HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Juve, che errore! Un mercato perfetto rovinato dal centrocampista. Date tempo a De Boer. Ma all'Inter manca un difensore. Milan, rilancio a gennaio. Napoli più forte anche senza Higuain. Fiorentina avara

02.09.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 62059 volte
© foto di Federico De Luca

Il calciomercato regala una Juventus straordinaria. I dirigenti bianconeri si sono superati nelle idee, nei tempi e nei modi con i quali hanno condotto la campagna acquisti tesa (sembra evidente) a provare a vincere quella Champions League che manca dal 1996. In primavera la Juve ha puntato Higuain e ottenuto l'ok del giocatore, più o meno ha fatto lo stesso con Dani Alves, ma anche con Benatia, è andata avanti con Pjanic, poi di Pjaca si è innamorata all'Europeo. Cuadrado non lo voleva perdere e l'ha ripreso. Insomma, chapeau. La Juve ha 22 giocatori che possono formare due squadre entrambe in grado di vincere lo scudetto. Mi verrebbe voglia di dare dieci al mercato della Juventus, non lo faccio soltanto perché sono deluso dal mancato arrivo di un centrocampista. Pogba avevano deciso di venderlo da tempo. Oggi è arrivata anche la conferma ufficiale del Barcellona che ha rivelato una opzione risalente all'anno scorso (lo scrissi, la verità è venuta fuori: lo dico ai tifosi juventini scettici). Manchester o non Manchester, con Pogba in uscita, Marotta non doveva ridursi all'ultimo giorno per prendere Witsel. E in generale non doveva ritrovarsi con una casella vuota nell'organico.

La Juve (lo ha detto anche Ferguson) ora è di assoluto livello europeo, ma il centrocampo può diventare un problema. Serviva un giocatore internazionale, Matuidi, Sissoko, Luiz Adriano e ultimo Witsel avrebbero colmato definitivamente il gap fra la Juve e tutte le altre. Il centrocampo ora, invece, è un gradino sotto l'attacco e sotto la difesa. Forse Marotta, che ha in mano l'accordo con Witsel e di sicuro arriverà nel giugno prossimo, ha pensato che prima o poi lo Zenit avrebbe mollato per non perdere il giocatore a zero. Ma i russi sono tosti e hanno tenuto fino all'ultimo quando non era più possibile trovare alternative.

E' vero che Lemina sta crescendo, Sturaro lo potrà fare, è sicuro che Asamoah è una garanzia, ma con Marchisio ancora convalescente e Khedira perennemente a rischio, di grande livello resta Pjanic che (fra l'altro) si deve ancora inserire nei meccanismi

bianconeri. Allegri lo vede davanti alla difesa, nel ruolo di Pirlo. Io un po' meno. Spero per lui che abbia davvero trovato il nuovo inventore del gioco, per me il centrocampo resta incompleto. Serviva un giocatore di fisico, di corsa, capace di andare senza palla. Un altro Pogba non esiste, ma qualche controfigura Marotta doveva trovarla a costo di pagarla anche più del prezzo reale. Non si può rischiare nulla e non si doveva lesinare nulla, dopo aver fatto una campagna acquisti faraonica. Credo che il primo dispiaciuto per non aver completato il lavoro sia Marotta, voleva dieci in pagella, si becca solo otto.

Ma i problemi li hanno più grossi gli altri. L'Inter, ad esempio. L'errore è stato quello di cambiare l'allenatore a due settimane dall'inizio del campionato. Prendersela con De Boer è ridicolo, lasciatelo lavorare e spiegare il suo calcio ai giocatori. I nerazzurri stanno gettando le basi per grandi cose, l'Inter tornerà presto fra le grandi del mondo. I soldi sono i soldi e Suning ne ha tanti. Serve però una migliore programmazione tecnica per evitare gli errori di Moratti che un tempo aveva i soldi come i cinesi e troppo spesso li ha spesi male. Va bene prendere Joao Mario e Gabigol, colpi ad effetto per il presente, ma soprattutto per il futuro. Ma nessuno si è accorto che l'Inter ha soltanto due difensori centrali all'altezza (Miranda e Murillo) e il terzo è Ranocchia prigioniero dei suoi problemi? Stai a vedere che alla fine il centrale lo farà Medel...Non basta, con tanta roba in attacco e a centrocampo, non possono andar bene esterni come D'Ambrosio e Santon. Boh. Mi sembra ci siano degli squilibri, programmando per tempo avrei venduto qualche doppione (Jovetic, Brozovic) e investito sulla difesa. Ma come è possibile arrivare agli ultimi giorni di mercato per cercare una collocazione a Jovetic? Un valore così andava sistemato ben prima.

Pensando al Montenegrino, se fossi stato Sarri l'avrei preso. Anche tenendo Gabbiadini, anche in prestito pagandogli lo stipendio cosa che non poteva fare la Fiorentina. Jovetic più o meno falso nueve, poteva essere una soluzione e una alternativa a Milik. Tenendolo davanti alla porta, sa giocare, sa muoversi e fa gol. Il sostituto di Milik, appunto. Questo resta il problema irrisolto del Napoli. Insisto che per me Gabbiadini in quella posizione si adatta, ma non è la sua. Se riuscirà a rasserenarsi farà meglio, ma il problema resta. A meno che Sarri non decida in qualche partita di giocare con due punte e il trequartista (Zielinski) come faceva a Empoli. Comunque se la mancanza di Higuain si sentirà (e chi li rifà 36 gol?), il Napoli si è rafforzato. Ha una rosa più competitiva e giovani interessanti. Il gioco dovrà essere ancora di più il valore aggiunto.

Tornando a Milano, il disastro vero è il Milan. Ma come si fa a trascinare una trattativa di vendita per oltre un anno, a cavallo fra due campagne acquisti? Qualcuno ha sbagliato i tempi e i modi e questa lunga transizione simile a un'agonia sembra senza fine. Il colpo dell'ultima ora è Mati Fernandez, buon giocatore ma riserva della Fiorentina. Non vado oltre. La dura legge del calcio ha colpito Montella che ha rotto con la Fiorentina per andare al Milan per provare a vincere. Dovrà aspettare un po'. A novembre arriveranno i cinesi, di sicuro il rilancio arriverà, ma ci vorrà tempo. Ai tifosi conviene prenderla con filosofia, in questo momento Galliani o non Galliani, non c'era (purtroppo) altra strada.

Fra le pretendenti al titolo anche la Roma non è perfetta. Spalletti dice che Paredes e Strootman sono più forti di Pjanic, ma gli manca un regista che unisca qualità di piede e visione di gioco. De Rossi è un regista difensivo, protegge la difesa e per una squadra veloce come la Roma è ormai lento. Lo sapevano, volevano Borja Valero non a caso, possibile che in tre mesi di mercato non ne abbiano trovato uno? La lacuna nel cuore del gioco mi sembra evidente. La Fiorentina, in teoria, di lacune non ne dovrebbe avere perché ha confermato sostanzialmente (Alonso a parte) la squadra dell'anno scorso che ha fatto bene. Ma non è così, l'anno scorso la stagione è stata drogata da una partenza a razzo, il valore reale di alcuni giocatori è tutto da verificare, altri hanno un anno in più sulle spalle. L'avarizia di Adv che ha pensato solo ai conti e alle plusvalenze, ha costretto Corvino a colpi di seconda (se va bene) o terza fascia. Non hanno potuto pagare neppure lo stipendio a Jovetic, mi sembra un po' grigia.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.