VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Inzaghi: lui il Sassuolo lo salvava... Ancelotti: F. Coentrao serve, altrimenti... Guarin-Vucinic-Hernanes-Osvaldo: alla fine ne esce meglio l'Inter. Cannavaro-Sassuolo: Napoli sei d'accordo? Roma: Sabatini prende Sanabria, Lotito cede il profeta

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
01.02.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 58155 volte

Il mercato e le sue storie. Cose che succedono, cose che non succedono, intrecci che si snodano e sorprese assolute. Filippo Inzaghi ad esempio. Il Sassuolo non era rimasto abbagliato dal nome, ma dall'entusiasmo e dalla professionalità di Superpippo. Anzi di Mister Inzaghi, perché questa vicenda Sassuolo-Milan-Primavera segna un punto fondamentale. Di Inzaghi non si parla più come ex giocatore, ma come allenatore a tutti gli effetti. E' stato tentato dal salvare il Sassuolo il Mister della Primavera rossonera (vuole vincere il titolo italiano), e lo avrebbe salvato grazie anche all'organizzazione del Club emiliano di cui adesso si avvarrà Malesani, ma il Milan è il Milan e la vita continua con entusiasmo.

Carlo Ancelotti ci teneva moltissimo a far fare bella figura ad Adriano Galliani e quando ha ricevuto la telefonata da Casa Milan, l'allenatore del Real Madrid avrebbe tanto voluto liberare Fabio Coentrao per il Milan e per Galliani. Ma tra Liga, Champions League e Coppa del Re (doppio derby contro l'Atletico in Semifinale), il giocatore serve davvero ai madridisti. E, a malincuore, ma con la doverosa e consueta professionalità verso il suo Club, Carlo Ancelotti ha dovuto negare al richiestissimo amministratore delegato rossonero il suo giocatore. Ma l'amicizia rimane solida e importante.

Incredibile dictu. Ma, alla resa dei conti, alla prova dei fatti, l'Inter capovolge il verdetto. Era uscito con le ossa rotte il Club nerazzurro dal martedì post-Genoa. Lo scambio Guarin-Vucinic saltato per la reattività della piazza e in un clima di imbarazzo generale della dirigenza, aveva giustamente fatto propendere la bilancia a favore della Juventus e fomentato grandi perplessità sul polso e sul futuro del board dell'Inter. Ma le lancette del mercato si sono rimesse in moto e alla fine le schegge dello scambio mancato hanno rimesso in primo piano l'Inter. Entrambi i Club hanno dovuto ricorrere al mercato per tamponare gli effetti del "barattus interruptus". Ma la Juventus ha dovuto prendere Osvaldo che mette di fatto fuori dai giochi Vucinic e accentua il malumore di Quagliarella. L'Inter invece si rafforza con Hernanes e recupera il rapporto con Guarin che va a comporre con il brasiliano un centrocampo importante. Chi l'avrebbe detto?

Paolo Cannavaro a Sassuolo. Destinazione degnissima, con in prima fila il patron Squinzi e una realtà fresca ed emergente. Ma Napoli e i napoletani non riescono a mandarla giù. Il capitano dei napoletani, la bandiera, va in provincia, in una squadra alle prese con il primo campionato di Serie A della sua storia. E il punto non è tanto tecnico, quanto di fede. Nel Napoli, in difesa, non giocano una sfilza di Beckenbauer. Al di là di questo però, i tifosi del Napoli, in cuor loro, non condividono l'acme con cui il presidente De Laurentiis ha vissuto e portato all'estrema conseguenza i dissidi con Paolo. Oggi Cannavaro non c'è più, ospiterà il suo Napoli al Mapei Stadium, la vicenda tecnica è chiusa. Ma il magone dei tifosi partenopei lato umano, non passa e non passerà.

Roma giallorossa attacca, Roma biancoceleste si difende. Come scrivevamo qualche settimana fa, il progetto giallorossa si consolida e fa pressing sul futuro. In qualsiasi sessione di mercato, anche a Gennaio 2014. La Roma si rafforza per il presente con Nainggolan e Bastos e ipoteca il futuro con Toloi e Sanabria. Soprattutto quest'ultimo, un vero e proprio crack giovanile a livello europeo. Nella Roma giallorossa degli alti e bassi (quante crisi nei tre anni precedenti...), il progetto si è consolidato per l'oggi e per il domani. Sull'altro fronte, è un po' la legge del contrappasso. Del resto il calcio è ciclico. Il presidente Lotito che ha sempre fatto i miracoli con il bilancio della Lazio e i debiti degli anni Novanta, è in un momento più difensivo che offensivo. Incassato l'assegno importante per Hernanes, il Club biancoceleste lo ha sostanzialmente messo nel salvadanaio. Il Profeta viene di fatto rimpiazzato dall'attesa per il ritorno di Mauri e dall'acquisto low cost di Gael Kakuta, 22enne dal Chelsea. La conduzione di una società di calcio passa anche dal gioco dell'incudine e del martello. Quando, con i conti non si scherza, si può essere economicamente martello si vincono le coppe Italia e le supercoppe d'Italia. Quando è il momento dell'incudine, si mette in sicurezza il ricavato da una grande cessione. Sta ai tifosi laziali capirlo e accettarlo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.