HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Inter, dopo Palacio tappa ad Udine e Napoli. Juve, Conte insiste per RvP. Roma, giorno decisivo. Scommesse, notti calde

Nato ad Avellino il 30-09-1983. Lavora a Milano, Capo-Redattore e volto di punta della Redazione di Sportitalia. Direttore Responsabile di TuttoMercatoWeb. Scrivi e contatta: mcriscitiello@sportitalia.com.
28.05.2012 00.00 di Michele Criscitiello  articolo letto 44966 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Milano e Roma sono le uniche città - quest'anno - a non esser scese in piazza per festeggiare, se non ad agosto quando Piazza Duomo era ancora vuota. Berlusconi si irrita se Ibrahimovic dice che al Milan non ci sono più tanti soldi per fare mercato. Allora Galliani chiama Raiola e lo invita a fare una smentita, dicendo che Ibra non si era spiegato bene e che quegli asini dei giornalisti non avevano capito nulla. Per fortuna i giornalisti presenti erano svedesi e non se ne fregavano un bel niente del fatto che Ibrahimovic sparlasse del Milan. Siamo partiti da Milano, però, soprattutto per parlare di Inter. Moratti sta dimostrando con i fatti di voler sostenere Stramaccioni. Arriva Palacio, vuole chiudere per Isla e Lavezzi ed è intenzionato a trattenere tutti i pezzi pregiati. Se dovesse continuare su questa strada, non ci stupiremmo se i nerazzurri tornassero subito competitivi a livello nazionale. Perché la Juve ha vinto ma non è anni luce davanti alle altre, perché il progetto del Milan senza soldi rischia di restare su un pezzo di carta e perché l'Inter, se costruita con un criterio, ha già una base solida seppur vecchia. Per Lavezzi la concorrenza è il Napoli più che il Psg. Convincere De Laurentiis a scendere con il prezzo non è semplice, anche se sappiamo che in queste trattative comandano i calciatori. Se la volontà di Lavezzi è quella di lasciare Napoli non ci sarà nessuno così bravo da fargli cambiare idea. Per il Napoli sarà una perdita importante, il sacrificio più grande dei tre lì davanti. La Juventus è scatenata. Ci raccontano di due schegge, Marotta e Paratici, che stanno facendo il diavolo in quattro per impreziosire la rosa di Conte. Prima si vuole chiudere per il top player, poi sistemare la rosa. Il top resta Robin Van Persie. Qualche sera fa su Sportitalia vi abbiamo regalato il retroscena in anteprima del suo viaggio a Torino. Lo hanno visto in pochi ma se si muove RVP non potrà mai passare inosservato. È un'indicazione importante, perché se un big di questo spessore va da Londra a Torino non è certo per questioni di turismo. La trattativa è complessa ma da parte del club c'è la volontà di accontentare Antonio Conte. Oggi sarà un giorno decisivo per il futuro tecnico della Roma. Baldini incontra Zeman mentre a Milano arriverà il nuovo Catania, con Nicola Salerno e Sergio Gasparin. L'incastro delle panchine dipenderà da Vincenzo Montella. A Catania sono certi che la Roma stia bluffando, andando su Zeman per far scendere le richieste di Pulvirenti. Molti giocatori giallorossi hanno già promosso il ritorno di Montella, anche se il boemo affascina la piazza. Comunque vada sarà un ritorno...
Mentre scriviamo sta calando il buio. Una nuova notte sta per arrivare e le prime ore dell'alba potrebbero riservarci delle sorprese. Brutte! Ci giungono notizie che nell'immediato (non abbiamo la presunzione di dirvi giorno, ora e località precisa anche perché non fa differenza in questo contesto) potranno esserci nuovi arresti. Potrebbe essere una retata. Ovviamente non solo calciatori. Aspettiamo alla finestra. Chi si muove è la Procura di Cremona ed abbiamo imparato a capire che da quelle parti fanno sul serio.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
23.04 - Il calcio non è una scienza esatta, un assioma da tutti condiviso. Tra le variabili impazzite di questo strano gioco in cui tutti si affannano ad infilare la palla in rete la figura dell'allenatore è tra le più bizzarre e di difficile connotazione. Prima dell'avvento dei...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
22.04 - Oh, beati voi se avete passato una Pasqua assai serena tra capretti sgozzati, colombe transgeniche (con e senza canditi), tartufoni zuccheroni, uova di cioccolato con dentro sorprese tipo "meravigliosi orecchini in lega di argento e amianto che vi viene il cimurro", o...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
21.04 - La Roma ha vinto lo scudetto ma i tifosi non possono festeggiare. Circo Massimo vuoto, maglie giallorosse il prossimo anno senza tricolore sul petto e la bacheca di Francesco Totti resta, malinconicamente, vuota. Eppure Garcia il suo scudetto l'ha vinto. Ha fatto una marea di...
Editoriale DI: Italo Cucci
20.04 - "La mentalità non si compra". Il Napoli dopo Udine - dove ha lasciato due punti da aggiungere ai venti distribuiti nella bella provincia italiana - ha rotto l'uovo di Pasqua e ci ha trovato dentro questa sorpresa. Firmata Benitez. Ma non si capisce a chi si rivolgesse, il Re...
Editoriale DI: Mauro Suma
19.04 - Proprio così. Antonio Conte. Prima di fare qualche telefonata e di scrivere qualche messaggio wup, la certezza che rimanesse alla Juventus anche per le prossime 2 stagioni era totale. Con somma sorpresa, prima di tutto nostra, il magma del calcio, che non dorme davvero mai, ci...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
18.04 - E' Klopp, l'allenatore del Borussia Dortmund, il grande obiettivo di Andrea Agnelli e di Giuseppe Marotta per la panchina bianconera se, come sembra, Antonio Conte deciderà di non rinnovare il contratto. Il nome del tedesco, tenuto nascosto per settimane è sempre stato l'uomo...
Editoriale DI: Luca Marchetti
17.04 - Sembra quasi il 31 dicembre, visto che tutti fanno buoni propositi per la fine stagione e soprattutto per l'anno prossimo. La superJuve ha praticamente archiviato il discorso scudetto: inevitabile parlare di futuro. Quello delle due milanesi passa per l'Europa. Per forza....
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
16.04 - Mai fidarsi delle apparenze. Ad osservarlo di sfuggita, Thohir, ammettiamolo, sembra più un ristoratore di mezza tacca che un lungimirante imprenditore con la passione per il football. Come se non bastasse, il suo esordio nel calcio italiano, dove tutti pensano e ragionano...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
15.04 - Ho fatto merenda con Prandelli. A Coverciano. Cioè, lui non ha mangiato una fava tipo anoressico, ma a esplicita domanda "vuoi qualcosa?" mi son sentito in dovere di scroccare lo scroccabile alla Figc. "Prendo un caffè", ho detto, ma mi son morso la lingua memore di uno dei...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
14.04 - E' arrivata la Primavera. Si capisce, prevalentemente, da due aspetti. Il primo: la domenica iniziano a piovere gol sui campi di serie A. Oggi a Verona, Napoli e Livorno sembrava la sagra della porchetta. Secondo motivo: si inizia a parlare più di mercato che di campo. E',...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510