HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Italia, con Prandelli la Nazionale non farà da comparsa. Dopo il Brasile una nuova organizzazione...

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
13.04.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 17535 volte
© foto di Federico De Luca

Ho incontrato Cesare Prandelli a Catanzaro dove gli è stato consegnato il Premio Ceravolo, dedicato al grande presidente dei giallorossi. Prima di lui abbiamo premiato anche Ranieri, Lippi, Capello e Conte, i maestri di un calcio che troppo spesso - e troppo volentieri - viene denigrato. Dagli italiani, naturalmente. Da quelli che fanno sbornie di calcio internazionale in tivù - calcio spagnolo e inglese in particolare - e credono di diventare competenti. Televisivamente competenti.
Mi sembrano inutilmente trascorsi quarant'anni, esattamente da quando con l'antico Guerin Sportivo rivelai a tanti lettori - e a tanti critici - l'esistenza del Calcio Internazionale, fino al 1975 limitato alla narrazione dei Mondiali e delle Coppe Europee. Mancavano allora, come spesso mancano oggi, i Testimoni non invaghiti da esotiche scorribande e dotati - come cambiano i tempi - di competenza per quel che riguarda il calcio nostrano. Che fa scuola, che viene omaggiato da Maestri e Allievi. Da Maestri come Josè Mourinho. Da Allievi come Diego Simeone. Di questo ho parlato con il nostro CT, ricordando le critiche (civilissime) che gli rivolsi quando perdemmo malamente la finale dell'Europeo con la Spagna perché il buon don Cesare s'era invaghito del calcio spagnolo. Del Possesso Palla. Del TikiTaka -finalmente sparito da Barcellona insieme a Guardiola e al guardiolismo - che guarda caso non viene ammannito ai tedeschi innamorati dello Sturm Und Drang. Proprio riferendomi a Mou e al Cholo, adorabili catenacciari (il Catenaccio che dico io, vera cultura pallonara nostrana, non parolaccia sprecata dagli spagnoli) ho sollecitato il pensiero del CT sulla novità (si fa per dire) introdotta in particolare a livello europeo anche dall'ottimo Ancelotti, il quale giorni fa mi ha detto che "l'Atletico Madrid è una squadra italiana nel campionato spagnolo": dopo Chelsea e Atletico signori di Coppa, ho visto all'opera un travolgente Real, sabato sera, per nulla sfiatato dopo la faticosa notte di Champions con il generoso Borussia di Dortmund, mentre poco prima avevo salutato l'ombra del Barcellona definitivamente abbattuto dalla squadra di Giampaolo Pozzo (una Granada? Una Bomba!). Morale: difese accorte, marcature spesso spietate, contropiede fulminante, gagarellismi ridotti al minimo (sapete quei colpi da narcisi che esaltano i qualunquisti), come dire Scuola Italiana. Ormai diffusa nell'Orbeterracqueo da italiani vaganti (Lippi in Cina, Capello in Russia, Ranieri in Francia, Ancelotti in Spagna, solo per dire dei più grandi) e da francoispanici che l'hanno acquisita con studio e applicazione pratica prima di venire in Italia: dico dell'ottimo Rudi Garcia che ha trasformato la Roma in una splendida fabbrica di gioco e macchina da gol. Italianissima. Quando si dice cultura. Quando si dice competenza. Altro che Benitez lo Sprecone. Mi chiederete cos'abbia risposto Prandelli al mio invito a...ravvedersi. Non ha fatto una piega perchè sa il fatto suo e ai Mondiali non vuol fare la comparsa e al ritorno dal Brasile vuole proprio riformare la nostra Scuola a rischio di dissesto. Molto semplicemente ha detto che, qualora servisse, saprebbe applicare alla perfezione la Lezione Italiana. Magnificamente appresa e applicata ai tempi della Juventus ('79-'85) di Trapattoni. Dimenticavo: il Gran Maestro Giovanni.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.