HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Juve, 60 milioni da spendere: ecco i nomi. Ok di Marchionne. Draxler e Gundogan sempre in pole, chiesto Casemiro al Real. Cuadrado in prestito

21.08.2015 08.57 di Enzo Bucchioni   articolo letto 214359 volte
© foto di Federico De Luca 2014

Marotta non è mai banale e non dice cose tanto per dire. A molti è sfuggita una frase fondamentale detta a Villar Perosa, un posto dove vengono prese le decisioni importanti.

"I soldi ci sono, non è un problema di budget", ha fatto sapere il dirigente bianconero di solito molto cauto quando si parla di investimenti. Cosa vuol dire?

La proprietà ha deciso di spendere per molte ragioni che ora vi spiegherò. Quando parlo di proprietà intendo gli Elkann, naturalmente con il fido Marchionne che è l'uomo delle grandi strategie, che detengono la cassaforte della famiglia e quindi anche la Juventus affidata alla gestione del cugino Agnelli.

Cosa è stato deciso? Il rinnovamento va benissimo, ma ci si è resi conto che per mantenere la Juventus ad alto livello anche in Europa serve fare di più, la squadra che sta nascendo così non basta, servono altri giocatori più importanti. Sembrerà strano che una proprietà, di questi tempi decida di investire, ma la Juventus sta diventando un grande veicolo pubblicitario per il gruppo nato dalla fusione di Fiat e Chrysler e una Juventus forte in questo momento di ripresa del mercato automobilistico è fondamentale. Crescono i marchi della casa, contemporaneamente deve crescere la Juve . E' una strategia di calcio, ma anche di marketing e non a caso sulle maglie della Juventus campeggia un notissimo marchio mondiale di auto che Marchionne sta rilanciando con notevole successo.

Gli studi in possesso della Juve hanno dimostrato che la crescita della Juve fino alla finale di Champions ha portato benefici e ritorni importanti, calcistici e non. Immettere soldi ora è fondamentale, mantenere la Juve competitiva in Champions può garantire ritorni economici per le casse della società e grandi benefici a tutto il gruppo.

Così si parla di un nuovo budget a disposizione che può superare anche i cinquanta milioni, a patto che vengano investiti su giocatori giovani e importanti, funzionali alla costruzione di una nuova squadra, ma soprattutto in grado di far ripartire la Juve per un nuovo ciclo vincente.

Ora Marotta sa che può buttarsi pesantemente sul mercato per coprire due ruoli fondamentali attualmente scoperti, il famoso trequartista e anche un centrocampista necessario dopo gli ultimi infortuni, soprattutto quello di Khedira.

Chi arriverà? Questo è molto complicato dirlo. La storia diAlex Sandro insegna. Del terzino sinistro arrivato ieri, un grosso colpo, vi avevamo parlato per primi più di due mesi fa, poi la Juventus ha fatto finta di mollare la presa, per ritornare pesantemente sul giocatore e portarlo a casa in due giorni.

Difficilmente Marotta molla i suoi obiettivi, e per questo ci sentiamo di dire che Draxler, nonostante le prese di distanza, resta ancora il primo trequartista della lista. Poi ci sono i vari Mkhitaryan, Teixeira, Pastore, Lamela e tenete d'occhi anche Isco. La Juve ha lavorato in molte direzioni, mentre sto scrivendo la decisione finale non è stata presa, magari Marotta sta lavorando su un nome per ora tenuto sapientemente nascosto, ma un trequartista di grande rilievo arriverà.

Come arriverà un centrocampista. Ieri il nome nuovo è quello di Casemiro chiesto al Real in uno scambio con Llorente che piace molto a Benitez. Gli spagnoli hanno proposto invece Illaramendi che invece non entusiasma, ma anche su questo si lavora. Banega è un altro nome sul quale si sono accesi di riflettori, ma anche nel caso di un giocatore di questo ruolo, il sogno e forse la realtà è sempre Gundogan del Borussia, la prima scelta che è rimasta sempre nel mirino nonostante le smentite. Resta anche il vecchio sogno Witsel, ma lo Zenit continua ad alzare le pretese.

Nel frattempo Marotta ha pensato di riportare in Italia l'ex milanista Cristante che sta facendo bene al Benfica.

Come si vede tanti nomi, tante idee da concretizzare entro il 31 di agosto, ma la Juve lo farà perché ora che la proprietà ha coperto le spalle economiche, tutto diventa più facile.

Ma anche la pista Cuadrado resta aperta. L'ex viola non è né trequartista né centrocampista, ma può fare l'esterno basso in alternativa a Lichtsteiner, l'ala nel 4-3-3 e la seconda punta nel 4-3-2-1. Con il Chelsea si lavora per il prestito con diritto di riscatto, il giocatore è sempre piaciuto anche ai tempi della Fiorentina. Una piccola luce resta accesa anche per Benatia, il difensore ora sembra più tranquillo nel Bayern e l'età (28 anni) frena Marotta (la proprietà vuole giovani) e con l'arrivo di Alex Sandro, all'occorrenza può adattarsi al ruolo di centrale, però l'ex romanista garantirebbe altra sostanza.

Questo è il quadro della Juve che prima del fischio finale del mercato vuole portare ancora a casa due-tre pedine fondamentali anche per soddisfare i tifosi preoccupati per questa serie di infortuni a catena che costringono a un debutto con il centrocampo ai minimi termini.

Anche l'Inter ha i suoi problemi da risolvere perché in questo caso il budget (come ha detto Thohir) è soggetto alla normativa del fair play finanziario. Mancini vuole assolutamente Perisic e sono ore fondamentali. Insiste anche per Felipe Melo, un play che porterebbe muscoli e qualità e Coentrao del Real per la fascia, ma sono gli stipendi a spaventare.

Per Perisic, comunque, una decisione va presa entro lunedì, dopo le alternative possono essere Lavezzi o il ripiego Perotti.

Anche per il Milan ore decisive per Soriano. L'accordo con il giocatore è fatto, c'è da limare l'offerta per la Samp ma fino a tarda ora Galliani è rimasto a cena per chiudere la pratica e (forse) annunciare per oggi il colpo. La Samp ha chiesto Montolivo e non Nocerino, l'ex viola è sul mercato ma difficilmente accetterà la Samp. Comunque con la scoperta di Rodrigo Ely (bravo Galliani) e l'arrivo di Romagnoli (tranquilli come vi abbiamo sempre detto, era stato fatto diverso tempo fa) la difesa è a posto, se arriva Soriano non resta che aspettare la decisione di Ibra. Se lascia il Psg tornerà in rossonero. Per il resto Miha è soddisfatto.

Il Napoli cerca di vendere qualcuno di un parco giocatori numeroso, Mancini nicchia per Callejon, vuole un esterno diverso, ma altri sono in partenza. Nel mirino in entrata sempre un centrale e Heurtaux dell'Udinese è l'ultimi pista concreta.

La Fiorentina, invece, ha in canna un paio di colpi last minute dopo aver preso il ventenne attaccante uruguagio Baez, ma deve risolvere il caso Joaquin per la società assolutamente incedibile. Solo se il Betis si dovesse presentare con una offerta economica molto importante le cose potrebbero cambiare, così nel mirino ora c'è Grosskreutz esterno del Borussia, anche se Sousa preferirebbe tenere Joaquin.

@enzobucchioni

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.