HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Juve, 150 milioni da spendere. Ecco i piani di Marotta per una squadra stellare. Il Milan vuole solo Conte. Fiorentina crac, Montella via? La Roma vuole Gomez

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
08.05.2015 07.42 di Enzo Bucchioni   articolo letto 134759 volte
© foto di Federico De Luca

La vittoria contro il Real ha completamente rilanciato la Juventus che dopo essere tornata regina in Italia, sta scalando anche l'Europa. Battere i campioni del mondo con una lezione di gioco e di tattica, ha esaltato e convinto Andrea Agnelli che questa squadra ora può entrare stabilmente fra le 5-6 grandi d'Europa. Dunque la campagna acquisti sarà imponente e mirata, cambierà faccia alla Juventus e la metterà subito al pari di Bayern, Chelsea, City, Real e forse Barca senza la variabile Messi.
Le idee sono molto chiare e non da oggi, chi ci segue sa che da febbraio (dopo una riunione con tutti i vertici) i dirigenti bianconeri hanno fatto i piani di massima con le varianti a seconda dei risultati sportivi.
Essere arrivati in semifinale di Champions e aver vinto la prima gara ha portato nelle casse bianconere (diritti, sponsor e tv) una cifra che si aggira attorno ai 90 milioni di euro. A questi vanno aggiunti i 90-100 della cessione di Pogba, ci vuol poco a capire che con certe cifre e conoscendo la bravura di Marotta e Paratici, nascerà di sicuro una Juve al livello di quella degli anni d'oro di Lippi e Capello. Ma forse anche di più.
Per avere il quadro completo bisogna ancora aspettare pochi giorni, se la Juve dovesse andare in finale (come ci auguriamo) e poi vincere la coppa, le cifre sarebbero ancora superiori.
Intanto Marotta sta portando avanti le sue serrate relazioni su più piani e su più obiettivi, sia in entrata che in uscita. L'amministratore delegato bianconero lavora in diverse direzioni impostando soluzioni e situazioni che saranno chiuse appena finita la stagione.
Per prima cosa, dopo la semifinale, si prolungherà il contratto di Allegri in scadenza nel 2016. La stagione ripartirà dando fiducia massima a un tecnico che ha fatto benissimo, ritoccando l'ingaggio fino a salire a quei 4 milioni che erano stati promessi a Conte l'anno scorso. E' tutto fatto, si discutono i dettagli sui bonus e sui premi.
L'altro discorso fondamentale è quello di Pogba. La tela qui la sta tessendo Raiola e cosa ha fatto fino ad oggi con il mandato della Juve?
Una dopo l'altra, sta parlando con le società che hanno chiesto il francese e non si sono fermate davanti i 90-100 milioni. Come vi abbiamo già scritto più di un mese fa, la prima società che si è fatta avanti è stata il Psg che vuole assolutamente il francese per farne una bandiera. Un campione francese in Francia. Oltre al cash il Psg ha offerto Cavani (valutato 40 milioni) e i bianconeri hanno detto ok nonostante l'inserimento dell'Atletico Madrid. La Juve vorrebbe anche Verratti (valutato 30), ma qui ci sono delle difficoltà.
Nel frattempo è arrivata anche l'offerta ufficiale del City, cash più giocatori. Alla Juve interessano solo Jovetic e Dzeko, anche Yaya Tourè che però si è offerto all'Inter di Mancini con il quale tratta direttamente.
Il Barcellona con Braida, prospettando l'acquisto con un anno di prestito alla Juve per i problemi con l'Uefa e il Real Madrid con Zidane hanno fatto solo degli abboccamenti senza mettere nero su bianco.
Il Chelsea dovrebbe fare l'offerta ufficiale tra oggi e domani con denaro liquido piu' il brasiliano Oscar e Cuadrado. La Juve ha fatto sapere che gradirebbe molto di più Salah, ma qui c'è il prestito con riscatto in mano alla Fiorentina. Molto complicato.
Quando il giocatore avrà deciso a chi dire sì sulla base di 10 milioni netti di ingaggio, partirà la fase finale dell'operazione.
Pogba è sentimentalmente tentato dal Psg, ma tecnicamente preferirebbe giocare in Spagna o in Inghilterra. Vedremo.
