HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Inter scatenata tra Ansaldi e Candreva (e incontra ancora il Sassuolo). Elkan blinda Pogba e parte la caccia al post Morata. Bologna grandi firme (più Di Francesco), Toro e Genoa primi colpi. Il mercato ci fa dimenticare la Nazionale

23.06.2016 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 41752 volte
© foto di Federico De Luca

Vabbeh, una bella partita di sicuro, quella dell'Italia non è stata. Consoliamoci allora con il mercato, che è stato, anche oggi, di sicuro più frizzante. Partiamo dall'Inter, protagonista di giornata.

Intanto è fatta per Ansaldi, che ha già fatto le visite mediche. Al Genoa andranno circa 3 milioni e mezzo di euro (più il cartellino di Laxalt, che il Genoa aveva già riscattato e che ora rientra nell'operazione). Al ragazzo tre anni di contratto più l'opzione per il quarto. Ma non è finita qui: perché continua la trattativa per Candreva. Il suo procuratore è andato a parlare con Lotito che ha ascoltato la modifica dell'offerta nerazzurra: si passa dai 16+2 ai 18 senza bonus. Il giocatore vorrebbe essere lasciato libero di andare, ora Lotito deve decidere se cominciare a parlare con l'Inter oppure se continuare a tenere duro per mantenere alta la quotazione del giocatore. Ma almeno un piccolo passo in avanti è stato fatto.

Tutto confermato invece per Berardi. C'è stato un incontro fra Ausilio (ds nerazzurro) e Angelozzi (ds del Sassuolo) in centro a Milano. Si è principalmente parlato di Ranocchia che al Sassuolo piace eccome. Ma l'Inter in prestito non lo cede, perciò se gli emiliani lo vogliono lo devono comprare. La novità in casa Sassuolo sono le parole del presidente Squinzi ai suoi direttori: dopo Vrsaljko non si muove più nessuno. No Berardi, no Acerbi, no Duncan. Il concetto è: non provate neanche a cederli, li abbiamo tolti tutti dal mercato. E il Sassuolo questo può permetterselo, considerando anche che dovrà approcciarsi per la prima volta con il palcoscenico europeo.

E' stata una giornata importante, come molte in questo periodo, per la Juventus. Intanto le parole di Elkann che ha confermato tutta la linea di Marotta di ieri: Pogba non abbiamo intenzione di venderlo. Ecco insomma la Juve la sua linea ce l'ha chiara. Questo non significa che il Real Madrid non farà offerte ma che si troverà di fronte una risposta non scontata. E senza fretta si comincia a programmare il dopo Morata, che potrebbe essere soggetto naturalmente a variazioni nel caso in cui veramente il Real dovesse affondare per Pogba. I nomi che si sono fatti in queste ore sono quelli di Alexis Sanchez, Cavani (se dovesse non rinnovare più con il PSG), Goetze (che però non convince più come a gennaio), Gabriel Jesus che la Juve sta seguendo da diverso tempo. E la sorpresa Immobile (che la Juve riprenderebbe in prestito e che ha il vantaggio di essere cresciuto nel settore giovanile Juventus). Di sicuro sarà una lista che si modificherà con il corso del tempo. Ma la Juve non è impreparata. Come non lo è sui giovani. Si sta profilando una sfida per Leonardo Morosini, del Brescia. La Juve vorrebbe chiuderla per 2 milioni e mezzo, tre milioni (ma bisogna aspettare che il Brescia ricapitalizzi). Altro giovane è Faragò del Novara: seguito molto da vicino, soprattutto dal Bologna ultimamente e su cui ha messo gli occhi anche il Sassuolo. Non escludiamo che la Juventus possa comunque inserirsi (anche in prima persona) e metterlo sotto la sua area di osservazione.

Giornata intensa anche per il Torino che ha trovato l'accordo con la Roma per l'acquisto a titolo definitivo di Ljajic (per 7/8 milioni) più il prestito con diritto di riscatto di Iago Falque. Lo spagnolo ha praticamente già detto sì, ora si aspetta la risposta del serbo per chiudere un doppio colpo per Mihajlovic. Mentre Glik è sempre più verso Montecarlo: offerti 9 milioni, il Toro ne vorrebbe almeno 11. Ma non siamo molto distanti.

Colpo del Genoa che ha preso Lucas Ocampos, talentuoso trequartista argentino del Marsiglia. Prestito gratuito diritto riscatto a 8 milioni. Ha già fatto le visite mediche. Le farà fra poco invece Di Francesco per il Bologna dal Lanciano per un milione e mezzo di euro circa. E continuano le grandi idee per l'attacco. Il nome che intriga di più è Giuseppe Rossi per il quale già si sono stati diversi approcci con il suo entourage. Poi Bigon sta lavorando a diverse piste interessanti: Suso, Iturbe, Edu Vargas e Nico Lopez. Per ora solo richieste di informazioni su cartellini e ingaggi, ma sono tutti giocatori che Bigon conosce benissimo.

La Roma mette Zabaleta come giocatore più interessante per andare a rinforzare la difesa in cima alla lista dei nomi usciti negli ultimi giorni. Nel frattempo ha rifiutato 15 milioni del Rubin Kaza per Sanabria (che piace, fra gli altri, anche al Tottenham).

Il Napoli continua a sperare nel sì di Lapadula, e continua a parlare con il Monaco per Fabinho (l'alternativa è sempre Meunier). Negli ultimi giorni rifiutati per Gabbiadini 25 milioni dallo Stoke City, mentre il West Ham se non riesce a chiudere Bacca, potrebbe virare proprio sull'azzurro.

Per Vrsaljko all'Atletico Madrid è tutto fatto: manca la firma del giocatore che verrà fatta durante l'Europeo.

Il Pescara guarda all'estero per rinforzare l'attacco: dopo il nome di Preciado ecco il tentativo per Matias Suarez, attaccante argentino dell'Anderlecht. Scadenza 2017, si cerca l'accordo prima con il giocatore e poi con il club. 68 gol e 62 assist in 241 partite con l'Anderlecht, ha 28 anni. In arrivo in biancoazzurro anche Cristante, dal Benfica in prestito.

Per il Milan bisogna aspettare la conclusione della vicenda societaria e la scelta dell'allenatore (ballano ancora Brocchi e Giampaolo). La Samp sta per chiudere Budimir e aspetta la risposta di Schick. L'Empoli è interessato insieme all'Udinese a Lasagna del Carpi, Davide Nicola rimane l'obiettivo numero uno per la panchina del Crotone. Ma bisognerà aspettare ancora.

Il Verona ha presto Wszolek dalla Samp e ha chiesto in prestito Bessa all'Inter. Ad Avellino hanno preso Omeonga dall'Anderlecht (centrocampista 1996), al Carpi piacciono Mbaye, Calderoni e Suagher, il Perugia tratta ancora Brighi e Vantaggiato, alla Ternana possibile a breve l'annuncio di Larini come ds.

Siamo nel pieno del mercato, nel pieno dell'Europeo. Tenetevi forte...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.