VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Intrigo internazionale per Mourinho, Berlusconi gela il Milan. Trotta scalda il mercato delle punte: è iniziato il valzer degli attaccanti...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
24.12.2015 08.00 di Luca Marchetti   articolo letto 70649 volte
© foto di Federico De Luca

Il Natale ci regala un intrigo di panchine a livello internazionale di primo livello. L'addio di Mourinho al Chelsea destabilizza tutte le squadre di alto livello che sono in difficoltà. Principalmente due: United e Real. Una probabilmente più a livello mediatico, vista anche la reazione di Van Gaal in conferenza stampa. Neanche 5 minuti di monologo in cui si ironizza pesantemente sul suo futuro, già scritto dai colleghi inglesi probabilmente anche attratti da un lungo derby di Manchester con lo Special One da una parte e Guardiola dall'altra. Ma le indiscrezioni più pesanti arrivano invece da Madrid. A Benitez non è bastato il 10-2 dell'ultima gara nella Liga per far innamorare il pubblico, ma soprattutto lo spogliatoio. I dirigenti Real starebbero concretamente pensando, appena finite le vacanze di Natale, di dare la panchina proprio a Mourinho. La squadra avrebbe anche già espresso il proprio parere (favorevole al portoghese) che gode anche di un rapporto molto stretto con Florentino Perez (nonostante l'addio di qualche anno fa).
Questo sì che sarebbe un clamoroso ritorno! Basterebbe già questo per rendere gustoso il Natale (visto che comunque un'altra sconfitta del Manchester United metterebbe veramente in crisi Van Gaal), ma naturalmente non è tutto. Sempre dall'Inghilterra, un paio di giorni fa, il Daily Mail aveva riportato una propria notizia secondo la quale Abramovich avrebbe detto ai suoi collaboratori: "fate di tutto per portarmi Guardiola la prossima stagione". Anche questo sarebbe clamoroso per due motivi: intanto perché Guardiola dovrebbe venire meno ad un impegno più che solido con i City e poi perché proprio Guardiola (dovesse mai accettare) andrebbe proprio in una delle case di Mou... Ecco, insomma, sotto l'albero avrete di che parlare!

Proprio prima delle feste invece a Roma hanno deciso di continuare con Garcia, almeno fino a giugno. Qui il fantasma di Mourinho c'è stato soltanto per poche ore. Forse è stato semplicemente un tentativo di qualche intermediario (senza autorizzazioni "ufficiali") ma comunque Garcia ha visto seriamente traballare la propria panchina e le voci di una sua sostituzione erano più che concrete, con sostituti contattati più o meno direttamente (Spalletti in testa). E' chiaro che una società importante come la Roma, una volta che decide di proseguire con il proprio allenatore non può che dire che rimane almeno fino a giugno. Ma è altrettanto chiaro che se alla ripresa del campionato il trend non dovesse invertirsi i dirigenti giallorossi dovranno incontrarsi di nuovo e discutere ancora sulla posizione del proprio allenatore.

Le parole di Berlusconi hanno invece gelato il Milan. Sarà un Natale povero e un mercato all'insegna della parsimonia. Prima vendere e poi comprare, ma anche dalle cessioni non aspettatevi un tesoretto in grado di poter ribaltare la fisionomia del Milan. Bisognerà essere scaltri e intelligenti, trovare gli uomini giusti per consegnare a Mihajlovic una squadra più adatta al nuovo 4-4-2.

Al Napoli invece De Laurentiis ha dato vigore: un arrivo ci sarà e perché no anche due. La lista dei centrocampisti l'abbiamo fatta già dalla scorsa settimana. I difensori pure. Bisognerà capire come procedono le trattative, passo passo. E soprattutto capire come avrà intenzione di muoversi Sarri.

Inter e Juve guardano alla finestra. Movimenti necessari non ce ne sono. Obiettivo prioritario dell'Inter sfoltire (per magari rientrare dei famosi 8-10 milioni) e poi eventualmente concentrarsi su una ciliegina. La Juve grandi necessità non ne ha. Anzi sì. Un centrocampista. Ma da Juve. E quindi o arriva il Gundogan di turno (ma il Borussia ha già detto no) oppure si aspetta giugno.

Non vuole aspettare invece Allison, portiere dell'Internacional. La Roma lo convince più della Juve (che lo terrebbe lì un altro anno) e allora sta spingendo per il trasferimento. Ma comunque sarebbe un arrivo per la prossima estate.

Gli attaccanti tengono banco anche sotto le feste: Trotta dell'Avellino lascerà la B e potrebbe accasarsi in A. Il Frosinone è la squadra più vicina, il Napoli ci sta pensando, al Sassuolo intriga, Atalanta meno interessata ma comunque iscritta alla corsa. Se a Frosinone non dovesse arrivare a Trotta, c'è la pista Floro Flores che però interessa anche al Genoa (sarebbe il terzo ritorno). Genoa che ha provato anche per Budimir (ma il Crotone ha detto no) e che è in corsa per Giuseppe Rossi che andrà sicuramente via da Firenze. Il Bologna in questo momento è avvantaggiata ma occhio alle spagnole (Betis e Real Sociedad).

La Samp punta al Leicester per farsi più forte: Benalouane e Inler (che non stanno giocando) gli obiettivi. E poi un po' di B: Avellino prenderà Sbaffo e Pucino. Per sostituire Trotta pensa a Comi e Piccolo. Lo Spezia segue Ammari del Latina. Siamo partiti, tenetevi forte!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.