HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Inter che botta: Stramaccioni immaturo. Mazzarri sempre più verso l'Inter, ma non vuole Cassano. Allegri sedotto dalla Roma, Guidolin al Napoli. Juve: dopo Vidal, il Bayern vuole anche Lichtsteiner

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno.
08.03.2013 00.00 di Enzo Bucchioni  articolo letto 29367 volte
© foto di Federico De Luca

L'Inter è andata Stra-Male un'altra volta, l'Europa League è quasi finita qui. La batosta con il Tottenham è una delle peggiori imbarcate della storia europea dei nerazzurri, ben oltre il risultato. Certe partite senza senso tattico e una squadra senza identità, svuotata, come l'Inter vista ieri sera a Londra, ma di recente anche con la Fiorentina, nel primo tempo di Catania e in altre occasioni, hanno fatto ampiamente capire che Stramaccioni è un potenziale buon allenatore, ma il salto in alto è stato troppo vistoso, troppo prematuro. Troppo e basta. Tra l'altro la gestione dei giovani non è ottimale, rischia di bruciarli come sta facendo con Kovacic invece di farli crescere.

Questo ha indotto Moratti, perso Simeone che resta all'Atletico, ad acellerare con Mazzarri. I sondaggi sono vecchi di mesi, i contatti di gennaio e il pressing delle ultime settimane. Su Mazzarri c'era anche la Roma, Moratti sembra in vantaggio anche se tiene aperta pure un'altra pista che porta a Bielsa, un allenatore molto sponsorizzato dalla colonia argentina che fa il bello e il cattivo tempo nello spogliatoio dell'Inter. Mazzarri ha detto sì al progetto giovani, non ha problemi. Ha chiesto un attaccante di peso e la pista che porta a Dkeko del City è concreta. C'è solo un grosso problema chiamato Cassano. Mazzarri per dire sì alla panchina dell'Inter vuole la cessione del fantasista barese che ha già avuto alla Samp e sa quanto sia ingestibile fino a condizionare il lavoro di tutto il gruppo. Liberarsi dell'ex barese non sarà facile, Moratti sta valutando.

Per sostituire Mazzarri De Laurentis sta pensando ad Allegri, ma il rossonero è già in parola con la Roma. Guidolin vuol lasciare Udine, vuole nuovi stimoli e Napoli lo attira anche se ci sono dubbi di affinità con la piazza. Per questo, dopo averlo cercato, De Laurentiis si è raffreddato. Da grande uomo di spettacolo, il presidente-produttore sta pensando anche a Maradona. Il viaggio a Napoli non è venuto per caso, è una sorta di prova generale. Se Diego riuscirà a liberarsi dei suoi problemi con il fisco, l'affare potrebbe concretizzarsi anche per far digerire alla piazza il possibile addio di Cavani. Maradona con qualche allenatore-tattico in panchina potrebbe essere più di un'idea. Se invece il prescelto dovesse essere Guidolin a Udine andrebbe Zola già nella scuderia Pozzo. Con Guidolin potrebbe tornare in Italia il suom pupillo Sanchez con i soldi della clausula di Cavani se l'uruguagio dovesse decidere di andar via.

Allegri, dicevamo, era un'altra idea di De Laurentiis, ma è arrivato dopo la Roma. L'allenatore del Milan è stato contattato quando è stato silurato Zeman, per cominciare a progettare la prossima stagione. Erano giorni difficili anche per Allegri, ai minimi con Berlusconi, spesso punzecchiato e oggetto di altre battute che l'avrebbero indotto a dire sì ai giallorossi e a un contratto molto interessante. Poi è tornato il sereno al Milan e Berlusconi l'ha confermato promettendo anche un ritocco all'ingaggio, ma Allegri è perplesso per due ragioni. Una per la parola data alla Roma e anche per la voglia di un'avventura nuova con una squadra giovane di grande qualità, l'altra per il timore che al primo momento negativo possano ritornare tutte le perplessità del presidente rossonero. Non è un caso se ieri alla domanda sul contratto Allegri abbia glissato con un , invece di dire chiaramente come avrebbe dovuto rispondere in un momento così positivo. Scenario aperto. Conte, invece, è più juventino di dieci giorni fa e meno attratto da Abramovich. Il colpo sognato dalla Juve (se Raiola non riuscirà a mettere insieme il mosaico Ibra) è Cavani e questa promessa avrebbe indotto Conte a prendere tempo. La Juve 60 milioni non li ha, ma sta cercando di imitare Moggi vendendo bene alcuni giocatori importanti. Il Bayern vuole Vidal e un discorso è aperto sui 25 milioni. Guardiola ha chiesto anche Lichtsteiner: per il terzino la Juve vuole altri 15 milioni e Conte potrebbe dire sì alla cessione per rilanciare Isla su quella fascia. Con un gruzzolo da 40 milioni l'assato a Cavani potrebbe diventare realtà e con l'arrivo del top player in attacco svanirebbero anche tutti i dubbi di Conte.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.05 - L’altro giorno ho scritto a Fedez. Su Twitter. Ero incazzato nero. A due metri da casa mia i black bloc avevano organizzato la grigliata del primo maggio. Non quella delle salamelle, quella delle macchine altrui. Oddio, in realtà i fetentoni erano a due chilometri di distanza,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