Non fatevi ingannare da Marotta, lui deve dire che Pogba non è in vendita, questa è la sua parte. Ma sa benissimo, anzi ha già deciso di venderlo come da noi anticipato. Quando Pogba si presenterà alla Juve con l'offerta da 10 milioni, visto che i bianconeri a certi ingaggi non possono arrivare, lo lasceranno partire.
A quel punto la Juve stringerà con la squadra scelta da Pogba cercando di prendere i giocatori desiderati da Allegri e più cash possibile.
Intanto però Marotta non sta a guardare. Proprio in virtù delle maggiori disponibilità economiche, ha quasi chiuso per il centrocampista belga Witsel che gioca nello Zenith. L'offerta era 15, la richiesta 30. A venti la stretta di mano.
La settimana prossima si chiuderà anche per Dybala che ha l'accordo con la Juve. Zamparini vuole 40 milioni in denaro sonante. La Juve ha proposto in cambio diversi giovani interessanti e 20 milioni, ma Zamparini non si smuove. La Juve pensa di chiudere a trenta. In attesa i bianconeri stanno dicendo no a tutti quelli che chiedono Rugani in prestito, Allegri vuole un difensore in più considerata l'età non più verde di alcuni e la stagione faticosa che si annuncia. E poi questo talento lo vuol crescere lui.
Anche il Milan, aspettando di sapere cosa farà Berlusconi tra mister Bee, mister Lee e cordate varie..., giustamente riparte dall'allenatore. L'analisi fatta un anno fa è la stessa di oggi. Serve un italiano, un motivatore, un tecnico giovane che abbia fame, capace di tirare fuori tutto dai giocatori, di far giocare bene, ma soprattutto in grado di ridare personalità.
E così come un anno fa si sta cercando di convincere Antonio Conte. L'anno scorso disse no solo dopo aver parlato con la Juve che gli disse vai dovunque, ma non al Milan. Poi venne la Nazionale, un matrimonio mai riuscito. Ora si riparla, si tratta, si discute.
Il grande sponsor di Conte è Arrigo Sacchi, grande consigliere di Berlusconi e Galliani. La Nazionale? Se Conte dovesse dire addio lo farebbe dopo le gare di giugno, a qualificazione europea già conquistata o quasi. Tavecchio fino ad oggi ha sempre sottolineato che Conte ha un contratto, ma in fondo se andasse via non piangerebbe nessuno. In Federcalcio Conte è considerato un personaggio scomodo, rompe gli schemi e la palude, per questo nessuno si strapperebbe i capelli. Per sostituirlo in pole c'è sempre il tranquillo, ma esperto Zaccheroni, qualcuno ha suggerito Spalletti. C'è anche chi spinge per un ritorno di Donadoni. L'alternativa a Conte nel Milan per adesso non esiste. Ancelotti è stato sentito già a febbraio, l'idea è quello di riportarlo in società per farlo diventare il Ferguson rossonero con un contratto a vita. Carletto è tentato, ma se non resta al Real, ha un accordo con il Manchester City, vuole allenare ad alto livello fino a sessant'anni, difficile convincerlo.
Comunque, in attesa dei soldi dei soci che prima o poi saranno annunciati, il fondo Doyen sta già lavorando per una squadra che deve essere rifondata. Le possibilità ci sono, i sogni tanti con una certezza: il Milan non ripartirà in mutande come negli ultimi anni.
Intanto serata amara per le italiane in Europa League. Il crollo della Fiorentina apre il caso Montella. Dopo tre anni senza un trofeo e una squadra bella ma che continua a mostrare i soliti limiti e i soliti difetti, soprattutto per il crollo anche fisico dell'ultimo mese, sicuramente Della Valle si farà delle domande e la posizione del tecnico non è più serena. Il gioco offensivo è divertente, ma senza saper difendere non vincerà mai niente. Così Montella potrebbe tornare ad essere oggetto del desiderio di qualche squadra, Milan compreso. Clausola rescissoria permettendo
Anche Benitez non è soddisfatto del pareggio con il Dnipro. Stava per decidere e probabilmente aveva in testa di restare, il futuro forse si conoscerà dopo il ritorno.
Nel frattempo, tornando alla Fiorentina, c'è stato un sondaggio della Roma per Gomez. Garcia lo ritiene il terminale offensivo giusto con tre esterni (a turno) come Iturbe, Gervinho e Ljajic. Fra l'altro ai giallorossi quest'anno ha segnato quattro gol: a questa operazione Della Valle non si opporrebbe, Gomez ha bisogno di cambiar aria. Ormai è evidentissimo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.