HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Inter da rifinire sul mercato, Milan nuovi incontri Fininvest-Ses, il post-Salah, l'asse Juve-Atalanta e il rinnovo di Mertens

22.12.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 27729 volte
© foto di Federico De Luca

L’Inter va in vacanza più serena, con qualche certezza in più e il lavoro di Pioli (che ha avuto un calendario impegnativo (Napoli Fiorentina Milan e Lazio oltre a Genoa e Sassuolo) sta portando quei frutti di normalizzazione che i dirigenti nerazzurri avevano sperato di ottenere. Ora spazio al mercato: bisognerà cedere, visto che non c’è più l’Europa League, visto che comunque ci sono i paletti dei FFP da rispettare (plusvalenze comprese), ma gli arrivi ci saranno. Almeno uno: a centrocampo. La prima strada è quello di prendere un giocatore in prestito (con pagamento posticipato): ecco perché lo screening è ancora in atto. Poi si cercherà di capire come muoversi anche per gli altri reparti, in virtù anche delle uscite. Jovetic chiaramente non fa più parte del progetto nerazzurro, bisognerà capire la situazione di Gabigol, quella di Kondogbia. Anche dello stesso Ranocchia. Insomma vacanze sì, per i giocatori. Non per Ausilio e Gardini. E un occhio anche al futuro (non gennaio): perché sui gioiellini dell’Atalanta ha messo gli occhi anche l’Inter. Uno su tutti Galgiardini: secondo Percassi vale oltre i 20 milioni di euro e su di lui (in Italia almeno) hanno messo gli occhi Inter, Juventus e Milan. Ci sarà da divertirsi.
Corsa praticamente chiusa per Caldara, che la Juventus ha praticamente preso ma che giocherà in bianconero a partire dal 2018. Mentre sempre a proposito dei gioielli messi in mostra (e valorizzati) da Gasperini c’è molto movimento su Petagna: ne hanno parlato anche in questo caso Inter, Juventus e Monaco. Ma su di lui l’Atalanta non ha intenzione di cedere. E’ convinta che la valutazione dell’attaccante possa crescere sempre di più, una volta che inizierà a segnare con continuità.

Non solo giovani a Bergamo: prendete il Papu Gomez. Per sostituire Salah (che partirà per la coppa d’Africa) la Roma sta pensando seriamente a lui. Il giocatore sarebbe anche disponibile ad ascoltare proposte per un eventuale trasferimento. Ci sono già stati i primi contatti fra società, anche se Percassi continua a ritenere il giocatore incedibile. E’ anche vero che se dovesse arrivare un’offerta (almeno intorno ai 15 milioni di euro) queste certezze potrebbero vacillare. Ma la Roma non vuole farsi trovare impreparata e allora segue con grandissima attenzione anche El Ghazi, esterno offensivo dell’Ajax, a lungo seguito, qualche mese fa anche dal Milan. Gli olandesi chiedono circa 12 milioni di euro e, anche in questo caso, le parti sono già in contatto.

In casa Milan si lavora soprattutto in vista del closing (Supercoppa a parte). Martedì c’è stato un incontro Fassone-Fininvest in cui si è ribadito il concetto che ogni scelta dovrà essere condivisa per un motivo piuttosto semplice (anche se questo determina delle difficoltà evidenti nel mercato): quando ci sarà il closing oltre ai soldi per il valore del club (i 320 milioni che ancora mancano più i debiti) SES dovrà anche “restituire” a Fininvest i costi di gestione sostenuti dal primo luglio 2016, come deciso nei vari accordi precedenti. E anche in questo caso parliamo di costi piuttosto importanti visto che il Milan spende più o meno al mese (fra stipendi al lordo e attività del club) circa 8/9 milioni… Questo tipo di spesa quindi deve essere concordata come se a pagare fossero direttamente i nuovi gestori, esattamente come il premio dell’eventuale vittoria in Supercoppa. Gli stessi ragionamenti valgono anche per il mercato: difficilmente SES darà ok per operazioni da fare a gennaio (a meno che non sia completamente autofinanziato: ma anche sulle cessioni ci sarà diritto di veto) e le priorità saranno i rinnovi (come De Sciglio e Donnarumma), non ancora quello di Paletta.

Il rinnovo di Bonaventura è arrivato a un punto di svolta. Qualche giorno fa accordo raggiunto con Galliani: serviva l’ok dei nuovi proprietari. Ed è arrivato nella tarda serata. Con un piccolo ostacolo ancora da sistemare. Bonaventura prenderà un milione e mezzo da qui a fine stagione (per raggiungere il totale che era stato concordato in precedenza) e poi due milioni netti all’anno per i successivi 3 (fino al 2020). Stavolta si attende l'ok di Fininvest perché i 500 mila netti in più nel secondo semestre 2016/17 i cinesi propongono di dividerli 250 e 250. Se Fininvest accetta, si fa.

Siamo ai dettagli anche per il rinnovo di Mertens con il Napoli. De Laurentiis conta di definire tutto e ufficializzare il rinnovo entro la fine del 2016 , al massimo nei primi giorni del nuovo anno. Sarà un’estensione fino al 2020, forse 2021. L’accordo economico è già stato raggiunto prima del poker segnato al Torino, in questi giorni si sta invece lavorando per limare gli ultimi dettagli appunto, tra cui alcuni bonus e una possibile clausola rescissoria che dovrebbe essere valida solo per l’estero come fatto dal Torino per Belotti e dall’Inter per Icardi.

Per l’arrivo di Pavoletti invece si aspetta di conoscere l’esito delle visite mediche alle quali sarà sottoposto l’attaccante del Genoa, molto probabilmente dopo Natale. Anche se il giocatore, intervistato da radio Kiss Kiss, ha confidato di essere carico… Il Napoli intanto guarda anche al futuro: segue con attenzione il giovane portiere Livakovic della Dinamo Zagabria.

Simone Zaza sta invece pensando di cambiare: come avevamo già detto nelle scorse settimane, potrebbe raggiungere Prandelli al Valencia. In giornata ’è stato un nuovo incontro in giornata tra l’entourage dell’attaccante e il club spagnolo. L’ostacolo più grande resta l’ingaggio del ragazzo intorno ai 3,5 milioni di euro, meno problematico invece arrivare ad un accordo con la Juve, ancora proprietaria del cartellino. Le condizioni restano le stesse con le quali Zaza potrebbe essere riscattato dal West Ham: 20 milioni di riscatto + 3 di bonus alla prima presenza del giocatore, dopo i 5 di prestito già spesi dal club inglese. La Juventus resta alla finestra, anche perché se Zaza dovesse raggiungere la 14esima presenza con la maglia degli “Hammers” dovrebbe comunque essere riscattato obbligatoriamente. Per ora è fermo a 8 dall’inizio della stagione.
Sul fronte Witsel la Juventus per il momento non ha fatto nessuna offerta. Si è solo dimostrata disponibile ad approfondire il discorso nel caso in cui lo Zenit fosse disposto ad accontentarsi di 6/7 milioni + qualche bonus per non perderlo a costo zero a giugno.

Su Politano del Sassuolo c’è il forte interesse di Middlesbrough e Atletico Madrid, pronte a presentare offerte importanti. Kalinic è nel mirino di alcuni club cinesi: ma lui vuole rimanere in Italia. All’Udinese piace Joao Pedro, del Palmeiras che ha passaporto comunitario.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.