HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Inter, Pioli l'uomo giusto... per 6 mesi. Bravo Montella, questo Milan è figlio tuo. Napoli, lite DeLa-Sarri: io sto con il Mister

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
07.11.2016 11.40 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 53778 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La metamorfosi dell'Atalanta è spaventosa: dal possibile esonero di Gasperini alla scalata. Il calcio è davvero strano e giustamente l'unica cosa che conta è il risultato. Il Sassuolo sta pagando quello che hanno pagato tutte le piccole squadre che si affacciano all'Europa. Se non sei attrezzato per il doppio impegno, in campionato rischi di brutto. Di Francesco è un ottimo allenatore ma con le squadre piccole certe competizioni non te le puoi permettere. E' brutto da dire ma è così: lo scorso anno, quello dei miracoli, sarebbe stato meglio finire qualche gradino più in basso. Siamo vicini alla svolta del rebus Inter. Anche se non ci prendiamo delle responsabilità, perché con i tempi che corrono ora scriviamo una cosa e poi succede l'opposto. I cinesi sembra che abbiano dato retta al management italiano: Stefano Pioli nuovo allenatore nerazzurro. Scelta più logica e forse saggia. Pioli conosce il calcio italiano anche se non è mai stato in un top club (non si offenda Lotito), ha avuto qualche problema con Candreva ma almeno è consapevole delle insidie che troverà lungo il cammino. Vi dico il mio pensiero: Pioli va benissimo per l'Inter, o meglio, per questa Inter. Ma o con De Boer, o con Marcelino o con Pioli la stagione difficilmente cambierà. L'Inter non corre alcun tipo di rischio, né nel bene né nel male. Ovviamente non teme la retrocessione ma non può avere neanche particolari ambizioni di raggiungere la zona Champions. Per questo serve un normalizzatore che conosca la lingua e la serie A. Avanti con Pioli, a patto che in questi sei mesi l'Inter studi per diventare grande e si faccia trovare pronta a giugno con una vera rivoluzione sul mercato e con un allenatore per costruire. La stagione, ormai, è andata e difficilmente potrà regalare gioie particolari. In teoria il tempo ci sarebbe, ma quello perso è stato troppo e anche le figuracce rimediate, ormai, sono una brutta etichetta. La società deve crescere. Per far crescere una squadra, a volte, basta poco. Cambi 2-3 calciatori e puoi ottenere la svolta. Lo stesso puoi fare con l'allenatore; lo sbagli, cambi e trovi quello giusto, ottieni una reazione. Ma se non c'è la società o la società si fa cogliere dalla paura, allora, sono guai. I cinesi non possono comandare il calcio dalla Cina. Possono prendere le decisioni più importanti, possono dettare budget e condizioni ma qui servono gli uomini di tutti i giorni. Gli uomini di campo. E' brutto e dispiace dirlo ma Ausilio, Gardini e Zanetti non riescono a gestire nulla di tutto ciò. In tre non compongono una figura completa. Dovrebbero avere maggiore potere ma dovrebbero anche meritarselo. Dall'uscita del libro di Icardi, alla scelta di De Boer, fino all'esonero dell'olandese e ai casting per trovare il suo sostituto, in un mese l'Inter è sembrata la Longobarda. Ripetiamo: sbagliare un calciatore o un allenatore ci sta, ma la cosa grave è non saper gestire le situazioni e dimostrare totale indecisione. Così si forniscono gli alibi ai calciatori, che è l'unica cosa che cercano, oltre lo stipendio a fine mese.
Nelle difficoltà emergono le personalità. E' il caso del Milan, dove Vincenzo Montella sta ottenendo grandi risultati con una rosa modesta e senza una società. Berlusconi ha chiuso il suo ciclo glorioso in rossonero, Galliani sta studiando per costruirsi un nuovo futuro calcistico, Mirabelli è in giro per il mondo per preparare i primi colpi invernali e Fassone è in Cina per organizzare bene la struttura societaria. Un allenatore qualunque lasciato solo andrebbe in crisi completa, Montella invece sta ottenendo grandi vantaggi da questa solitudine per mettersi tutta la squadra sulle sue spalle. Sta facendo un gran lavoro, senza interferenze; questa è la cosa più importante. Con i tempi che corrono Montella può provare anche il grande blitz e farebbe un bel regalo a Fassone e Mirabelli. Il primo posto sarà della Juventus, per il secondo c'è la Roma candidata forte, ma - in assenza del Napoli - il terzo posto che balla potrebbe essere la vera attrazione della stagione. Il Milan potrebbe approfittarne e sarebbe un risultato clamoroso, alla luce delle ultime stagioni, ma soprattutto del valore di una squadra non competitiva ma composta da giovani e da giocatori che ascoltano il proprio allenatore.
Mentre l'Inter prova a ritrovarsi, Juve e Roma sono felici di blindare rispettivamente primo e secondo posto e il Milan spera nel blitz per il terzo, il Napoli si è perso. Il Napoli non c'è più ed è bastato l'infortunio di un calciatore per far saltare il banco. Attenzione: non stiamo dicendo che Milik sia uno qualsiasi, però ricordiamoci che il calcio è un gioco di squadra. Milik poteva essere considerato importante e invece lo abbiamo riscoperto indispensabile. Qui il detto "tutti importanti, nessuno indispensabile" non vale, per una serie di ragioni. Rotto Milik si è rotto il giocattolo. Gabbiadini non è pronto per caricarsi Napoli sulle spalle, Higuain ha lasciato un vuoto enorme e la società ha sbagliato a non prendere due attaccanti. De Laurentiis quando va sotto pressione non riesce a gestire nulla e fa un casino dietro l'altro. Con Sarri ha sbagliato tutto. Dichiarazioni private e analisi di mercato spiattellate al mondo intero, braccino corto quando si trattava di prendere un attaccante in più e permaloso a più non posso. Sarri avrà mille difetti, ma non è impazzito che dice di no all'acquisto di un grande calciatore. Le storie vanno raccontate bene e per intero. De Laurentiis racconta sempre solo ciò che più gli conviene. Sta di fatto che il Napoli quest'anno rischia di buttare una stagione e il prossimo anno dovrà trovarsi un altro allenatore perché certamente - se questi sono i presupposti - il feeling sta per finire.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo? 29.03 - Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro....
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.