VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Inter-Milan: 3 derby di mercato. Bonaventura: il Mino vagante. Rigori: Milan sotto schiaffo. El Shaarawy: regia di Jorge Mendes

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
02.01.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 46308 volte

E sono tre. Le voci di mercato che vedono Inter e Milan interessate allo stesso giocatore non se le fa mancare nemmeno questo mercato di Gennaio, una per reparto. Sul difensore juventino (ma perché dare ai bianconeri la goduria di un derby di mercato ad alto livello su una loro riserva?) Cáceres, i giornali danno in vantaggio i nerazzurri per subito e i rossoneri per Giugno. A centrocampo, il buon Adrien Rabiot con tanto di mamma pasionaria: appena il Corriere della Sera lo definisce ipotesi non campata per aria sul fronte Milan, ecco che l'Inter ne parla con il PSG a margine della sconfitta di Doha. Per finire Lavezzi, che a nostro giudizio potrebbe non finire in nessuna squadra italiana: l'ingaggio è elevatissimo e il suo entourage sembra partecipare alle trattative sopravvalutando molto il giocatore. Ma anche qui, freccia da una parte e freccia dall'altra, l'Inter ne parla con il solito PSG (Mancini dixit) e altri quotidiani annunciano un possibile incontro in Sede al Milan che è tutto da vedere se effettivamente si terrà. Tutti a piedi uniti su tutti per poi fare un disarmo bilanciato dividendosi i giocatori? No, molto più semplice. Le due milanesi possono fare solo un mercato di opportunità e di occasioni e per il momento sia da una parte che dall'altra solo pour parler e solo telefonate. E dagli umori di ogni singolo contatto, che chi chiama mette poi in circolo sui vari canali mediatici, può nascere tutto o niente. Sempre e comunque.

E anche per questo Natale, il buon Mino Raioia, notoriamente tiratissimo, non ha fatto pervenire ad Adriano Galliani la classica bottiglia di spumante delle Feste. Nemmeno quella. E chi ha elementi per affermare o dimostrare il contrario, sia il benvenuto. Ma non è questo il dettaglio. Non vogliamo scendere in polemica con chi è sempre stato serio e professionale nei confronti di Milan Channel, ma tutti sanno che da una delle parti siamo stati accusati di non conoscere i fatti sulla vicenda della procura di Giacomo Bonaventura. Dall'altra, il buon Jack ci ha letti e ringraziati dandoci atto di aver capito perfettamente la questione. Diamo conto di entrambe le posizioni, come è deontologicamente giusto fare. Perché vedete nel calcio non esiste la verità, c'è il calcio: che è un'altra cosa. Insomma, non sappiamo se Bonaventura sarà assistito o meno da Mino Raiola, ma se questo dovesse accadere è una scelta solo ed esclusivamente del ragazzo. E non sarebbe nemmeno una enclave rossonera quella di Raiola: ne avrebbe tre di rossoneri a titolo definitivo senza tener conto dei prestiti che vanno e vengono, eventualmente Jack oltre ad Abate e Donnarumma. Esattamente come Giovanni Branchini che ha Montolivo, Poli (il Milan ha detto no alle offerte per lui e Andrea rossonero dentro pensa solo a toccare quota 100 presenze ufficiali nel Milan, forza non manca molto!) e De Sciglio. Il Milan, come tutti, ha a che fare con tutti.

