, attenta a Mancini. Diamanti o Lavezzi e Lucas per Guarin. Torres-Cerci, il Milan ci prova. Conte, il Psg insiste. Zeman, è crac!

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
19.12.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35231 volte
Inter, attenta a Mancini. Diamanti o Lavezzi e Lucas per Guarin. Torres-Cerci, il Milan ci prova. Conte, il Psg insiste. Zeman, è crac!

Non è un caso se Inter e Milan si buttano sugli stessi giocatori, ma non è neanche la voglia di fare sgarbi, il problema è sempre il solito: i soldi sono pochi. Anzi pochissimi. E allora l'attenzione si pone su chi è a fine contratto, su chi gioca poco ed è scontento o su chi è andato all'estero e vuol tornare a casa. L'unica eccezione delle ultime ore è il centrocampista del Liverpool Lucas Leiva

che Roberto Mancini conosce molto bene ed ha segnalato con forza a Fassone e Ausilio. Anche qui, però, si cercherà di proporre uno scambio con Guarin che fatica ad entrare negli schemi e nella mentalità imposta dal nuovo tecnico. L'Inter, comunque, qualcosa deve fare. E Thohir non deve sottovalutare le richieste di Mancini perché da calciatore prima e da allenatore poi, il Mancio ha sempre dimostrato di essere uno tosto, capace di mollare tutto se le cose non vanno come devono e se non viene messo nelle condizioni di lavorare bene.

L'altra sera al termine della gara con il Chievo, parlando al "Processo del lunedì", l'allenatore dell'Inter ha detto con sorriso ironico, senza nascondersi, che ha bisogno di un paio di giocatori nel mercato di gennaio, che questa squadra ha almeno due ruoli scoperti. Un uomo in mezzo al campo capace di dare qualità, ma anche di lavorare per la squadra (Lucas Leiva appunto) e un attaccante esterno Mancini li vuole eccome. Poi in ballo c'è Nastasic, difensore del City, che ha già detto sì al suo ex allenatore.

Se non dovesse arrivare nessuno potrebbe succedere di tutto. Sappiamo che Mancini ha una clausola rescissoria per giugno se l'Inter non sarà rafforzata, ma da allenatore il Mancio ha già mollato la Fiorentina e l'estate scorsa il Galatasaray dove aveva in essere un contratto importante, ma i programmi erano fumosi. Se Thohir va a vedersi la registrazione di quell'intervista può capire lo stato d'animo del suo allenatore meglio di tanti colloqui a quattrocchi. Tornando agli obiettivi, Lavezzi è sempre il primo della lista per quanto riguarda gli esterni, ma il costo dell'operazione è troppo elevato. Piace anche Alino Diamanti che tornerebbe volentieri a casa, ma in Cina guadagna molto. Sta cercando di mediare Davide Lippi che Diamanti ha portato nel campionato cinese e potrebbe ora provare a riportare in Italia. L'ex bolognese può giocare sia esterno nel 4-3-3 oppure può fare anche il trequartista dietro Palacio e Icardi (o Osvaldo).

Su Diamanti c'è anche il Milan perché Lippi, da buon procuratore, sta cercando di trovare la soluzione migliore. Tra i rossoneri potrebbe diventare un'ottima alternativa a Honda oppure agire da seconda punta nell'albero di Natale che Inzaghi sta provando con Menez prima punta, El Shaarawy (o Bonaventura).

Sempre in tema "vorrei ma non posso", Galliani sta cercando di risolvere il problema di Torres e di un esterno più gradito all'allenatore. A Torres non ha dato serenità neppure l'intervento in suo favore di Berlusconi.

Le ripetute esclusioni hanno infatti creato una situazione difficile da gestire e lo spagnolo è pentito di aver scelto il Milan e l'Italia, un campionato tatticamente duro, con pochi spazi per giocare. Vorrebbe tornate da dove è partito, dall'Atletico di Madrid, ma accontentarlo non è facile. A Madrid c'è Mandzukic, ma per Simeone non sarebbe un problema provare a farli giocare assieme nel 4-4-2. Il Milan sta ipotizzando uno scambio oneroso per sei mesi con Cerci che, come Torres in rossonero, sta giocando pochissimo.

