VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Inter e Juve: tutti sicuri di avere Cerci. Kakà-Adel-El Shaa: partita a scacchi. Samp-Inter: Kovacic, l'idolo di Sinisa. Napoli, tutti vicini a Jolanda De Rienzo. Destro-Roma: in quella manata la foga di tutta la stagione

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
12.04.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 36587 volte

Alessio Cerci, il giocatore di tutti. Adesso è del Toro e dall'ambiente granata sale fiero l'urlo di battaglia: no, alla Juve no, questa volta non lo diamo. Interroghi l'ambiente juventino e affiora tutt'altra sicurezza. E cioè è presto detto, Cerci viene da noi nell'ambito degli accordi su Ciro Immobile. Si tratta di buoni rapporti collaudati nell'operazione Ogbonna. Siccome in questo caso due più due non fa quattro, continui il giro d'orizzonte e scopri che Cerci, proprio lui, lo stesso giocatore che non va alla Juve anzi sì viene da noi..., è già dell'Inter. Si è già nostro, filtra dagli ambienti interisti, si tratta di accordi già definiti quando è arrivato D'Ambrosio. Peggio del cubo di Rubik. Un fatto è certo: Cerci piace parecchio e difficilmente resta al Toro. Ma se c'è qualche altro che è certo che Alessio vada nella sua squadra, faccia pure un passo avanti. C'è posto.

Il riscatto di Rami e Taarabt è sempre d'attualità per i media che seguono il Milan. Adriano Galliani, attento ai prezzi e agli equilibri, non ne parla. Gli interessati hanno invece affrontato l'argomento. Attenzione, con accenti diversi. Rami: non mi interessa di niente e di nessuno, io resto al Milan. Taarabt: vediamo, parleremo, io voglio dare il massimo. I tifosi rossoneri fanno gli scongiuri. A sua volta non parla del futuro un certo Ricky Kakà. Ma l'amore per il Milan, il miglioramento della squadra e dell'atmosfera societaria fanno vedere sempre più rossonero il 2015 al Bambino d'oro. E poi c'è El Shaarawy, il più giovane rispetto a Taarabt e Kakà e il più strutturato contrattualmente: non è in prestito e non ha l'accordo in scadenza né oggi né fra un anno. Quindi, niente Napoli e niente Torino. Faraone tutto rossonero. Se il Milan resta in Europa c'è posto per tutti e tre, se il Milan non dovesse farcela, potrebbe iniziare una sottile, delicata, partita a scacchi. In ogni caso Taarabt gioca sempre. Proprio lui ha spiegato, dicendo la verità, i motivi per cui Mister Seedorf non lo ha schierato contro Parma e Lazio. Niente di contrattuale, nessuna clausola, nessun tetto di partite, niente obblighi rossoneri a seconda di un certo numero di partite giocate. Come volevasi dimostrare.

Se prima di Sampdoria-Inter, chiedessero a Sinisa Mihajlovic qualche giocatore vorrebbe nella sua squadra, le puntate sulla sua risposta avrebbero quota zero. Uno e solo uno: Kovacic. Per Sinisa, Kovacic non deve giocare davanti alla difesa, ma come regista/trequartista offensivo. Eppure il suo attuale allenatore, Walter Mazzarri, lo ha sgridato pubblicamente dopo una partita in cui lo ha schierato davanti alla difesa, niente meno che Juventus-Inter. Il giovane talento nerazzurro viene schierato un po' all'incontrario: in panchina nelle gare in cui l'Inter deve fare la partita e al centro del gioco ma in posizione arretrata quando l'Inter deve costruire una partita accorta. Kovacic per Mazzarri rischia di essere quello che è stato Henry per Ancelotti...

Può capitare all'ospite di una trasmissione televisiva di non essere d'accordo con il conduttore, o al conduttore stesso di non esserlo con un proprio collaboratore o un proprio ospite. Ma per amore del proprio lavoro e per il bene della trasmissione, si accetta e si affronta tutto. Anzi, si discute fino in fondo e si rende la vicenda accessibile a tutti, senza lasciare nulla di inespresso. Il conduttore della trasmissione tv napoletana in cui Jolanda De Rienzo è stata zittita ed esposta al pubblico giudizio per il rapporto che ha diritto di avere nella propria vita privata, non ha reso un buon servizio alla televisione stessa. Si è arroccato, ha messo alla porta i telespettatori, non tanto e non solo la collega. Il telespettatore aveva il diritto di sapere, sui punti, sui contenuti, se Jolanda la pensava in un modo oppure in un altro perché emotivamente coinvolta cosa della quale è stata accusata. Intanto la fermezza con cui ha sostenuto il contradditorio, ha mostrato chiaramente che di emotivo nel suo stato d'animo non c'era proprio nulla. Invece, spalleggiato inizialmente sul tema da Luciano Moggi, il conduttore della trasmissione ha deciso per la collega e le ha ordinato di lasciare lo studio. E' parso, dagli stralci dei filmati sulla rete, che anche il pubblico non fosse d'accordo con la "cacciata". Insomma, è curioso scoprire cammin facendo che Jolanda è coinvolta nelle vicende del Napoli: peraltro Frustalupi, assistente di Mazzarri all'Inter, è un professionista misurato e ponderato, lontanissimo dalle luci della ribalta, e oggi lavora con serietà per un altro Club senza aver mai fatto nessun tipo di polemica su qualsiasi fronte. Lo si sarebbe dovuto stabilire all'inizio del ciclo di trasmissioni, il coinvolgimento emotivo. Se la De Rienzo è stata invece ritenuta professionalmente in grado di partecipare al programma, deve poter dire la sua, non può rimanere vittima di un silenzio finto e prefabbricato. Non è televisione, non è vita. Piuttosto, in maniera ancor più trasparente, si segnala al pubblico il suo legame sentimentale e poi si ascolta la sua opinione. Tocca al pubblico stabilire se il suo giudizio è viziato o meno da aspetti emotivi, a nessun altro.

Mattia Destro va capito. Ha stretto i denti per tanti mesi. Ha temuto che il suo infortunio non finisse mai. Ha sofferto e palpitato per il Mondiale, temendo di perderlo. E sul più bello si è ritrovato bello, forte, lanciato, prolifico. Non ha retto del tutto, probabilmente, al cambio del colore della sua stagione e ha vissuto con foga, quasi bulimica, un normale contrasto di gioco fino a dare una manata non vista dall'arbitro. Mattia lo ammetta e eviti che il confronto juventini-romanisti sfoci nella solita guerra civile a sfondo calcistico del bel Paese. La partita in cui l'arbitro non ha visto il suo colpo ad Astori, altro ragazzo serio come Destro, era Cagliari-Roma. La Juventus non giocava. Con tutta la stima che si deve a Garcia, alla Roma e a tutto il popolo giallorosso per la splendida stagione, prima finisce questa diaspora e meglio è per il Campionato. E per il nostro calcio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.