HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Italia, tutti vogliono Immobile. E se andrà in campo sia protetto come un fratello minore....

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
22.06.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 26806 volte
© foto di Federico De Luca

Vogliono tutti Immobile in campo. Con Balotelli o senza. Non mi ero reso conto che il Wonder Boy (ex) granata fosse così popolare. Fra i critici. E neanche a Casa Prandelli. E' stato uno degli ultimi ad esser tirato fuori dal bussolotto pieno di dubbi. "Quali attaccanti porteresti al Mondiale?". E giù Rossi, Cassano,Destro, Candreva, Cerci, Toni, sì anche Balo, ma con riserva (degli odiatori che son millanta). E Ciro, che per me era diventato come quell'urlo televisivo della Sandrocchia: "Cirooo, Cirooo" - gridavo nottedì. E per confermare la mia scelta gli facevo vincere - con ottimi compagni di giurìa - il Premio Prisco, diventato nel tempo uno dei più attendibili e desiderati. L'ho visto a Chieti Ciro, per la premiazione, un ragazzo d'oro, un figurone, applausi come se piovesse. E ho chiesto a Cairo, che l'aveva accompagnato per esser premiato a sua volta: "Che fine farà Ciro?". "Vedremo". Ho visto: Toro e Juve hanno deciso di cederlo al Borussia Dortmund per diciannove milioni, la metà di quel che costerebbe un difensore brasiliano o tedesco (per Hummels ne hanno chiesti trenta!). Peccato - mi dicevo - se il capocannoniere del campionato italiano è sbolognato così, perché Prandelli dovrebbe convocarlo? Tutt'intorno, un silenzio appena rotto da qualche modesta contestazione. Poi Prandelli ha deciso di lasciare a casa Destro e Rossi (a proposito, vista la condizione fisica di Cassano m'è venuto il sospetto che Pepito, per essere cancellato, dovesse stare malissimo, ma non ci credo) e Ciro ha avuto il biglietto per il Brasile. Evviva. Macchè. Ha fatto appena un giretto con l'Inghilterra e la Costarica l'ha vista dalla panchina mentre in quello sciagurato secondo tempo entrava di tutto: Cassano, Insigne, Cerci, per carità non ce l'ho con loro, ho detto e scritto soltanto che avrei messo lui subito (insieme a Bonucci dietro, per ricostituire la difesa juventina, come dico da mesi), per un 4-4-2, cancellando l'ignominioso 9-1 che ha fatto capire ai Ticos che ce la facevamo addosso e a noi - quando si è arrivato addirittura al folle 4-2-4 - che avremmo perso. Battuti dal Carneade Pinto (adesso ne parlano come se fosse Mourinho) ecco l'alto mio grido esplodere nelle radio, nelle tivù, sulle prime pagine dei giornali: "Cirooo! Cirooo!". Ma mica perché Immobile è diventato grande e indispensabile: è che si vogliono togliere di torno Balotelli, caricando così di responsabilità le tenere ma robuste spalle del piccolo italiano spedito agli ordini di Jurgen Klopp. Chissà se Prandelli ha sentito il grido di dolore levarsi dall'amata Patria; e se lo metterà in campo - solo o...male accompagnato - contro l'Uruguay di Cavani e del diabolico Suarez. Io ci conto, ma non per trasformarlo in capro espiatorio, come Balo, in caso di sconfitta. Ci sono ben altri fenomeni, in Nazionale, mi limito a dire Buffon e Pirlo: se Ciro sarà mandato in campo, cerchino di proteggerlo come un fratello minore. Da veri Fratelli d'Italia.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

L’Inter esagera… il Milan anche! Tutti sul carro di Luis, uomo perfetto per il Napoli. Samp, fissa il prezzo! Tavecchio stravince, Abodi ecco dove hai sbagliato… 13.03 - Se dall’altra parte del mondo, un uomo in Sudafrica non guarda le partite di serie A e non legge i giornali, ma vede solo i risultati, penserà che da inizio stagione ad oggi e da una domenica all’altra in Italia siamo impazziti. Prendete l’Inter e portate a Coverciano l’esempio di...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il miliardo di euro che tiene in piedi il calcio italiano. Juve avanti dieci anni rispetto alle altre, oltre a undici punti. La colpa dei giornalisti nelle sconfitte del Napoli 12.03 - Chi non ha ancora capito si attacchi pure agli arbitri, come se fosse quello il problema di un campionato che è già finito prima di iniziare. Quando una squadra può permettersi di acquistare Dani Alves, Higuain, Pjanic, Pjaca e Cuadrado, vendendo il solo Pogba e un Morata che, obiettivamente,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.