HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Inter, dopo Palacio tappa ad Udine e Napoli. Juve, Conte insiste per RvP. Roma, giorno decisivo. Scommesse, notti calde

Nato ad Avellino il 30-09-1983. Lavora a Milano, Capo-Redattore e volto di punta della Redazione di Sportitalia. Direttore Responsabile di TuttoMercatoWeb. Scrivi e contatta: mcriscitiello@sportitalia.com.
28.05.2012 00.00 di Michele Criscitiello  articolo letto 45671 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Milano e Roma sono le uniche città - quest'anno - a non esser scese in piazza per festeggiare, se non ad agosto quando Piazza Duomo era ancora vuota. Berlusconi si irrita se Ibrahimovic dice che al Milan non ci sono più tanti soldi per fare mercato. Allora Galliani chiama Raiola e lo invita a fare una smentita, dicendo che Ibra non si era spiegato bene e che quegli asini dei giornalisti non avevano capito nulla. Per fortuna i giornalisti presenti erano svedesi e non se ne fregavano un bel niente del fatto che Ibrahimovic sparlasse del Milan. Siamo partiti da Milano, però, soprattutto per parlare di Inter. Moratti sta dimostrando con i fatti di voler sostenere Stramaccioni. Arriva Palacio, vuole chiudere per Isla e Lavezzi ed è intenzionato a trattenere tutti i pezzi pregiati. Se dovesse continuare su questa strada, non ci stupiremmo se i nerazzurri tornassero subito competitivi a livello nazionale. Perché la Juve ha vinto ma non è anni luce davanti alle altre, perché il progetto del Milan senza soldi rischia di restare su un pezzo di carta e perché l'Inter, se costruita con un criterio, ha già una base solida seppur vecchia. Per Lavezzi la concorrenza è il Napoli più che il Psg. Convincere De Laurentiis a scendere con il prezzo non è semplice, anche se sappiamo che in queste trattative comandano i calciatori. Se la volontà di Lavezzi è quella di lasciare Napoli non ci sarà nessuno così bravo da fargli cambiare idea. Per il Napoli sarà una perdita importante, il sacrificio più grande dei tre lì davanti. La Juventus è scatenata. Ci raccontano di due schegge, Marotta e Paratici, che stanno facendo il diavolo in quattro per impreziosire la rosa di Conte. Prima si vuole chiudere per il top player, poi sistemare la rosa. Il top resta Robin Van Persie. Qualche sera fa su Sportitalia vi abbiamo regalato il retroscena in anteprima del suo viaggio a Torino. Lo hanno visto in pochi ma se si muove RVP non potrà mai passare inosservato. È un'indicazione importante, perché se un big di questo spessore va da Londra a Torino non è certo per questioni di turismo. La trattativa è complessa ma da parte del club c'è la volontà di accontentare Antonio Conte. Oggi sarà un giorno decisivo per il futuro tecnico della Roma. Baldini incontra Zeman mentre a Milano arriverà il nuovo Catania, con Nicola Salerno e Sergio Gasparin. L'incastro delle panchine dipenderà da Vincenzo Montella. A Catania sono certi che la Roma stia bluffando, andando su Zeman per far scendere le richieste di Pulvirenti. Molti giocatori giallorossi hanno già promosso il ritorno di Montella, anche se il boemo affascina la piazza. Comunque vada sarà un ritorno...
Mentre scriviamo sta calando il buio. Una nuova notte sta per arrivare e le prime ore dell'alba potrebbero riservarci delle sorprese. Brutte! Ci giungono notizie che nell'immediato (non abbiamo la presunzione di dirvi giorno, ora e località precisa anche perché non fa differenza in questo contesto) potranno esserci nuovi arresti. Potrebbe essere una retata. Ovviamente non solo calciatori. Aspettiamo alla finestra. Chi si muove è la Procura di Cremona ed abbiamo imparato a capire che da quelle parti fanno sul serio.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
17.12 - Balotelli è, almeno per il sottoscritto, un dilemma di complicata soluzione. Sono anni che aspetto una sua consacrazione sul campo e, sono anni, che non accade nulla. Nessuno dimentica che è un classe 1990, eppure, da quando è entrato nel mondo del calcio, non ricordo stagioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
16.12 - Editoriale light perché ho febbre equina e indicibili allucinazioni visive. E dire che la settimana è passata assai bene, complice la finale di X Factor alla quale ho fortunosamente assistito seduto a due passi da Mihajlovic e consorte (gran bella la Sinisona, tra l'altro)....
Editoriale DI: Michele Criscitiello
15.12 - Se la Juventus non vince in casa è sempre una delusione. Allegri perde per strada due punti importanti e, di questi tempi con la Roma fuori dalla Champions, non si può permettere simili regali. In casa deve vincere contro chiunque e al secondo pareggio consecutivo, il buon Max...
Editoriale DI: Raffaele Auriemma
14.12 - Gli assenti hanno sempre torto. Ed erano tanti, giovedì scorso al San Paolo in una notte da Betlemme per la presenza di tre Re Magi sotto forma di gol che hanno portato in dono al Napoli il primo posto nel girone di Europa League. Mertens, Hamsik e Zapata come Gaspare,...
Editoriale DI: Mauro Suma
13.12 - Il Borussia Dortmund è interessato a Stephan El Shaarawy. E' liberissimo di farlo e non è un reato. Ma non ha avuto contatti con il giocatore che è sotto contratto, le squadre tedesche sanno bene come muoversi. Quindi, se il Club tedesco non ha avuto il via libera per parlare...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
12.12 - La Juventus sta vincendo in campo, ma anche in banca. L'unica italiana che avanza in Champions scopre di avere un tesoretto in tasca di più di quindici milioni che potrà tranquillamente investire. I soldi arrivano dal passaggio del turno e dall'ingresso negli ottavi di...
Editoriale DI: Luca Marchetti
11.12 - Mentre Inter, Napoli (soprattutto) ma anche la Juventus cominciano a muoversi con più decisione sui loro obiettivi di mercato, c'è chi definisce proprio la cessione societaria. E' la volta del Parma: annunciato già da domenica in tarda mattinata ieri a Milano si è definito...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
10.12 - Nel calcio, forse più che nella vita, si fa davvero troppo in fretta a sputare sentenze. Ero a San Siro per seguire Inter-Udinese. Bello assistere agli applausi del popolo nerazzurro. Tutti per Mancini, come è giusto e doveroso che sia. Peccato che, alla fine, il malloppo se...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
09.12 - Trenta e passa cose sentite nei peggiori bar (sport) di Caracas nelle ultime 24/36 ore a proposito dei casini di Inter e Milan. 1) Allora la colpa non era di Mazzarri. 2) Io sono sempre stato dalla parte di Mazzarri. 3) Io sono Mazzarri. 4) Mancini in realtà è...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
08.12 - Appena rientrato da San Siro. Di Thohir neanche l'ombra, di Moratti c'era solo la sorella. Per scaramanzia non c'era neanche Gianpaolo Pozzo, rimasto a casa ad Udine. C'era Zanetti con la sciarpa dell'Inter, Hernanes che si faceva fotografare con i tifosi all'intervallo,...
 
 
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.