HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Inzaghi: lui il Sassuolo lo salvava... Ancelotti: F. Coentrao serve, altrimenti... Guarin-Vucinic-Hernanes-Osvaldo: alla fine ne esce meglio l'Inter. Cannavaro-Sassuolo: Napoli sei d'accordo? Roma: Sabatini prende Sanabria, Lotito cede il profeta

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
01.02.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 58155 volte

Il mercato e le sue storie. Cose che succedono, cose che non succedono, intrecci che si snodano e sorprese assolute. Filippo Inzaghi ad esempio. Il Sassuolo non era rimasto abbagliato dal nome, ma dall'entusiasmo e dalla professionalità di Superpippo. Anzi di Mister Inzaghi, perché questa vicenda Sassuolo-Milan-Primavera segna un punto fondamentale. Di Inzaghi non si parla più come ex giocatore, ma come allenatore a tutti gli effetti. E' stato tentato dal salvare il Sassuolo il Mister della Primavera rossonera (vuole vincere il titolo italiano), e lo avrebbe salvato grazie anche all'organizzazione del Club emiliano di cui adesso si avvarrà Malesani, ma il Milan è il Milan e la vita continua con entusiasmo.

Carlo Ancelotti ci teneva moltissimo a far fare bella figura ad Adriano Galliani e quando ha ricevuto la telefonata da Casa Milan, l'allenatore del Real Madrid avrebbe tanto voluto liberare Fabio Coentrao per il Milan e per Galliani. Ma tra Liga, Champions League e Coppa del Re (doppio derby contro l'Atletico in Semifinale), il giocatore serve davvero ai madridisti. E, a malincuore, ma con la doverosa e consueta professionalità verso il suo Club, Carlo Ancelotti ha dovuto negare al richiestissimo amministratore delegato rossonero il suo giocatore. Ma l'amicizia rimane solida e importante.

Incredibile dictu. Ma, alla resa dei conti, alla prova dei fatti, l'Inter capovolge il verdetto. Era uscito con le ossa rotte il Club nerazzurro dal martedì post-Genoa. Lo scambio Guarin-Vucinic saltato per la reattività della piazza e in un clima di imbarazzo generale della dirigenza, aveva giustamente fatto propendere la bilancia a favore della Juventus e fomentato grandi perplessità sul polso e sul futuro del board dell'Inter. Ma le lancette del mercato si sono rimesse in moto e alla fine le schegge dello scambio mancato hanno rimesso in primo piano l'Inter. Entrambi i Club hanno dovuto ricorrere al mercato per tamponare gli effetti del "barattus interruptus". Ma la Juventus ha dovuto prendere Osvaldo che mette di fatto fuori dai giochi Vucinic e accentua il malumore di Quagliarella. L'Inter invece si rafforza con Hernanes e recupera il rapporto con Guarin che va a comporre con il brasiliano un centrocampo importante. Chi l'avrebbe detto?

Paolo Cannavaro a Sassuolo. Destinazione degnissima, con in prima fila il patron Squinzi e una realtà fresca ed emergente. Ma Napoli e i napoletani non riescono a mandarla giù. Il capitano dei napoletani, la bandiera, va in provincia, in una squadra alle prese con il primo campionato di Serie A della sua storia. E il punto non è tanto tecnico, quanto di fede. Nel Napoli, in difesa, non giocano una sfilza di Beckenbauer. Al di là di questo però, i tifosi del Napoli, in cuor loro, non condividono l'acme con cui il presidente De Laurentiis ha vissuto e portato all'estrema conseguenza i dissidi con Paolo. Oggi Cannavaro non c'è più, ospiterà il suo Napoli al Mapei Stadium, la vicenda tecnica è chiusa. Ma il magone dei tifosi partenopei lato umano, non passa e non passerà.

Roma giallorossa attacca, Roma biancoceleste si difende. Come scrivevamo qualche settimana fa, il progetto giallorossa si consolida e fa pressing sul futuro. In qualsiasi sessione di mercato, anche a Gennaio 2014. La Roma si rafforza per il presente con Nainggolan e Bastos e ipoteca il futuro con Toloi e Sanabria. Soprattutto quest'ultimo, un vero e proprio crack giovanile a livello europeo. Nella Roma giallorossa degli alti e bassi (quante crisi nei tre anni precedenti...), il progetto si è consolidato per l'oggi e per il domani. Sull'altro fronte, è un po' la legge del contrappasso. Del resto il calcio è ciclico. Il presidente Lotito che ha sempre fatto i miracoli con il bilancio della Lazio e i debiti degli anni Novanta, è in un momento più difensivo che offensivo. Incassato l'assegno importante per Hernanes, il Club biancoceleste lo ha sostanzialmente messo nel salvadanaio. Il Profeta viene di fatto rimpiazzato dall'attesa per il ritorno di Mauri e dall'acquisto low cost di Gael Kakuta, 22enne dal Chelsea. La conduzione di una società di calcio passa anche dal gioco dell'incudine e del martello. Quando, con i conti non si scherza, si può essere economicamente martello si vincono le coppe Italia e le supercoppe d'Italia. Quando è il momento dell'incudine, si mette in sicurezza il ricavato da una grande cessione. Sta ai tifosi laziali capirlo e accettarlo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.