Oggi il Milan è il Milan solo quando va il presidente Berlusconi a Milanello. Per elettricità e sorrisi, sembra in questi casi che il Milan abbia appena vinto la coppa dei Campioni. L'augurio che ci facciamo per il 2016 è che lo stesso presidente Berlusconi riesca a tenere sotto l'asticella i suoi legittimi umori per i tanti soldi spesi e colga il senso del lavoro di Sinisa Mihajlovic. Persona onesta e perbene che ha fatto breccia a Milanello, in tutta Milanello: l'immagine natalizia della sua visita in Croazia ha preso il cuore di molti. Spiace che Galliani rischi di vivere gli stessi mesi, da scudo umano, vissuti per cohibentare finchè ha potuto Zaccheroni, Leonardo e Allegri. Quando i colleghi Ordine e Fedele sostengono e scrivono che ci sono dei ritardi sulla identità di gioco e sulla formazione tipo tra centrocampo e attacco, hanno perfettamente ragione. Ma pensiamo anche, fra un luogo comune e l'altro sputato sul Milan ogni 5 minuti da tutti i Siti del mondo, a tutto quello che Mihajlovic ha dovuto affrontare: le scorie di due anni di squadra frastornata e sballottata fra una scommessa e l'altra, un calendario duro in avvio il peggio che possa capitare a chi deve tentare di ricostruire, i lunghi infortuni soprattutto di Niang e Bertolacci, ma anche di Menez e Balotelli. Senza contare le tre espulsioni cotte e mangiate a Firenze, Genova e San Siro con tanti minuti in 10, le cinque ammonizioni (tre da impazzire) a Bonaventura sottratto dal Giudice Sportivo a Sinisa proprio nella partita in cui le forze erano contate ovvero contro l'Atalanta. E qui sta il punto. Mihajlovic è rimasto solo, almeno in pubblico, sul tema arbitri nel post partita del Verona. Ma è un tema che esiste, come urlano il gol regolare annullato a Bacca a San Siro e i tre rigori non dati al Milan contro Carpi, Verona e Frosinone come ha poi condiviso, sul punto di imbarcarsi per il Brasile, lo stesso Galliani. Quindi? Complotto? Scelte politiche federali del Milan fatte pagare dalla classe arbitrale? Errori puri e semplici? Nulla di tutto questo. Milan, guardati. Gli arbitri ti danno o non ti danno se ne hanno voglia, la tua eco è flebile. Qualsiasi cosa dici sul tuo 2015 arbitrale (10 rigori fischiati contro le maglie rossonere, solo 5 contro Napoli e Fiorentina), la ricetta è già pronta: è un alibi. Perché un minuto dopo ci si chiede se tutto il Milan la pensa allo stesso modo, perché un minuto dopo si dà più risalto alla contestazione (che poi è una partecipazione attiva alle vicende della Società) della Curva, perché un minuto dopo fanno notizia i fischi a Montolivo come il buon Pellegatti faceva giustamente notare proprio qui in settimana. Un episodio arbitrale sfortunato contro la Juventus, granitica e ben appoggiata editorialmente per le sue scelte di fondo fra uno schieramento televisivo e l'altro, fa uscire l'arbitro dallo Stadio con qualche pensiero. La stessa cosa contro il Milan si risolve in un sorrisetto sereno in coda alla gara. Tra problemi, errori, ritardi e contrattempi tutti in capo al Milan, lo scenario che abbiamo descritto è comunque costato 4/5 punti. Guardate la classifica e fate i conti.

Riecco Jorge Paulo Mendes, il potentissimo procuratore sportivo portoghese. Quest'estate ha espropriato e avocato a se la trattativa J.Martinez-Milan che era stata chiusa verbalmente fra Henrique Pompeo e il Club rossonero per indirizzare, in chiave anti Doyen, il giocatore a Madrid. E l'Atletico, se oggi potesse, farebbe volentieri a cambio fra lo stesso Jackson e il 10 volte in gol (9 Campionato e 1 Coppa Italia) Carlos Bacca. Ma non si può e comunque non è questo il punto. La scorsa estate proprio lui, proprio Mendes doveva essersi perso qualcosa. Ed era probabilmente l'unico colpo di coda dello stesso Milan sul mercato in uscita, quell'El Shaarawy a Monaco allenato dal suo, di Mendes, Leonardo Jardim. Risolvere, risolvere. Risolto. Anche Stephan finito in una vicenda più grande del campo e delle emozioni che lui ama.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.