HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Inter, Pioli l'uomo giusto... per 6 mesi. Bravo Montella, questo Milan è figlio tuo. Napoli, lite DeLa-Sarri: io sto con il Mister

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
07.11.2016 11.40 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 53756 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La metamorfosi dell'Atalanta è spaventosa: dal possibile esonero di Gasperini alla scalata. Il calcio è davvero strano e giustamente l'unica cosa che conta è il risultato. Il Sassuolo sta pagando quello che hanno pagato tutte le piccole squadre che si affacciano all'Europa. Se non sei attrezzato per il doppio impegno, in campionato rischi di brutto. Di Francesco è un ottimo allenatore ma con le squadre piccole certe competizioni non te le puoi permettere. E' brutto da dire ma è così: lo scorso anno, quello dei miracoli, sarebbe stato meglio finire qualche gradino più in basso. Siamo vicini alla svolta del rebus Inter. Anche se non ci prendiamo delle responsabilità, perché con i tempi che corrono ora scriviamo una cosa e poi succede l'opposto. I cinesi sembra che abbiano dato retta al management italiano: Stefano Pioli nuovo allenatore nerazzurro. Scelta più logica e forse saggia. Pioli conosce il calcio italiano anche se non è mai stato in un top club (non si offenda Lotito), ha avuto qualche problema con Candreva ma almeno è consapevole delle insidie che troverà lungo il cammino. Vi dico il mio pensiero: Pioli va benissimo per l'Inter, o meglio, per questa Inter. Ma o con De Boer, o con Marcelino o con Pioli la stagione difficilmente cambierà. L'Inter non corre alcun tipo di rischio, né nel bene né nel male. Ovviamente non teme la retrocessione ma non può avere neanche particolari ambizioni di raggiungere la zona Champions. Per questo serve un normalizzatore che conosca la lingua e la serie A. Avanti con Pioli, a patto che in questi sei mesi l'Inter studi per diventare grande e si faccia trovare pronta a giugno con una vera rivoluzione sul mercato e con un allenatore per costruire. La stagione, ormai, è andata e difficilmente potrà regalare gioie particolari. In teoria il tempo ci sarebbe, ma quello perso è stato troppo e anche le figuracce rimediate, ormai, sono una brutta etichetta. La società deve crescere. Per far crescere una squadra, a volte, basta poco. Cambi 2-3 calciatori e puoi ottenere la svolta. Lo stesso puoi fare con l'allenatore; lo sbagli, cambi e trovi quello giusto, ottieni una reazione. Ma se non c'è la società o la società si fa cogliere dalla paura, allora, sono guai. I cinesi non possono comandare il calcio dalla Cina. Possono prendere le decisioni più importanti, possono dettare budget e condizioni ma qui servono gli uomini di tutti i giorni. Gli uomini di campo. E' brutto e dispiace dirlo ma Ausilio, Gardini e Zanetti non riescono a gestire nulla di tutto ciò. In tre non compongono una figura completa. Dovrebbero avere maggiore potere ma dovrebbero anche meritarselo. Dall'uscita del libro di Icardi, alla scelta di De Boer, fino all'esonero dell'olandese e ai casting per trovare il suo sostituto, in un mese l'Inter è sembrata la Longobarda. Ripetiamo: sbagliare un calciatore o un allenatore ci sta, ma la cosa grave è non saper gestire le situazioni e dimostrare totale indecisione. Così si forniscono gli alibi ai calciatori, che è l'unica cosa che cercano, oltre lo stipendio a fine mese.
Nelle difficoltà emergono le personalità. E' il caso del Milan, dove Vincenzo Montella sta ottenendo grandi risultati con una rosa modesta e senza una società. Berlusconi ha chiuso il suo ciclo glorioso in rossonero, Galliani sta studiando per costruirsi un nuovo futuro calcistico, Mirabelli è in giro per il mondo per preparare i primi colpi invernali e Fassone è in Cina per organizzare bene la struttura societaria. Un allenatore qualunque lasciato solo andrebbe in crisi completa, Montella invece sta ottenendo grandi vantaggi da questa solitudine per mettersi tutta la squadra sulle sue spalle. Sta facendo un gran lavoro, senza interferenze; questa è la cosa più importante. Con i tempi che corrono Montella può provare anche il grande blitz e farebbe un bel regalo a Fassone e Mirabelli. Il primo posto sarà della Juventus, per il secondo c'è la Roma candidata forte, ma - in assenza del Napoli - il terzo posto che balla potrebbe essere la vera attrazione della stagione. Il Milan potrebbe approfittarne e sarebbe un risultato clamoroso, alla luce delle ultime stagioni, ma soprattutto del valore di una squadra non competitiva ma composta da giovani e da giocatori che ascoltano il proprio allenatore.
Mentre l'Inter prova a ritrovarsi, Juve e Roma sono felici di blindare rispettivamente primo e secondo posto e il Milan spera nel blitz per il terzo, il Napoli si è perso. Il Napoli non c'è più ed è bastato l'infortunio di un calciatore per far saltare il banco. Attenzione: non stiamo dicendo che Milik sia uno qualsiasi, però ricordiamoci che il calcio è un gioco di squadra. Milik poteva essere considerato importante e invece lo abbiamo riscoperto indispensabile. Qui il detto "tutti importanti, nessuno indispensabile" non vale, per una serie di ragioni. Rotto Milik si è rotto il giocattolo. Gabbiadini non è pronto per caricarsi Napoli sulle spalle, Higuain ha lasciato un vuoto enorme e la società ha sbagliato a non prendere due attaccanti. De Laurentiis quando va sotto pressione non riesce a gestire nulla e fa un casino dietro l'altro. Con Sarri ha sbagliato tutto. Dichiarazioni private e analisi di mercato spiattellate al mondo intero, braccino corto quando si trattava di prendere un attaccante in più e permaloso a più non posso. Sarri avrà mille difetti, ma non è impazzito che dice di no all'acquisto di un grande calciatore. Le storie vanno raccontate bene e per intero. De Laurentiis racconta sempre solo ciò che più gli conviene. Sta di fatto che il Napoli quest'anno rischia di buttare una stagione e il prossimo anno dovrà trovarsi un altro allenatore perché certamente - se questi sono i presupposti - il feeling sta per finire.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.