HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Juve, accordo con Gundogan. Ora tratta col Borussia. Cavani ha dett ok. Ecco la strategia di Marotta per bloccare Allegri: rinnovo fino al 2019, più soldi e squadra più forte. L'Inter senza Champions vende Icardi a Mou. Sousa resta a Firenze

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
19.02.2016 20.33 di Enzo Bucchioni   articolo letto 64930 volte
© foto di Federico De Luca

Ringrazio i tifosi della Juventus che mi hanno scritto un po' dovunque, mail, twitter, facebook e compagnia cantante. Non merito tanto. In sostanza sostengono che le mie critiche nelle tv e sulle radio che frequento e il mio scetticismo bianconero cosmico, abbiano contribuito a stimolare la reazione dei giocatori della Juve. Non credo mi abbiano mai ascoltato o letto, non penso di meritare tanta attenzione, ma non importa. Io, se permettete, insisto.

La Juventus sta facendo delle cose straordinarie e impensabili, sicuramente mai accadute in più di cento anni di serie A. Partire da dodici punti dopo dieci giornate e arrivare in vetta con quindici vittorie di fila è leggenda, non storia. Chapeau.

Detto questo sono sempre convinto che le energie spese per la rimonta e l'arrivo della Champions con tutto quello che porterà via la sfida col Bayern, rilanceranno il Napoli che gioca un calcio migliore, più da squadra, e ha mantenuto un percorso più lineare. Sbaglio? Può darsi. Trattasi di opinioni figlie della cultura calcistica, della storia e della cronaca.

In attesa del futuro, comunque in Juventus non stanno mai fermi. Marotta ha capito che questa volta Allegri fa sul serio e ci sono diverse possibilità che a fine anno saluti la compagnia. Il corteggiamento del Chelsea non è finito, Allegri resta fra i candidati anche se nelle ultime settimane gli emissari di Abramovic hanno incontrato anche Simeone e l'ex ct cileno Sanpaoli e Conte resta in pole position.

Tutto questo Marotta lo sa e ora che dopo le fibrillazioni autunnali il rapporto con l'allenatore è tornato sereno, il direttore generale della Juventus sta facendo un piano per convincere Allegri a restare. Ma non solo. A restare felice, soddisfatto e motivato.

Le strade sono due, un piano personale con il prolungamento del contratto e l'adeguamento economico e uno tecnico con una Juventus più forte, più giovane e più italiana.

Sul prolungamento del contratto che scade nel 2017, la trattativa è già stata avviata. La Juve è pronta a rilanciare per altre due stagioni, fino al 2019, con una opzione fino al 2020. Sotto l'aspetto economico il contratto di Allegri, fatto anche di bonus, è destinato a raggiungere i cinque milioni di euro, quello che in sostanza guadagna Conte in Nazionale e il Milan ha offerto allo stesso Ct. Per l'Italia sono contratti al top, è chiaro che il Chelsea paga di più, ma il discorso in questi termini si pone male, è un calcio diverso. Allegri farà le sue controproposte.

Nel frattempo è stato studiato un piano tecnico che prevede l'acquisto di almeno tre giocatori importanti, un regista, un attaccante e un difensore.

Sul regista davanti alla difesa c'è già l'accordo con Gundogan. Marotta e soprattutto Paratici hanno lavorato molto sul padre del ragazzo che è in sostanza quello che valuta e prende le decisioni. L'accordo c'è, sostanzialmente il signor Gundogan ha detto sì e il ragazzo è d'accordo, la sua esperienza al Borussia si è sostanzialmente esaurita con l'esonero di Klopp, ha bisogno di nuovi stimoli. Si spiega anche così il deciso no al rinnovo del contratto (scade nel 2017) proposto dal Borussia. Con l'ok del giocatore sarà più facile andare a trattare con la società tedesca che in gennaio aveva chiesto 30 milioni. La base è alta, ma la Juve conta di spuntare un prezzo inferiore proprio perché il giocatore rischia di andare a scadenza.

Il secondo colpo sarà Cavani già cercato l'anno scorso. Anche qui è intervenuto il padre che è stanco come e più del figlio del dualismo con Ibra e soprattutto non ama il campionato francese, ha voglia di ritrovare l'adrenalina della serie A. Il problema non è il Psg, ma l'ingaggio del giocatore che guadagna una cifra impossibile per la Juve. Si cercherà una soluzione spalmando o roba del genere.

Terzo colpo è un difensore e su questo c'è più riserbo. La pista più logica riporta a Benatia che conosce il nostro calcio, piace molto ad Allegri e con il Bayern c'è in piedi il discorso Coman dopo quello con Vidal. Si tratta di capire cosa vuol fare Ancelotti del difensore che con Guardiola non ha trovato tanto gloria.

Ma non è escluso che Marotta abbia in testa qualche colpo a sorpresa dal mercato internazionale.

Oltre a questo, è previsto l'arrivo di Berardi e sono già stati acquistati Mandragora e Sensi in accordo con il Sassuolo.

Sul discorso Pogba Allegri è molto aperto. Se la cessione del francese dovesse portare in cassa 100-120 milioni da reinvestire, non si opporrebbe. Diverso il discorso Dybala: l'argentino è incedibile almeno per un altro paio d'anni. In uscita anche Morata che il Real vuol riscattare e qualche dubbio c'è anche sul riscatto di Cuadrado che non ha mai fatto impazzire Allegri. Dipenderà dalla sua costanza di rendimento nei prossimi mesi. Si da per scontato, infine, il rinnovo di Barzagli mentre Caceres sarà lasciato andar via.

A proposito di programmi futuri, le fibrillazioni dei giorni scorsi tra la Fiorentina e Sousa hanno portato a rinsaldare il rapporto tra allenatore e società viola. Nei numerosi incontri con il presidente Cognigni è stato chiarito tutto, Sousa ha un contratto, resterà a Firenze con entusiasmo per provare a vincere qualcosa. La società ha parlato di rafforzamento e di un piano di lavoro che l'allenatore portoghese ha approvato. E' stata fatta anche una lunga riunione tecnica, ci sono le idee molto chiare non solo sui ruoli, ma anche sui nomi di alcuni giocatori indicati da Sousa per fare un ulteriore salto in avanti. Rogg, Pradè e Angeloni con il team tecnico sono già al lavoro, cercheranno di piombare sui giocatori richiesti il prima possibile. Sousa ha chiesto di avere la rosa già fatta per il ritiro, soprattutto se la Fiorentina dovesse arrivare terza e fare lo spareggio per la Champions.

Più difficile pensare al futuro di Milan e Inter e non solo per i problemi contingenti. Il Milan aspetta di sapere che fine farà la vicenda mister Bee e se entreranno nuovi soci. Il discorso e i piani cambierebbero di parecchio.

L'Inter sta analizzando il piano B per rientrare dalle esposizioni e pagare i riscatti in essere. Al momento la strada è una sola: vendere Icardi. L'argentino è l'unico ad avere grande mercato e grandi richieste. La valutazione attorno ai cinquanta milioni non spaventa il Manchester e Mou ha ottenuto l'ok dalla società e dal giocatore. Se l'Inter dovesse decidere di vendere l'argentino, il primo ad essere interpellato sarà proprio Mou che domani sera sarà al Meazza per seguire il ragazzo da vicino.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.