HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Inter, dopo Palacio tappa ad Udine e Napoli. Juve, Conte insiste per RvP. Roma, giorno decisivo. Scommesse, notti calde

Nato ad Avellino il 30-09-1983. Lavora a Milano, Capo-Redattore e volto di punta della Redazione di Sportitalia. Direttore Responsabile di TuttoMercatoWeb. Scrivi e contatta: mcriscitiello@sportitalia.com.
28.05.2012 00.00 di Michele Criscitiello  articolo letto 45659 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Milano e Roma sono le uniche città - quest'anno - a non esser scese in piazza per festeggiare, se non ad agosto quando Piazza Duomo era ancora vuota. Berlusconi si irrita se Ibrahimovic dice che al Milan non ci sono più tanti soldi per fare mercato. Allora Galliani chiama Raiola e lo invita a fare una smentita, dicendo che Ibra non si era spiegato bene e che quegli asini dei giornalisti non avevano capito nulla. Per fortuna i giornalisti presenti erano svedesi e non se ne fregavano un bel niente del fatto che Ibrahimovic sparlasse del Milan. Siamo partiti da Milano, però, soprattutto per parlare di Inter. Moratti sta dimostrando con i fatti di voler sostenere Stramaccioni. Arriva Palacio, vuole chiudere per Isla e Lavezzi ed è intenzionato a trattenere tutti i pezzi pregiati. Se dovesse continuare su questa strada, non ci stupiremmo se i nerazzurri tornassero subito competitivi a livello nazionale. Perché la Juve ha vinto ma non è anni luce davanti alle altre, perché il progetto del Milan senza soldi rischia di restare su un pezzo di carta e perché l'Inter, se costruita con un criterio, ha già una base solida seppur vecchia. Per Lavezzi la concorrenza è il Napoli più che il Psg. Convincere De Laurentiis a scendere con il prezzo non è semplice, anche se sappiamo che in queste trattative comandano i calciatori. Se la volontà di Lavezzi è quella di lasciare Napoli non ci sarà nessuno così bravo da fargli cambiare idea. Per il Napoli sarà una perdita importante, il sacrificio più grande dei tre lì davanti. La Juventus è scatenata. Ci raccontano di due schegge, Marotta e Paratici, che stanno facendo il diavolo in quattro per impreziosire la rosa di Conte. Prima si vuole chiudere per il top player, poi sistemare la rosa. Il top resta Robin Van Persie. Qualche sera fa su Sportitalia vi abbiamo regalato il retroscena in anteprima del suo viaggio a Torino. Lo hanno visto in pochi ma se si muove RVP non potrà mai passare inosservato. È un'indicazione importante, perché se un big di questo spessore va da Londra a Torino non è certo per questioni di turismo. La trattativa è complessa ma da parte del club c'è la volontà di accontentare Antonio Conte. Oggi sarà un giorno decisivo per il futuro tecnico della Roma. Baldini incontra Zeman mentre a Milano arriverà il nuovo Catania, con Nicola Salerno e Sergio Gasparin. L'incastro delle panchine dipenderà da Vincenzo Montella. A Catania sono certi che la Roma stia bluffando, andando su Zeman per far scendere le richieste di Pulvirenti. Molti giocatori giallorossi hanno già promosso il ritorno di Montella, anche se il boemo affascina la piazza. Comunque vada sarà un ritorno...
Mentre scriviamo sta calando il buio. Una nuova notte sta per arrivare e le prime ore dell'alba potrebbero riservarci delle sorprese. Brutte! Ci giungono notizie che nell'immediato (non abbiamo la presunzione di dirvi giorno, ora e località precisa anche perché non fa differenza in questo contesto) potranno esserci nuovi arresti. Potrebbe essere una retata. Ovviamente non solo calciatori. Aspettiamo alla finestra. Chi si muove è la Procura di Cremona ed abbiamo imparato a capire che da quelle parti fanno sul serio.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
22.11 - Roberto Mancini si è presentato in maniera molto sobria ed equilibrata. Gli anni british lo hanno fatto crescere. Meno spigoloso, meno avventato. Del resto il Mancio ha allenato a Manchester, là dove per anni sulla sponda opposta ha regnato Sir Alex Ferguson all'insegna del...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
21.11 - Moratti ha confermato di essere stato lui a consigliare a Thohir di rimettere Mancini sulla panchina dell'Inter, ma c'è di più: la telefonata al Mancio l'ha fatta proprio l'ex presidente in persona. E allora come mai Massimo Moratti poche settimane fa si è dimesso da...
Editoriale DI: Luca Marchetti
20.11 - Due uragani. Entrambi da parte di allenatori. E un mercato che prende forma. Partiamo con calma e con ordine. Mancini pur senza parlare, se non in conferenza stampa, è stato un vero e proprio terremoto. Inaspettato, soprattutto nelle tempistiche. Come inaspettato è stato lo...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
19.11 - Intendiamoci, lo so bene anche io... Il calcio è fatto di ribaltoni e di contraddizioni ma, a questo punto, difficile capirci qualcosa. Sta accadendo di tutto e di più. Thohir che, dopo aver difeso a spada tratta il suo primo ufficiale Mazzarri, lo getta nell'arena e lo lascia...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
18.11 - Bentrovati. Scusate il cattivo umore. Abbiamo i reumatismi, la pelle cotta, le scarpe impantanate, l'orchite a grappoli, centinaia di ombrelli in mezzo alle balle perché esci di casa, lo perdi, lo ricompri a cinque euro dal tizio che inevitabilmente spunta all'angolo della...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
17.11 - Si era presentato come l'uomo dei bilanci, colui che aveva inventato il nuovo business del calcio con le banche ed avevamo creduto che potesse cambiare il calcio italiano. Sì, ma per mezzo secondo. Poi abbiamo scoperto che è il calcio italiano ad aver cambiato lui. Thohir si è...
Editoriale DI: Raffaele Auriemma
16.11 - Se sarà argomento solo d'altra gente lo scopriremo presto, anche attraverso il mercato di gennaio. Parliamo di scudetto, ovviamente, quel desiderio ardente di ogni italiano che vive di pallone e che a Napoli sta diventando una adorabile ossessione. Bisogna osare adesso che la...
Editoriale DI: Mauro Suma
15.11 - La voce è che senza un suo coinvolgimento nelle decisioni fondamentali per l'Inter, Massimo Moratti avrebbe giudicato inutile e insensato sottoscrivere l'aumento di capitale necessario per le casse del Club. E quindi che l'esonero di Mazzarri sia un danno collaterale del...
Editoriale DI: Luca Serafini
14.11 - E' alla sua nona stagione in rossonero, ha vinto una Champions, una Supercoppa europea, un Mondiale per club, uno scudetto e una Supercoppa italiana. Conta 16 presenze in Nazionale. Il suo rendimento in questo campionato è ai minimi termini, inevitabile che la critica e...
Editoriale DI: Luca Marchetti
13.11 - Metà novembre. Un mese e mezzo al mercato, c'è fermento. Anche perché le cose vanno bene per qualcuno, ma per molti no. Fra infortuni e delusioni il mercato di gennaio può essere un'opportunità per invertire la tendenza. La Juventus per esempio si concentra soprattutto sui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.