La Juventus, invece, un gruzzolo da spendere ce l'ha. Sull'esterno di difesa ha puntato Alonso del Barca e potrebbe portare a casa Vrsaljko del Sassuolo. Difficile andare a trovare sul mercato di gennaio un difensore forte, tanto più che Nastasic preferisce andare da Mancini. E allora ecco che il pensiero sta tornando all'attacco. Le ambizioni in Champions sono cresciute, un attaccante importante e fisico in Europa serve e Simone Zaza può fare la prima, ma anche la seconda punta. La tentazione di anticipare l'opzione da giugno a gennaio è forte, c'è da convincere il Sassuolo e discutere sui sei mesi di prestito oneroso prima di chiudere l'affare (gli emiliani chiedono 20 milioni) a giugno.

Parlando di Juventus passiamo a Conte. La nostra anticipazione della scorsa settimana è stata confermata anche dai giornali francesi. Il Psg lo vuole per sostituire Blanc e gli offre un ricchissimo contratto per quattro anni. Conte aveva già rifiutato la scorsa primavera quando decise di restare alla Juve salvo poi ripensarci, ma ora i dubbi crescono. E' vero, come ha detto lui, che vuole provare a vincere con la Nazionale e Conte vive di sfide, ma il suo timore è quello di non poter lavorare. Anche gli ultimi contatti per gli stage, la Juve che non lo asseconda, le assenze dall'incontro con gli allenatori di tecnici importanti come Mancini, Benitez, Garcia e Zeman, lo lasciano perplesso. Vedremo, forse il finale non è scritto.

Scritto invece il destino di Zeman e Donadoni. Il Cagliari e soprattutto il Parma, sono due squadre incapaci di reagire, problema mentale e tecnico. Non resta che l'esonero per prendere a Cagliari un allenatore più adatto a una squadra che deve salvarsi (Ballardini?) e a Parma un tecnico capace di scuotere giocatori che sembrano già abbandonati a una retrocessione certa.

Tornando al mercato, ha molti giocatori in esubero anche la Fiorentina (Brillante verso Empoli), ma primo fra tutti c'è il caso Ilicic da risolvere. Come già anticipato ci sono offerte dalla Germania (Stoccarda e Werder), ma il giocatore vuole rimanere in Italia. Pradè sta cercando una strada per mandare a giocare questo attaccante molto talentuoso che ha bisogno di ritrovarsi e avere attorno meno tensioni. Il Torino lo vorrebbe in prestito, la Fiorentina si guarda attorno e due sarebbero le piste praticabili. Ilicic piace a Pioli, la Fiorentina sta pensando a proporre uno scambio con Klose che a Roma è scontento e in viola potrebbe trovare molto più spazio con il suo amico Gomez. Ma Ilicic piace anche all'Udinese (piazza che lo rilancerebbe di sicuro) dove potrebbe andare con Lazzari per supplire alla partenza di Badu per la coppa d'Africa. La Fiorentina ha messo gli occhi su Muriel che in viola con il suo caro amico Cuadrado potrebbe tornare a costituire la coppia dei sogni. Uno scambio con Ilicic-Lazzari per sei mesi con valutazioni da definire a giugno è più di un'idea. Per Pato invece i viola non hanno mai mosso niente e non ci pensano tanto più che l'ex rossonero ha già un contratto con l'Orlando per andare a giocare da marzo nella Lega americana .

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Film-Milan, la settimana dei pianti e delle feste. De Laurentiis, hai rovinato tutto! Verona, per la A esonera Pecchia e prendi un De Canio... Figc, il gioco si fa duro ma i colpi bassi non pagano mai 27.02 - Il Milan vince a Sassuolo con un rigore da ripetere (almeno), il Napoli perde punti e testa e l'Atalanta è lo spot più bello del nostro campionato. Immaginate se Gasperini avesse indovinato anche le prime cinque giornate oggi dove sarebbe... Roba da matti. Complimenti a Percassi e...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.