HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Italia, con Prandelli la Nazionale non farà da comparsa. Dopo il Brasile una nuova organizzazione...

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
13.04.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 17535 volte
© foto di Federico De Luca

Ho incontrato Cesare Prandelli a Catanzaro dove gli è stato consegnato il Premio Ceravolo, dedicato al grande presidente dei giallorossi. Prima di lui abbiamo premiato anche Ranieri, Lippi, Capello e Conte, i maestri di un calcio che troppo spesso - e troppo volentieri - viene denigrato. Dagli italiani, naturalmente. Da quelli che fanno sbornie di calcio internazionale in tivù - calcio spagnolo e inglese in particolare - e credono di diventare competenti. Televisivamente competenti.
Mi sembrano inutilmente trascorsi quarant'anni, esattamente da quando con l'antico Guerin Sportivo rivelai a tanti lettori - e a tanti critici - l'esistenza del Calcio Internazionale, fino al 1975 limitato alla narrazione dei Mondiali e delle Coppe Europee. Mancavano allora, come spesso mancano oggi, i Testimoni non invaghiti da esotiche scorribande e dotati - come cambiano i tempi - di competenza per quel che riguarda il calcio nostrano. Che fa scuola, che viene omaggiato da Maestri e Allievi. Da Maestri come Josè Mourinho. Da Allievi come Diego Simeone. Di questo ho parlato con il nostro CT, ricordando le critiche (civilissime) che gli rivolsi quando perdemmo malamente la finale dell'Europeo con la Spagna perché il buon don Cesare s'era invaghito del calcio spagnolo. Del Possesso Palla. Del TikiTaka -finalmente sparito da Barcellona insieme a Guardiola e al guardiolismo - che guarda caso non viene ammannito ai tedeschi innamorati dello Sturm Und Drang. Proprio riferendomi a Mou e al Cholo, adorabili catenacciari (il Catenaccio che dico io, vera cultura pallonara nostrana, non parolaccia sprecata dagli spagnoli) ho sollecitato il pensiero del CT sulla novità (si fa per dire) introdotta in particolare a livello europeo anche dall'ottimo Ancelotti, il quale giorni fa mi ha detto che "l'Atletico Madrid è una squadra italiana nel campionato spagnolo": dopo Chelsea e Atletico signori di Coppa, ho visto all'opera un travolgente Real, sabato sera, per nulla sfiatato dopo la faticosa notte di Champions con il generoso Borussia di Dortmund, mentre poco prima avevo salutato l'ombra del Barcellona definitivamente abbattuto dalla squadra di Giampaolo Pozzo (una Granada? Una Bomba!). Morale: difese accorte, marcature spesso spietate, contropiede fulminante, gagarellismi ridotti al minimo (sapete quei colpi da narcisi che esaltano i qualunquisti), come dire Scuola Italiana. Ormai diffusa nell'Orbeterracqueo da italiani vaganti (Lippi in Cina, Capello in Russia, Ranieri in Francia, Ancelotti in Spagna, solo per dire dei più grandi) e da francoispanici che l'hanno acquisita con studio e applicazione pratica prima di venire in Italia: dico dell'ottimo Rudi Garcia che ha trasformato la Roma in una splendida fabbrica di gioco e macchina da gol. Italianissima. Quando si dice cultura. Quando si dice competenza. Altro che Benitez lo Sprecone. Mi chiederete cos'abbia risposto Prandelli al mio invito a...ravvedersi. Non ha fatto una piega perchè sa il fatto suo e ai Mondiali non vuol fare la comparsa e al ritorno dal Brasile vuole proprio riformare la nostra Scuola a rischio di dissesto. Molto semplicemente ha detto che, qualora servisse, saprebbe applicare alla perfezione la Lezione Italiana. Magnificamente appresa e applicata ai tempi della Juventus ('79-'85) di Trapattoni. Dimenticavo: il Gran Maestro Giovanni.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.