VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Inter, la misura è colma: Mancini e Ausilio "taglia-tutto". E Icardi ha deciso! Berlusconi: 2 condizioni e un "nome" per vendere il Milan (ma attenti a Pippo...)

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
07.04.2015 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 46166 volte
© foto di Federico De Luca

Oggi è nettamente uno dei giorni più difficili dell'anno, ergo: editoriale veloce e leggero. Dice: "Oh tu stronzone, perché favelli di giorni difficili? Cosa mai accade oggi?". Non accade un bel nulla, semplicemente l'italiano medio è reduce dal weekendone, quello straripante, quello che te ne fotti della linea e delle regole perché tanto "c'è tempo, martedì si vedrà". Ecco, oggi è martedì.

Esempio di weekendone tipo. Venerdì: ore 17, gesti dell'ombrello al capo distribuiti tipo "raffica di Honda" (non il giappo del Milan, bensì il cicciabomba di Street Fighter che mulinava il braccio a far male). Ore 18, aperitivo come se non ci fosse un domani con sequenze micidiali del genere spritz-bicchiere di rosso-chupitone di assenzio della Lidl-scolo di lavandino-birrona alla spina a lavar via il tutto. Ore 20, raggiungi in condizioni vergognose mare, montagna, lago o città d'arte a seconda delle preferenze e continui a bere. Ore 23, coma etilico "ma tanto domani non c'ho un cazzo da fare". Sabato: fingi di voler fare qualcosa di istruttivo nel luogo di villeggiatura. Se sei rimasto a casa non fingi neanche. Cominci a pensare alla Pasqua. Molli gli ormeggi. Mangi e bevi ben sapendo che lo farai anche domani "ma a Pasqua si può". Domenica (Santa Pasqua): c'è il sole? Mangi come una bestia all'aperto tutto il giorno. Piove? Mangi come una bestia al chiuso tutto il giorno. E poi bevi, parli coi commensali dell'aereo caduto, di Corona che è ancora in carcere "perché se l'è cercata ma in giro ci sono gli assassini", del Milan cinese o thailandese, quindi lasci spazio a quello che "io l'avevo detto che doveva restare Mazzarri ma mi prendevate tutti per il culo". Poi, vittima di colossali digestioni, ti addormenti e ti risvegli e ti addormenti e ti risvegli come se fossi un abat-jour. Fai schifo insomma, ma tanto "domani è Pasquetta e non c'ho un cazzo da fare". Nel frattempo hai già preso due taglie e la tua igiene personale lascia molto a desiderare. Lunedì (Pasquetta): se hai in programma la gita fuori porta mangi e bevi fuori porta. Altrimenti mangi e bevi a casa. Col rimorso però "perché domani si lavora. Orcaeva". A sera i sensi di colpa si inseguono tipo Vale con Dovizioso: "Non dovevo mangiare quel mezzo capretto abbandonato sulla griglia. Subito dopo la colomba poi… Tra l'altro la colomba era viva, non si fa". Oppure: "Mannaggia a me che ho accettato la scommessa dei 125 ovetti inghiottiti in meno di due ore ma con su la stagnola". Oppure: "Venerdì dovevo fermarmi al terzo gesto dell'ombrello, domani mi sa che son cazzi".

E infatti son cazzi, ma neanche troppo però, perché tutti (capo compreso) son concentrati sulla clamorosa decisione di Mancini nel post Inter-Parma: "Domani ci si allena alle 8.30. Per almeno 50 minuti tra l'altro! E ci si allena anche a Pasquetta!". Roba che la Campagna di Russia a confronto passerà alla storia come una passeggiata al parco.

E quindi ci ritroviamo a parlare di Inter, di una situazione a detta di tutti vergognosa e che però non ha un solo responsabile. Di chi è la colpa? Di Mancini che ha sopravvalutato se stesso e pensava "questi qui son scarsotti ma con me in plancia il quinto posto è cosa certa"? Dei giocatori "dell'Inter" che "da Inter" hanno solo lo stipendio ma rendono meno dei colleghi del Lumezzane? Della proprietà che tutti dicono essere l'unica con due presidenti (Thohir e Moratti) ma quando c'è da metterci la faccia va in onda il "fuggi-fuggi" e, anzi, compaiono articoli "scarica-responsabilità" su prestigiosi quotidiani nazionali? O forse il disastro nerazzurro è conseguenza di una "combo" micidiale di tutte le precedenti?

