HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Inzaghi: attaccatelo a più non posso. Meglio per il Milan. Destro-Handanovic: scambio Roma-Inter. Da Cerci a Mario Suarez: sempre derby. Serie A: senza Higuain e Pogba, dove si va?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
17.01.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 35858 volte

Avanti, c'è posto. Attaccatelo Inzaghi. Chiamatelo pure Inzarri, o Mazzaghi se preferite, accusatelo pure di fare calcio da contropiede. Cercate anche di umiliarlo scrivendo che allena il Milan solo perché costa poco o che può andare avanti solo con un tutor. Fate, fate pure. Questa deve essere la speranza dei veri milanisti. Perchè questo è il brodo di coltura in cui Inzaghi sguazza al meglio. Lui ha costruito una carriera di campo sulle critiche. Le ha convertite in adrenalina, gol, record, coppe, fama. Lo deridevano per la sua tecnica, gli dicevano che era finito nel 2004 per la cartilagine del ginocchio. Lo bollavano come cascatore, lo accusavano di inibire Sheva. E lui dritto verso l'allenamento del giorno stesso, verso il prossimo gol, lui e il suo fanciullino (l'amore che ha dentro di se per il calcio) pronti per l'appuntamento con il cielo di Atene. Questo è Inzaghi. Il bello deve ancora venire il suo motto. Le rivincite non se le prende a caldo. Le prepara con testa e cuore e al momento giusto se le gode per sempre. Dopo Milan-Sassuolo di coppa Italia ha anche detto: "Ho letto che l'anno scorso il Milan era a 17 punti dal terzo posto, finchè possiamo giocarci qualcosa ce la dobbiamo giocare". Non c'erano dubbi che Inzaghi capisse. E convertisse l'orribile Milan di Torino nella voglia pancia a terra di migliorare, di competere. Quel dato, di cronaca, lui ho la letto. Perché non lo ha ispirato. L'animo di Inzaghi, in panchina oggi come in campo una volta, è libero da conflitti ed è popolato solo da stimoli. Lui non chiama la Società e quindi il Sito, come è accaduto il 24 Febbraio 2014 alle 10:24. Quel giorno altre persone si preoccupavano di chiamare il Milan e quindi il Sito per ottenere la pubblicazione della seguente notizia: "Il Milan, dall'arrivo di Mister Seedorf, ha conquistato 13 punti in 6 gare. Nelle stesse 6 partite del girone d'Andata, i rossoneri avevano conquistato 8 punti". Verificare, please. Anche così, facendo un abbozzo di lavoro giornalistico, i mendicanti di amicizie possono scoprire che nel loro orticello accadeva ben di peggio, rispetto ad un dato reso noto, nella maniera più innocente del mondo, dal buon Tiberio Fossi che da 20 anni (tanti Auguri!) è l'editore e direttore responsabile della Football Data che ha il merito e l'onore di collaborare con molti Club di Serie A fra cui il Milan.

La quotazione di mercato che la Roma attribuisce a Mattia Destro è fuori dalla portata della Serie A italiana. Destro a 20 milioni può partire solo attraverso uno scambio e dopo tanto lavoro di preparazione. A Gennaio non c'è tempo, non c'è materia per lo scambio e non accadrà. A Giugno, invece, con ogni probabilità la Roma risolverà il problema del portiere con Samir Handanovic e l'Inter quello dell'attaccante al posto o di Osvaldo o di Icardi o di Palacio, proprio con lo stesso Mattia Destro.

Per la seconda volta nella finestra di mercato di Gennaio, l'Atletico Madrid è l'arbitro di un derby. Prima quello per Alessio Cerci. Andato al Milan, per il grande rapporto fra Miguel Angel Gil e Adriano Galliani, non tenuto in conto da Roberto Mancini. Adesso il secondo derby. Quello per Mario Suarez. Che andrà all'Inter. Non facciamo finta di niente, non nascondiamo le cose che bruciano sotto il tappeto: al Milan, Mario Suarez piaceva parecchio. Ma questo pareggio nel derby di Gennaio ha dato al Milan quella gran voglia di giorni del Condor che all'inizio si pensava non dovessero arrivare in questa sessione di trattative. Centrocampo-Condor allora? Difficile, ma non impossibile.

Tutti pronosticano Napoli per il terzo posto. Pronostico legittimo, pronostico che ci sta. Ma il Napoli sarà abbastanza sereno per centrarlo? Perché la faccia di Higuain a Bilbao non mente. Il Pipita senza Champions League a Napoli non ci vuole stare. Ed è per questo che il Napoli non si gioca solo un obiettivo sportivo, ma il proprio futuro. Anche per Inter e Milan è un po' così. Ma sono società più scafate, che la drammaticità sportiva della posta in palio l'hanno già colta in pieno. Saprà farlo anche il Napoli, in una Napoli che tradizionalmente è città di calcio esigente, ansiosa di amare la sua squadra, anche chiassosa quando si tratta di animare il dibattito? Dubbi che possono, in altra percentuale, riguardare anche la Juventus. Che ha davanti a se la sfida di Zidane. Nell'estate del 2001 sembrava finito il mondo e invece arrivarono Buffon, Thuram, Nedved e il 5 Maggio. Nell'estate del 2015, la Juventus dovrà con ogni probabilità ripetersi. Da Zidane a Pogba. Anche il mercato è una grande sfida.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.