04.05 - La Juventus vince il quarto scudetto consecutivo e nessuno se ne è accorto. Un brindisi negli spogliatoi di Genova, due foto su twitter e un comunicato sul sito. Champagne sì, ma senza bollicine ché c’è il Real Madrid alle porte. Vero, vincere aiuta a vincere ma diventa anche...

Editoriale DI: Raffaele Auriemma

03.05 - La mente torna indietro di 30 anni. Nella Sala delle Colonne al Cremlino, dal settembre 1984 ed ininterrottamente dal fino al febbraio 1985, Eugeny Karpov e Garri Kasparov si sfidarono per il titolo di campione del mondo di scacchi. Non se lo aggiudicò nessuno dei due, dopo...

Editoriale DI: Mauro Suma

02.05 - Dal momento che l'ultima Assemblea degli azionisti rossonera si è tenuta alle 16.00, un po' prima dell'attesissimo happy hour quotidiano, non tutti erano lucidissimi nell'ascoltarla e seguirla, ma confermiamo che dopo l'intervento introduttivo della dirigenza, ci sono state...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

01.05 - Berlusconi non è più così convinto di vendere il Milan e comunque non è così certo che le offerte di Mister Bee e della cordata che rappresenta siano le migliori per lui e per il futuro della società rossonera. L’ex Cavaliere doveva dare una risposta ieri sera al broker...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Bee, Inzaghi e il Milan: battute finali. Benitez, ora la palla passa a te, Inter ritorno al futuro, Pogba-PSG e i complimenti al Carpi 30.04 - Per il Milan è stata una lunga giornata, una lunga serata e sarà una lunga nottata. Soltanto durante la mattina sapremo se ci sarà ancora Inzaghi sulla panchina dei rossoneri anche pe l'allenamento del pomeriggio soltanto domani mattina sapremo se Berlusoni rimarrà...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Tutti sono soddisfatti del proprio intelletto, ma non del proprio denaro... monito per il Diavolo 29.04 - Nel giorno del mio compleanno (sera del 28 aprile, stesso di Zenga), mi par doveroso dare sfogo a pensieri più profondi e, forse, indigesti per alcuni lettori della rete, in particolare rossoneri. Non riesco a fingere, sono preoccupato dalla piega che sta prendendo la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

28.04 - Siccome non ho niente da fare e purtroppo di bombe me ne intendo meno che di calcio (il ché è tutto dire), ho ben pensato: “Ma che minchia è una bomba carta?”. Stuzzicato da questo simpatico interrogativo mi sono arrovellato: “Sarà complicatissimo fabbricarne una, chissà quali...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

"SuperPippa Inzaghi", il Milan nel delirio. Juve, non rovinare tutto. Se rinasco, voglio chiamarmi Gino Pozzo. Bentornata Salernitana, Lotito vince e fa paura 27.04 - SuperPippooooooooooo. Abbiamo goduto dei suoi gol e gioito con i suoi trionfi. Per noi resterà, sempre, SuperPippo Inzaghi. Spiegatelo a quei quattro calciatori che la storia non si dimentica e che, per vestire la maglia del Milan, bisogna nascere con un DNA da vincenti. In...

Editoriale DI: Raffaele Auriemma

26.04 - La ragione oltre l’esultanza. Cosa o chi avrà permesso al Napoli di passare dal rendimento sciagurato di 2 punti in 5 partite di campionato alla striscia virtuosa di 3 vittorie ed un pari, con 12 gol segnati e l’approdo alla semifinale di Europa League con tanto di umiliazione...
 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.