Probabile che sia così, che la colpa sia di tutti, solo che dar la colpa "a tutti" significa di fatto darla "a nessuno" e così non vale. Alla fine della stagione mancano 8 partite e un derby, l'unico obiettivo (se di obiettivo si può parlare) è riuscire a non far peggio del Milan più sciagurato dell'era Berlusconi, a meno che Mancini non se la senta di dire che "l'Inter ha ancora il 40% di possibilità di accedere alla prossima Europa League". Non pensiamo oserà tanto, rischierebbe le pernacchie.

Siamo alle solite. Col senno di poi era il caso di continuare con Mazzarri? Il sottoscritto è moderatamente convinto che con Walter l'Inter probabilmente avrebbe qualche punto in più, forse molti di più, ma comunque non sarebbe "vera Inter". Cambiare è stato giusto, semmai l'errore è stato fatto il giorno del rinnovo del contratto allo stesso Mazzarri, un tecnico sinceramente bravo (così tanto che è pronto per la Roma) ma solo quando si tratta di gestire una squadra nata per soffrire. E infatti l'Inter di Mazzarri era nata per soffrire, quella attuale invece non soffre neanche più, è defunta. Ci si attacca alla prossima, quella che a detta di chi la sta "modellando" dovrebbe riacquistare la mentalità vincente assente ormai da troppi anni.

Dice: "Senza grano non si va da nessuna parte". Vero. Ecco perché è logico immaginarsi che Thohir dopo aver sganciato 60 milioni per la gestione ordinaria del club, presto ne verserà altri 30 per dar credito alle parole di Mancini, quello del "lotteremo per vincere lo scudetto". Che è come se uno di noi dicesse "Proverò a farmi Melissa Satta". Lo puoi dire, ma è facile che tu finisca col prendere due sganassoni da Boateng.

Il resto toccherà ad "Ausilio mani di forbice": a giugno l'Inter taglierà una decina di rami secchi (ma sarebbe meglio dire "svenderà" per liberarsi degli ingaggi). Icardi? No, l'argentino resterà. Il rinnovo del contratto (scadenza attuale giugno 2018) tarda ad arrivare, ma dipende dal fatto che il ragazzo vorrebbe farsi riconoscere il nuovo stipendio (2,8 milioni più bonus) già da quest'anno. Troveranno un accordo. Per altri invece è pronto il benservito: Mancini li ha provati, spostati, motivati e, infine, si è rotto le balle. L'Inter senza veri leader nello spogliatoio (due lire a Cambiasso si potevano anche dare…) a giugno ricomincerà ancora una volta da zero, sperando che la prossima volta non sia più quella delle sveglie alle 8.30 dopo una sconfitta, ma quella delle sveglie alle 14 dopo sbronze ciclopiche per festeggiare qualche vittoria. Cosi diceva tal Giacinto Facchetti: "Ci sono giorni in cui essere interisti è facile, altri in cui è doveroso e giorni in cui esserlo è un onore". Ecco, lui probabilmente il giorno di Pasqua si sarebbe allenato per i fatti suoi anche dopo una vittoria. Pensa te che scellerato…

Il Milan ha trovato la seconda vittoria filata. Non sarà molto ma in tempi di vacche magre son soddisfazioni. Per chi? Soprattutto per Inzaghi, ovvio, massacrato da tutti (anche dal sottoscritto) e ancora al suo posto. La valutazione sull'operato del tecnico resta negativa, ma possiamo garantirvi che i capoccia di casa Milan (Silvio in particolare) non hanno ancora preso alcuna decisione a proposito del futuro della panchina rossonera. Il motivo è chiaro, ad Arcore si riflette sulla cessione del club, non c'è spazio per altro. La conferma di Pippo resta molto difficile, ma al momento la sua posizione è "congelata" o quantomeno "offuscata" dalle questioni cino-thailandesi.

