VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Inzaghi: attaccatelo a più non posso. Meglio per il Milan. Destro-Handanovic: scambio Roma-Inter. Da Cerci a Mario Suarez: sempre derby. Serie A: senza Higuain e Pogba, dove si va?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
17.01.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 35858 volte

Avanti, c'è posto. Attaccatelo Inzaghi. Chiamatelo pure Inzarri, o Mazzaghi se preferite, accusatelo pure di fare calcio da contropiede. Cercate anche di umiliarlo scrivendo che allena il Milan solo perché costa poco o che può andare avanti solo con un tutor. Fate, fate pure. Questa deve essere la speranza dei veri milanisti. Perchè questo è il brodo di coltura in cui Inzaghi sguazza al meglio. Lui ha costruito una carriera di campo sulle critiche. Le ha convertite in adrenalina, gol, record, coppe, fama. Lo deridevano per la sua tecnica, gli dicevano che era finito nel 2004 per la cartilagine del ginocchio. Lo bollavano come cascatore, lo accusavano di inibire Sheva. E lui dritto verso l'allenamento del giorno stesso, verso il prossimo gol, lui e il suo fanciullino (l'amore che ha dentro di se per il calcio) pronti per l'appuntamento con il cielo di Atene. Questo è Inzaghi. Il bello deve ancora venire il suo motto. Le rivincite non se le prende a caldo. Le prepara con testa e cuore e al momento giusto se le gode per sempre. Dopo Milan-Sassuolo di coppa Italia ha anche detto: "Ho letto che l'anno scorso il Milan era a 17 punti dal terzo posto, finchè possiamo giocarci qualcosa ce la dobbiamo giocare". Non c'erano dubbi che Inzaghi capisse. E convertisse l'orribile Milan di Torino nella voglia pancia a terra di migliorare, di competere. Quel dato, di cronaca, lui ho la letto. Perché non lo ha ispirato. L'animo di Inzaghi, in panchina oggi come in campo una volta, è libero da conflitti ed è popolato solo da stimoli. Lui non chiama la Società e quindi il Sito, come è accaduto il 24 Febbraio 2014 alle 10:24. Quel giorno altre persone si preoccupavano di chiamare il Milan e quindi il Sito per ottenere la pubblicazione della seguente notizia: "Il Milan, dall'arrivo di Mister Seedorf, ha conquistato 13 punti in 6 gare. Nelle stesse 6 partite del girone d'Andata, i rossoneri avevano conquistato 8 punti". Verificare, please. Anche così, facendo un abbozzo di lavoro giornalistico, i mendicanti di amicizie possono scoprire che nel loro orticello accadeva ben di peggio, rispetto ad un dato reso noto, nella maniera più innocente del mondo, dal buon Tiberio Fossi che da 20 anni (tanti Auguri!) è l'editore e direttore responsabile della Football Data che ha il merito e l'onore di collaborare con molti Club di Serie A fra cui il Milan.

La quotazione di mercato che la Roma attribuisce a Mattia Destro è fuori dalla portata della Serie A italiana. Destro a 20 milioni può partire solo attraverso uno scambio e dopo tanto lavoro di preparazione. A Gennaio non c'è tempo, non c'è materia per lo scambio e non accadrà. A Giugno, invece, con ogni probabilità la Roma risolverà il problema del portiere con Samir Handanovic e l'Inter quello dell'attaccante al posto o di Osvaldo o di Icardi o di Palacio, proprio con lo stesso Mattia Destro.

Per la seconda volta nella finestra di mercato di Gennaio, l'Atletico Madrid è l'arbitro di un derby. Prima quello per Alessio Cerci. Andato al Milan, per il grande rapporto fra Miguel Angel Gil e Adriano Galliani, non tenuto in conto da Roberto Mancini. Adesso il secondo derby. Quello per Mario Suarez. Che andrà all'Inter. Non facciamo finta di niente, non nascondiamo le cose che bruciano sotto il tappeto: al Milan, Mario Suarez piaceva parecchio. Ma questo pareggio nel derby di Gennaio ha dato al Milan quella gran voglia di giorni del Condor che all'inizio si pensava non dovessero arrivare in questa sessione di trattative. Centrocampo-Condor allora? Difficile, ma non impossibile.

Tutti pronosticano Napoli per il terzo posto. Pronostico legittimo, pronostico che ci sta. Ma il Napoli sarà abbastanza sereno per centrarlo? Perché la faccia di Higuain a Bilbao non mente. Il Pipita senza Champions League a Napoli non ci vuole stare. Ed è per questo che il Napoli non si gioca solo un obiettivo sportivo, ma il proprio futuro. Anche per Inter e Milan è un po' così. Ma sono società più scafate, che la drammaticità sportiva della posta in palio l'hanno già colta in pieno. Saprà farlo anche il Napoli, in una Napoli che tradizionalmente è città di calcio esigente, ansiosa di amare la sua squadra, anche chiassosa quando si tratta di animare il dibattito? Dubbi che possono, in altra percentuale, riguardare anche la Juventus. Che ha davanti a se la sfida di Zidane. Nell'estate del 2001 sembrava finito il mondo e invece arrivarono Buffon, Thuram, Nedved e il 5 Maggio. Nell'estate del 2015, la Juventus dovrà con ogni probabilità ripetersi. Da Zidane a Pogba. Anche il mercato è una grande sfida.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.