VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
09.01.2017 09.22 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 159981 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non ti ho detto... "Gagliardini non è convocato perché la prossima settimana Percassi lo vende all'Inter e - se si fa male - non posso rischiare che Percassi poi non dia questo pacco ad Ausilio". Spieghiamoci meglio: Gagliardini non è un pacco ma la trattativa sì. La Juventus si frega le mani e il Milan, poveraccio e senza padrone, se la ride sotto i baffi. Ormai le trattative dell'Inter sembrano diventate una barzelletta. Immaginate di andare ad un'asta per un quadro di Picasso. Mi presento elegante e con il papillon. Il mio primo lancio è di 1.200 euro. Poi c'è un tizio, dietro di me che rilancia: 2.000. Io mi infervoro. 3.000!!! Poi, per evitare che quel tizio mi batta, insisto: 4.000... 6.000.... 9.000. Stop!!! 50.000 euro è la mia ultima offerta per il quadro. Aspetta un attimo... Chiedo al banditore d'asta. Il tempo di voltarmi e il tizio non c'è più. Accidenti, avrei potuto chiudere a 3.000. Ho pagato il quadro 50.000 euro. E adesso vuoi vedere che devo anche dare la mancia a chi mi ha fatto entrare? Scusatemi, sono sobrio. Giuro, neanche un goccio di prosecchino. Gagliardini rischia di costare all'Inter più di quanto sia costato Dybala alla Juventus: rapporto qualità, prezzo e minuti giocati. Voglio specificare ancora una volta che le qualità e la prospettiva di Gagliardini non sono in discussione, ma il prezzo sì; a maggior ragione se la concorrenza non era così agguerrita. Non mi risulta una Juve pronta a fare follie o il Milan disposto ad arrivare a cifre importanti. Dopo Kondogbia, un altro acquisto a cifre folli. Così come Joao Mario a 43 milioni di euro e Gabigol a 32 milioni. Tutti calciatori forti, attenzione, ma se vendessi la mia BMW a Pedullà a 150.000 euro, secondo me Pedullà sarebbe un pirla e non ho detto che la mia macchina ha il motore a pezzi o non va oltre i 130 km/h. E' una buona auto ma a 150.000 Pedullà si compra due Porsche Panamera. W Percassi, che tra Caldara e Gagliardini mette 50 milioni a bilancio: con quei soldi costruisca uno stadio all'Atalanta che non può andare avanti con un impianto così vecchio. W il Genoa che incassa per Rincon dalla Juve e per Pavoletti da Napoli, mentre acquista Morosini dal Brescia e Beghetto dalla Spal, facendo girare la moneta interna. In serie B si possono fare grandi affari e dovremmo essere tutti più bravi a pescare dalle categorie inferiori. Si risparmia e si alimenta il mercato interno. La A può acquistare dalla B, la B dalla C e la C dalla D. Così possiamo cambiare il nostro sistema. Perché è interesse di tutti far sì che il pallone continui a rotolare. Una parentesi che non c'entra nulla con il titolo dell'editoriale. Tavecchio è stato bastonato dai critici per aver detto: "Mi auguro che le due milanesi tornino in Champions". Tavecchio, da Presidente Federale, non ha gufato Roma e Napoli ma ha detto una cosa intelligente: Milano muove, insieme alla Juve, il motore della macchina italiana, se continuano Milan e Inter a stare in vacanza sicuramente il calcio italiano ci metterà più tempo a tornare competitivo. La Juventus nel frattempo deve battere un colpo da Juve. Ma un colpo vero. Passi l'operazione Rincon, va bene la cessione Evra, ma i miei amici Marotta e Paratici hanno bisogno di un esterno sinistro e di un centrocampista forte. Solo rinforzi di classe e qualità. Mezze operazioni, ad Allegri, non servono a nulla. La Juve deve credere maggiormente alla conquista della Champions League quest'anno, perché davvero può essere la volta buona. Se, però, ci credono i tifosi ci devono credere anche i dirigenti. Questo è un rimprovero che facciamo ad Agnelli-Marotta-Paratici. Basta dire "proviamo ad andare più avanti possibile in Europa". No! Sbagliato! Una società che vince per cinque anni consecutivi lo scudetto e, in estate, si è rinforzata a suon di milioni di euro deve avere la forza di dire pubblicamente che l'obiettivo è la vittoria finale, creando convinzione nel gruppo e sicurezza all'ambiente. Basta con i tentativi, questa squadra può farcela davvero.
L'Inter vince a Udine, l'Atalanta stravince a Verona, il Milan mentre scrivo sta giocando e la Juventus giocherà stasera. Napoli-Sampdoria, di ieri sera, però l'ho vista tutta. Anche le lacrime di Ferrero a Sky. C'era il microfono di Ugolini che quasi quasi chiedeva un phon per asciugarsi. Premesso che la Samp mi è piaciuta tantissimo, premesso che Muriel resterà un fenomeno incompiuto perché non ha la testa che lo aiuta, premesso che Giampaolo non allenerà mai una grande, premesso che il Napoli non meritava la vittoria, Ferrero ha perso un'altra occasione per andare prima al ristorante a cenare. Ha detto che non voleva polemizzare e poi ha sputato solo veleno. Che Di Bello sia scarso lo sappiamo tutti e lo abbiamo visto anche ieri sera, ma anche il Napoli esce penalizzato. L'espulsione sicuramente ha cambiato il volto della gara ma con quella corsa di Silvestre era probabile cadere nell'inganno. Non andava espulso, siamo d'accordo, ma da un commento a tutto lo sproloquio di Ferrero ce ne passa. Cosa farà Ferrero quando avrà un arbitraggio a suo favore? Nulla, se non qualche macchietta con il fazzoletto in testa.
Ultimo pensiero della settimana, prima di iniziare la seconda settimana di calciomercato: vi aspettiamo tutte le sere, alle 23.00, su Sportitalia, nella casa del calciomercato dalla A alla Lega Pro. Basta alle mogli addette stampa che, tramite social, devono difendere i mariti. Sono un estimatore della "4ciocche". Bellissima ed intelligente, però sinceramente la preferisco al fianco di Roul Bova che nei panni di avvocato del diavolo. Se Aquilani scrive una cosa e lei sotto ne scrive un'altra mi dà l'impressione che lei non si faccia gli affaracci suoi e che Aquilani abbia recitato e non abbia espresso il suo reale pensiero. Aquilani ha preso una parabola discendente e la "4ciocche" dovrebbe capirlo da sola. Siccome Michela non è la prima, bensì l'ultima di una lunga serie, aspettiamo impazientemente la prossima WAG che sui social intervenga a favore del povero maritino che non ha la lingua, e forse non solo la lingua, per esprimere ciò che pensa veramente.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.