La faccenda è piuttosto chiara anche se così non sembra. Silvio "gioca" con due cordate: quella capitanata dal thai Mr Bee e quella gestita dal cinese Mr Lee (rappresentante, tra gli altri, del re dell'energy drink Mr Pink). Fino al 30 aprile tutti i Mr del caso possono controllare i conti del club per effettuare quella che in termini tecnici si definisce "due diligence". Sempre entro la fine del mese gli orientali possono avanzare la rispettiva offerta (i thailandesi hanno già provveduto), quindi la palla passa a Berlusconi, che entro metà maggio ci farà sapere. Probabile che l'attuale patron decida di cedere una minoranza "a salire" nel corso degli anni. Note, invece, le condizioni: Barbara Berlusconi sarà il nuovo ad con "vista sullo stadio". Sarà lei a consigliare (imporre?) Paolo Maldini come "nuovo Galliani". Resta da sciogliere il quesito più importante: trionferanno thailandesi o cinesi? Al momento sono in vantaggio i primi, ma un sorpasso è più che probabile. E le cifre? Siamo lontani dal paventato "miliardo e mezzo" per il 75% sparato qualche giorno fa, ma Berlusconi sta abilmente mettendo in piedi un'asta per raggiungere cifre comunque importanti (800 milioni). Ultima considerazione: che vinca una o l'altra cordata il desiderio di Berlusconi è chiaro: il nuovo stadio dovrà chiamarsi "Silvio Berlusconi". Un'esagerazione? Neanche troppo se pensiamo a tutto quello che il Milan ha vinto negli ultimi 28 anni.

In chiusura qualche "pillola" giusto per scavare sul fondo del barile.

-Di Benitez sapete già: lascerà Napoli e per il Napoli probabilmente un male non sarà. Chi scrive vi ha spesso detto di un abboccamento con Montella per la prossima stagione. L'abboccamento (vecchio qualche mese) c'è stato, ma nelle ultime settimane Mihajlovic ha decisamente superato l'Aeroplanino (a sua volta confermatissimo e felice a Firenze) tanto che i soliti "beninformati" parlano di un pre-accordo già firmato tra De Laurentiis e blucerchiato. Chi vivrà vedrà…

-Alla Samp arriverà Di Francesco? Pare proprio di no. Il colloquio con Ferrero non ha convinto l'attuale tecnico del Sassuolo che invece si piazzerebbe sulla panchina del Bologna in caso di promozione in serie A.

-Situazione Pogba. A Parigi cicaleggiano di un'offerta ufficiale spedita alla Signora. Balle. Dovesse mai arrivare la Juventus avanzerebbe le sue pretese: Cavani, Verratti e quattrini. Poco?

-Applausi scroscianti al direttore sportivo che mai vorresti incontrare per strada dopo le otto di sera: Igli Tare. Uno che tace, appare poco, spende il giusto e attualmente mette sul piatto il seguente tris di baby fenomeni: Anderson, Keita, Cataldi. Più Pioli, il mister che "la Lazio ha scelto Pioli. Andrà tutto a puttane entro Natale". Probabilmente l'ho scritto io tra l'altro. Ehm...

Saluti a tutti. Anche Pasqua è finita. Si porta via sacrosante magnate e soprattutto ci leva dalle balle i professionisti degli "auguri ad ogni costo". Insopportabili.

"Buona Pasqua!"
"Grazie... Scusa, ehm, non mi è uscito il nome sul cel. Chi sei?".
"Sono il Mario! Che pirla che sei!"
"Ah... il Mario... E senti Mario da quant'è che non ci sentiamo?"
"Da Natale! Ora scusa, son di corsa. Ti chiamo a Ferragosto!"
"Se vuoi facciamo direttamente ai Morti".
"Ahahaha che grande che sei Franco!"
"Ma io non mi chiamo Franco..."
"Ahahah ciao Franco, grande!"
"Ma, veramente..."
"Oh Franco hai rotto il cazzo, devo chiamarne altri centotrentasei. Buon anno a te e famiglia"
"Ma è Pasq..."
Appende.

Buon Ferragosto a tutti (Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.