HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Inter: Mancini-Ferguson, possibile Mihajlovic. Balotelli a Inter, Milano, Italia: voglio tornare. Agnelli-Conte: Allegri può mediare. Milan: Pazzini non si muove. Ischia: l'Isola in crisi attende Zavaglia

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
22.11.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 30568 volte

Roberto Mancini si è presentato in maniera molto sobria ed equilibrata. Gli anni british lo hanno fatto crescere. Meno spigoloso, meno avventato. Del resto il Mancio ha allenato a Manchester, là dove per anni sulla sponda opposta ha regnato Sir Alex Ferguson all'insegna del più puro aplomb britannico. In un doppio ruolo: quello di santone della panchina e di manager-nume tutelare del mercato e della dirigenza. Ruolo che al City era dello stesso tecnico di Jesi. Che in cuor suo ci ha preso gusto. Sa bene, Mancini, quanto sia difficile fare mercato oggi per qualsiasi squadra italiana. Lui poi ha sempre subìto il fascino del colpo che non ti aspetti, del giovane da portare nella sua squadra prima degli altri. La voce è forte: in estate Mancini e l'Inter potrebbero aggiornarsi, il rapporto potrebbe evolvere. Campo e scrivania, scrivania e campo per costruire una squadra interista giovane e proiettata verso il futuro, senza spese folli. Da Manchester a Milano: un Mancini alla Ferguson. E l'allenatore? Che domanda! Il solito importante punto di riferimento per il Mancio. Un tecnico che è nato e cresciuto insieme al nuovo tecnico interista e che sta facendo benissimo in riva al mare. E se a Sinisa Mihajlovic dovessero fischiare le orecchie, ebbene sì. Il riferimento è proprio a lui.

In Campania, dalle parti di Ischia, quando il telefono suona libero, si dice che il telefono "bussa". Ecco, Mario Balotelli chiama e bussa a molte porte. Sembra che a Liverpool proprio non si trovi. Le ultime situazioni azzurre non lo hanno agevolato, ma fra le altre cose Supermario pensa che giocare in Italia possa rendere più fluido anche il rapporto con la Nazionale. Il Liverpool non può prestare o cedere sotto costo il giocatore al Club da cui lo ha appena prelevato, per cui il Milan è fuori dai giochi. Anche la Juventus: Allegri sa quanto sia dura la gestione di Mario Balotelli. Ne restano quattro: l'Inter di Mancini, il Napoli e la sua piazza cara a Mario per tanti motivi, la Roma nel caso in cui dovesse partire Destro e la Fiorentina che, vedi Micah Richards, con il calcio inglese ha già imbastito diverse operazioni negli ultimi anni.

Antonio Conte è finito in mezzo. E non è abitato. Vuole indirizzare, controllare. La sua situazione umana e professionale in uscita dalla Juventus lo ha messo in attrito con un grande potentato tecnico italiano. E non gli ha giovato accettare la chiamata da una presidenza federale della quale Andrea Agnelli è tutt'altro che grande elettore. Sente la Juventus lontana. Ne avverte il clima di diffidenza. Si sente allo scoperto, poco protetto, poco tutelato. Lo ha sopportato per le prime settimane. Anche troppe per il suo carattere. La risposta-ghiacciolo del presidente Agnelli ha chiarito una volta per tutte che il destinatario del suo sfogo era uno e solo uno: la Juventus. Toccherà ad Allegri, che è tra i primi a non condividere certe modalità nell'organizzazione del lavoro di Conte, mediare e smussare. Per il bene dei suoi giocatori che alla Nazionale ci tengono. Non sarà facile, ma l'umore del Ct azzurro migliorerà quando finalmente ci sarà la prima visita a Vinovo. E pensare che era Agosto quando le grandi rivali Milan e Inter gli spalancavano sorridenti le porte di Milanello e Appiano...Fra un mese è Natale...

Tante voci di mercato, ma ai tifosi rossoneri arrivi il concetto forte e chiaro: Pazzini non si muove. Come del resto avevamo scritto qualche settimana fa, la prima preoccupazione del Pazzo è rafforzare il suo legame con il Milan. E non a caso dopo le rassicurazioni di Adriano Galliani di ieri, il centravanti rossonero è parso più rinfrancato. Tranquillizzato. Quindi niente Pazzini-Okaka e niente Pazzini-Matri. Ripetiamo: Pazzini non è sul mercato. E a centrocampo? Decide il generale Gennaio...

Esonerato Porta, è arrivato Agenore Maurizi sulla panchina dell'Ischia. La squadra è in caduta libera e il rendimento del nuovo tecnico, esperto di calcio a 5, è tutto da verificare. Porta ha pagato sia gli ultimi risultati negativi che la contestazione dei tifosi gialloblù non convinti dalle scelte di mercato da lui ispirate. La squadra, in Lega Pro, porta ogni domenica 2000 tifosi allo Stadio con circa 600 abbonati: panorama di prim'ordine. La ribalta ischitana continua ad essere degna di nota. Però sul campo si sta raccogliendo quello che si semina in società. Il presidente non è più Taglialatela e il ruolo è vacante. Il pacchetto azionario è nelle mani di Vicki Di Bello che ha preannunciato nuovi ingressi societari nel corso del prossimo mese di Dicembre. La speranza è che Franco Zavaglia, noto procuratore sportivo, si interessi concretamente all'Ischia. Premesse e contatti c'erano già stati nei mesi scorsi con Gaetano Paolillo ma furono i conti a preoccupare. A Zavaglia e al suo circuito va presentata, nel caso, una società seria e solida. Forza Ischia, il calcio nazionale non può trovare una dirigenza varia ed eventuale. A Gennaio potrebbero arrivare nell'organico tecnico David Mounard (ex Foggia) e Ciro Ginestra, dalla Salernitana. I due nuovi potrebbero dare spessore ed esperienza ad una rosa troppo giovane (davvero troppo, caro Porta...). Intanto dopo i primi allenamenti, la mano di Maurizi sembra diversa. L'approccio nella tecnica degli allenamenti sembra molto positivo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.